Home / Richiami e ritiri / Illy richiama barattoli di caffè in grani: il coperchio potrebbe staccarsi

Illy richiama barattoli di caffè in grani: il coperchio potrebbe staccarsi

illy caffe grani barattoliIlly ha richiamato diverse confezioni di caffè in grani per la mancanza della valvola di sfiato dell’anidride carbonica sul fondo del barattolo. Sono coinvolti i barattoli di caffè in grani da 250 g con il termine minimo di conservazione che va dal 10/2019 al 02/2020 di tipo:

  • Tostatura media
  • Tostatura scura
  • Decaffeinato
  • Monoarabica Brasile
  • Monoarabica Etiopia
  • Monoarabica Guatemala

L’azienda in un comunicato fa sapere che “solo e soltanto per quanto riguarda questo specifico lotto di barattoli potenzialmente non conformi, a seguito di un errore nel processo di produzione, si potrebbe verificare il brusco distacco del coperchio della confezione in metallo al momento dell’apertura.

Le confezioni richiamate sono facilmente riconoscibili, perché prive della valvola di sfiato sul fondo, dove può essere presente un anomalo rigonfiamento del barattolo (vedi foto sotto). Sul fondo della confezione si può trovare anche il termine minimo di conservazione del caffè, che rimane comunque sicuro per la salute dei consumatori.

fondelli barattoli illy caffe
Come riconoscere i barattoli difettosi di caffè in grani Illy

Il richiamo è stato diffuso oggi anche dal Ministero della salute (clicca qui per consultare la lista dei lotti richiamati) e dalle catene di supermercati Esselunga, Auchan, Gros Cidac, Simply, Unicoop Tirreno, Iper e Coop che hanno distribuito il prodotto nei propri punti vendita.

Si raccomanda ai consumatori che hanno acquistato una confezione di caffè Illy delle tipologie segnalate di controllare sul fondo del barattolo termine minimo di conservazione e presenza della valvola di sfiato. Nel caso in cui la confezione risulti difettosa, Illy invita a non aprirla e contattare il servizio clienti per la restituzione e sostituzione.

L’aspetto curioso del richiamo è che la prima notifica al Rasff di Bruxelles è stata fatta dall’Olanda il 2 marzo 2018, dopo sono seguiti 3 follow up il 7, il 13 e il 14 marzo, dato che il caffè è stato distribuito anche in Croazia e Svezia. In Italia però l’annuncio è stato diffuso dall’azienda il 16 marzo e dal Ministero solo oggi a distanza di 18 giorni!

Per ulteriori informazioni e chiarimenti, è possibile contattare Illy al numero verde 800 821021, dalle 08.30 alle 22.00 dal lunedì alla domenica, oppure all’indirizzo e-mail info@illy.com

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 32 richiami, per un totale di 82 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo pubblicato in Italia che rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali dei punti vendita almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore.

I lettori interessati a ricevere l’ebook, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro in formato pdf “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

farofa de mandioca yoki manioca

Etichettatura errata: Carrefour, Auchan e Simply richiamano la farofa pronta di manioca Yoki. Avviso rivolto a celiaci e intolleranti al glutine

Aggiornamento del 6 aprile 2019: il richiamo della farofa pronta di manioca Yoki è stato …

5 Commenti

  1. Buongiorno è possibile che ci siamo anche dei lotti di caffè macinato con questo problema? Perché io ho da poco acquistato un barattolo, di caffè Illy moka e quando l’ho aperto il barattolo ha fatto una specie di scoppio. Effettivamente sotto non c’e Nessuna valvola ma non so se c’e Differenza tra grani e macinato, ed io prima non ho mai fatto caso se nel macinato la valvola ci fosse… grazie

    • Giulia Crepaldi
      Giulia Crepaldi

      Gentile Deborah,
      il richiamo riguarda unicamente i barattoli di caffè in grani, che devono necessariamente avere una valvola di sfiato per l’anidride carbonica. Le confezioni di caffè macinato, invece, non hanno valvole di sfiato.

  2. Mi sembra che un coperchio che si stacca non abbia nulla a che fare con la sicurezza alimentare, che senso ha segnalare al RASFF problemi come questo? o c’è qualche reale rischio sanitario per il consumatore?

    • Roberto La Pira

      Illy ha fatto una valutazione del rischio e ha deciso di promuovere una campagna di richiamo.

    • OK il richiamo, da quanto apprendo dall’articolo potrebbe anche essere stato fatto semplicemente per la difesa del segmento premium in cui Illy è posizionato; il mio dubbio è sull’utilizzo del RASFF per questioni che non hanno a che fare con la sicurezza alimentare.
      A mio avviso danneggia inutilmente l’immagine dell’azienda, lo stato (in questo caso lItalia) e disperde le informazioni importanti in problematiche di poco interesse.