Home / Etichette & Prodotti / Ikea dice addio alla plastica monouso entro il 2020 e lancia una nuova linea di stoviglie in bioplastica

Ikea dice addio alla plastica monouso entro il 2020 e lancia una nuova linea di stoviglie in bioplastica

piatti-ciotole-e-tazze-di-colore-rosso-blu-scuro-e-verde-ikeaPlastica monouso addio, anche da Ikea. In vista dell’entrata in vigore della normativa europea che dal 2021 vieterà la circolazione ad alcuni oggetti usa e getta, il gigante svedese dell’arredamento ha annunciato che entro il 2020 eliminerà gradualmente tutti i prodotti monouso dall’assortimento – piatti, bicchieri, cannucce – e dai ristoranti dei punti vendita. Inoltre, per i prodotti Ikea si è impegnata a utilizzare solo plastica riciclata o ottenuta da fonti rinnovabili entro il 2030.

Il processo di sostituzione è già iniziato con il lancio di due nuove linee di stoviglie monouso – piatti e tazze – realizzate in acido polilattico (Pla), una bioplastica prodotta a partire da materie prime vegetali, con un impatto ambientale inferiore rispetto ai prodotti in plastica derivata dal petrolio. Non solo: il Pla nelle giuste condizioni, è anche biodegradabile e compostabile.

Il cambiamento non si limita ai piatti e alle tazze, ora anche i famosi sacchetti con cerniera Ikea sono realizzati prevalentemente (85% del materiale) in bioplastica ottenuta dalla canna da zucchero.

© Riproduzione riservata

Fonte immagini: Ikea

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Close up photo of charming lovely hipster playing with cakes pies candies in kitchen preparing for birthday dressed in white woolen pullover isolated over colorful background

Ma esiste davvero un biscotto sano? Altroconsumo analizza 168 prodotti tra frollini, biscotti secchi, integrali e ‘senza’

C’è chi i biscotti preferisce mangiarli a colazione, chi li accompagna al classico tè delle …

3 Commenti

  1. Avatar

    In azienda c’è l’erogatore con il boccione dell’acqua e, di conseguenza, i bicchieri in plastica. Non li sprechiamo, dato che nessuno beve e butta via il bicchiere ogni volta, ma lo riutilizza per l’intera giornata. Ma non mi basta. Finite le scorte di bicchieri forniti dalla società che fornisce i boccioni, acquisterò dei bicchieri compostabili che, certo, mi costeranno il doppio, ma quando saranno di maggior uso i prezzi scenderanno.

    • Avatar

      e dei bicchieri di vetro da lavare no??? Dobbiamo liberarci dall’ “usa e getta”; è il primo passo.

  2. Avatar

    @federico: dei bicchieri in vetro si possono utilizzare in un ufficio, ma non in un contesto produttivo, dove non è fattibile che dopo ogni uso il dipendente vada a lavrsi il bicchiere, da lasciare dove, poi? in giro? Sulla postazione di lavoro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *