muffe, salame

salame capagnolo iperalIperal e il ministero della Salute hanno segnalato il richiamo di un lotto di salame campagnolo a marchio Le Selezioni Iperal per la presenza di Salmonella spp ISO 6759-1. Il prodotto in questione è venduto in pezzi da 700 grammi con il numero di lotto 3568 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 13/02/2023.

Il salame campagnolo richiamato è stato prodotto dall’azienda Smapp Spa, nello stabilimento di via Circonvallazione 7 a Trezzano sul Naviglio, nella città metropolitana di Milano (marchio di identificazione IT 1031 L CE).

Per lo stesso motivo, il ministero della Salute, Aldi, Il Gigante e Carrefour hanno segnalato anche il richiamo dello stesso lotto di salame campagnolo con i marchi Salumi Pasini e Gourmet Finest Cuisine, prodotti sempre da Smapp Spa (tutti i dettagli in questo articolo).

A scopo precauzionale, il produttore raccomanda di non consumare il salame con il numero di lotto segnalato e restituirlo al punto vendita d’acquisto.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 161 richiami, per un totale di 293 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: AdobeStock (copertina), Iperal

Ogni anno vengono ritirati dagli scaffali dei supermercati centinaia di prodotti alimentari pericolosi o non idonei alla vendita.
Il Fatto Alimentare ha lanciato un servizio completamente gratuito, che permette di ricevere in tempo reale una notifica ogni volta che viene pubblicata un'allerta o un richiamo.
Se volete rimanere informati iscrivetevi al nuovo canale Telegram de Il Fatto Alimentare https://t.me/ilfattoalimentareallerta, oppure al servizio di allerta via email cliccando il pulsante qui sotto.

Iscriviti

Giulia Crepaldi - 28 Novembre 2022