;
Home / Richiami e ritiri / Esselunga, richiamate barrette biologiche per ossido di etilene nello zenzero. Segnalato riso basmati con pesticidi

Esselunga, richiamate barrette biologiche per ossido di etilene nello zenzero. Segnalato riso basmati con pesticidi

barrette veggy brownie maamaI supermercati Esselunga e il ministero della Salute hanno diffuso il richiamo di alcuni lotti delle barrette biologiche Brownie e Veggy L’Arancione a marchio Maama per il “contenuto di ossido di etilene dovuto alla presenza di zenzero superiore ai limiti di legge”. I prodotti interessati sono i seguenti:

  • Barrette energetiche con zenzero e cioccolato fondente 98% Brownie, vendute in unità da 35 grammi ciascuna, appartenenti ai lotti 130122 con termine minimo di conservazione (Tmc) 13/01/2022, e 150122 con Tmc 15/01/2022
  • Mini barrette di frutta e verdura Veggy L’Arancione, vendute in confezioni da 32 grammi, appartenenti ai lotti 05OTT21 con Tmc 05/10/2021, 18DIC21 con Tmc 18/12/2021 e 12FEB22 con Tmc 12/02/2022

Le barrette sono state prodotte da Meraviglie Srl nello stabilimento di via del Commercio 16, a Sommacampagna, in provincia di Verona.

Il ministero della Salute, invece, ha segnalato il richiamo di un lotto di riso basmati “Original basmati rice” a marchio Daawat per la “presenza di pesticidi”. Il prodotto in questione è venduto in sacchetti da 1 kg con il numero di lotto GFT 21/2020 e il termine minimo di conservazione 04/2022.

Il riso basmati richiamato è stato prodotto LT Food Limited, nello stabilimento di Bosporusstraat 42, Maasvlakte, a Rotterdam (Paesi Bassi).

Per precauzione, si raccomanda di non consumare i prodotti con i numeri di lotto e i termini minimi di conservazione segnalati, e restituirle al punto vendita d’acquisto.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 66 richiami, per un totale di 96 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Esselunga, ministero della Salute

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

condimenti salsa tartufo cacio pepe cracker

Richiamate salsa al tartufo e cacio e pepe per ingrediente con allergeni non dichiarati, cracker sesamo e rosmarino per ossido di etilene. Aggiornamento 26/7: la nota del produttore dei condimenti

Aggiornamento del 26 luglio 2021: con una nota a Il Fatto Alimentare in merito al richiamo …

3 Commenti

  1. Avatar

    Sono poche le ditte italiane che vendono Bio delle quali mi fido(non ciecamente) e la mia innata diffidenza verso i prodotti non europei si é manifestata in maniera travolgente. È vergognoso che questi prodotti venissero usati da chi vende biologico asterisco da anni, senza che nessuno controllasse.

    • Avatar
      Manuela Sdrulla

      In effetti la maggior parte dei prodotti biologici italiani ed europei oggi sono realizzati con ingredienti cinesi, indiani o del Sud America. Sono più economici e il consumatore medio non si fa tanti problemi…

  2. Avatar
    Roberto Pinton

    Avevo già interpellato l’azienda, che mi fornito i riferimenti del fornitore di zenzero, che ho sentito: ha importato la partita a marzo 2020 e l’ha esaurita il 2 settembre 2020.

    L’allerta sull’uso dell’ossido di etilene (disinfettante ammesso a uso sanitario, ma non alimentare, trova qui https://ilfattoalimentare.it/sesamo-etilene-pinton.html l’analisi della questione) è emerso a ottobre e inizialmente limitatamente al sesamo, per cui il principio attivo non era stato inserito nell’elenco delle sostanze da ricercare nell’analisi chimica che l’azienda effettua regolarmente in ingresso.

    A oggi il principio attivo è monitorato su tutti i prodotti provenienti dall’India (l’azienda riferisce la conformità di tutti i lotti analizzati).

    I clienti che hanno acquistato zenzero prima di settembre sono stati subito allertati: se, come il produttore di barrette, ne hanno ancora a magazzino possono così procedere alla segregazione.

    Presumibilmente entro un paio di settimane saranno disponibili le conclusioni dell’indagine avviata da Commissione Europea e autorità competente indiana e si disporrà del quadro completo con l’individuazione delle responsabilità.