Home / Richiami e ritiri / Ikea ritira dal mercato piatti, ciotole e tazze in plastica delle linee Heroisk e Talrika: possono rompersi e causare ustioni

Ikea ritira dal mercato piatti, ciotole e tazze in plastica delle linee Heroisk e Talrika: possono rompersi e causare ustioni

Ikea ha ritirato dal mercato e richiamato i piatti, le ciotole e le tazze delle serie Heroisk e Talrika perché “questi articoli potrebbero rompersi e provocare scottature se contengono cibi e bevande caldi”. Le due linee comprendono ciotole, ciotoline, piatti piani, fondi e tripartiti e tazze in plastica Pla da fonti rinnovabili, per un totale di nove prodotti diversi.

La catena di arredamento svedese rende noto che “sono stati segnalati dei casi di rottura dei prodotti”, nonostante tutti i “prodotti vengono testati e approvati in conformità ai più severi standard e alle leggi vigenti”. “Per questo, – aggiunge Ikea – in via precauzionale, stiamo ritirando dal mercato i piatti, le ciotole e le tazze delle serie Heroisk e Talrika.

Ikea, scusandosi per il disagioraccomanda di non utilizzare le stoviglie delle linee ritirate dal mercato. I consumatori in possesso di questi prodotti possono quindi riportarli al punto vendita Ikea più vicino, dove saranno rimborsati. Non è necessario presentare lo scontrino fiscale.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il servizio clienti Ikea al numero verde 800 924646

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 89 richiami, per un totale di 133 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Ikea

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Positività a Salmonella Typhimurium: richiamato salame stagionato

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di un lotto …