Home / Richiami e ritiri / Richiami precauzionali per crostata e crostatina alla ciliegia e antipasto emiliano. Interessati Coop e Penny Market. Aggiornamento 4/11: la nota del produttore di crostate

Richiami precauzionali per crostata e crostatina alla ciliegia e antipasto emiliano. Interessati Coop e Penny Market. Aggiornamento 4/11: la nota del produttore di crostate

crostata ciliegia lagoCoop ha segnalato il richiamo precauzionale di alcuni lotti di crostata con confettura di ciliegia a marchio Lago per una “sospetta presenza di ossido di etilene”. Il prodotto interessato è venduto in confezioni da 350 grammi e appartiene ai lotti numero L.21091 con termine minimo di conservazione (Tmc) 15/12/2021, L.21140 con Tmc 31/01/2022 e L.21163 con Tmc 15/02/2022.

La crostata richiamata è stata prodotta da Lago Group Spa di via Roma 24, Galliera Veneta (provincia di Padova), nello stabilimento di via Vittorio Veneto 103 a Tombolo, sempre in provincia di Padova.

Un altro lotto era stato richiamato precauzionalmente lo scorso giugno, sempre per la sospetta presenza di ossido di etilene. In quell’occasione, l’azienda aveva fatto sapere che il provvedimento era stato effettuato in maniera tempestiva in seguito alla segnalazione di una sospetta contaminazione e a ricordato che il richiamo “non riguarda in nessun modo né altri lotti degli stessi prodotti, né altri prodotti a marchio Lago Group”.

Coop rende noto che il provvedimento interessa solo alcuni punti vendita della catena. Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’azienda al numero 049 9475511

Aggiornamento del 4 novembre 2021

Lago Group Spa, in una nota a Il Fatto Alimentare, rende noto di aver richiamato precauzionalmente, oltre ai tre lotti di crostata alla ciliegia sopraindicati, anche sei lotti di crostatina con confettura di ciliegie, sempre per la “sospetta presenza di ossido di etilene”. Sono interessate le confezioni da 240 grammi che fanno parte dei lotti numero L.21098 con Tmc 15/12/2021, L.21112 con Tmc 31/12/2021, L.21116 con Tmc 31/12/2021, L.21137 con Tmc 31/01/2022, L.21151 con Tmc 15/02/2022 e L.21167 con Tmc 28/02/2022.

crostatina ciliegia lagoL’azienda fa sapere anche che “in ottica di tutela dei propri consumatori e della qualità di tutti i suoi prodotti, Lago Group S.p.A. ha condotto un richiamo tempestivo in via precauzionale” dei prodotti. Inoltre, “Lago Group precisa che, non essendo possibile stabilire un livello di esposizione sicuro per i consumatori, ha richiamato e ritirato tutti i lotti che contengono l’additivo in cui è stata rilevata la presenza di ossido di etilene superiore ai limiti di legge, indipendentemente dal livello effettivo di presenza nel prodotto finale. Il richiamo non riguarda in nessun modo né altri lotti degli stessi prodotti, né altri prodotti a marchio Lago Group.

“Appena ricevuta comunicazione dal nostro fornitore di farcitura di ciliegia di presenza nell’additivo di ossido di etilene superiore ai limiti di legge abbiamo immediatamente provveduto a effettuare una tracciabilità per identificare i prodotti interessati ed effettuare il ritiro preventivo per continuare a garantire la sicurezza e la qualità ai nostri clienti. Ci scusiamo per il disagio arrecato e desideriamo rassicurare sulla qualità dei nostri prodotti.” dichiara Francesco De Marco, chief commercial officer Lago Group.

Penny Market, invece, ha segnalato il richiamo precauzionale di un lotto di antipasto emiliano (coppa, salame e pancetta) a marchio Cuor di Terra “per possibile contaminazione microbiologica”. Il prodotto interessato è distribuito in vaschette da 120 grammi con il numero di lotto 3415151 e il Tmc 15/12/2021.

L’antipasto richiamato è stato prodotto dall’azienda Furlotti e C Srl nello stabilimento di via Santi 1, a Medesano, in provincia di Parma (marchio di identificazione IT 984 L CE).

Aggiornamento del 4 febbraio 2022

Il ministero della Salute ha pubblicato la revoca del richiamo precauzionale dell’antipasto emiliano per il superamento della data di scadenza del prodotto.

A scopo puramente precauzionale, si raccomanda di non consumare i prodotti segnalati e restituirli al punto vendita dove sono stati acquistati.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 232 richiami, per un totale di 424 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Coop, Penny Market

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Pizzoccheri in tegame di coccio circondati da patate e verza

Lupini non dichiarati: richiamati i pizzoccheri pronti Viva la Mamma Beretta

I supermercati Iper e Unes hanno segnalato il richiamo da parte del produttore di due lotti …