Home / Richiami e ritiri / Cannella in polvere bio, ancora richiami per presenza di anidride solforosa non dichiarata

Cannella in polvere bio, ancora richiami per presenza di anidride solforosa non dichiarata

cannella artigiano del bioIl ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di alcuni lotti di cannella in polvere bio con i marchi Artigiano del Bio e Pensa Bio perché “la cannella utilizzata nel confezionamento contiene l’allergene anidride solforosa non dichiarato in etichetta”. I prodotti in questione sono i seguenti:

  • Cannella biologica in polvere Artigiano del Bio, in confezione da 1 kg, con i numeri di lotto 220105, 220207, 220427, 220704 e 220822 con i termini minimi di conservazione (Tmc) 30/04/2023, 04/07/2023 e 22/08/2023;
  • Cannella biologica in polvere Pensa Bio, in confezione da 40 grammi, con i Tmc 20/07/2023, 05/10/2023 e 14/12/2023, corrispondenti ai numeri di lotto.

La cannella in polvere richiamata è stata prodotta dall’azienda Food For All Snc, nello stabilimento di via G. Galilei 6/8 a Pescantina, in provincia di Verona.

In precedenza, per lo stesso motivo, erano stati segnalati altri richiami di cannella biologica. Si tratta della cannella a marchio La Finestra sul Cielo, realizzato da BiotoBio srl (clicca qui per i dettagli,) e del mix a base di cannella a marchio Lo Conte, prodotto da Ipafood Srl (clicca qui per i dettagli).

A scopo precauzionale, si raccomanda alle persone allergiche all’anidride solforosa di non consumare la cannella con i numeri di lotto segnalati e di restituirla al punto vendita di acquisto dove sarà rimborsata. Il prodotto è sicuro per i consumatori e le consumatrici che non sono allergici all’anidride solforosa.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 156 richiami, per un totale di 285 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos (copertina), ministero della Salute

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

salame affettati insaccati

Salame morbido richiamato per Listeria. Semi per uccelli ritirati per ambrosia in eccesso

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di un lotto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *