Confezione di hamburger di bovino limousine a marchio Charal con etichetta a semaforo Nutri-Score B

Ettore Prandini, prima di rilasciare la prossima intervista in cui affronta il tema dell’etichetta a semaforo Nutri-Score come quella pubblicata da il quotidiano Il Giornale, dovrebbe ripassare la materia o fare una visita dall’oculista perché potrebbe avere qualche problema. Nell’intervista, il presidente di Coldiretti si scaglia contro il grano canadese, il pomodoro cinese, Confagricoltura e il Nutri Score, adottato da sette Paesi europei. Tutti i discorsi hanno un filo conduttore: la difesa del cibo italiano. Abbiamo già commentato le scorribande in motoscafo di Coldiretti nel porto di Salerno all’arrembaggio del fantomatico pomodoro cinese, che secondo Prandini diventa italiano per qualche strano maneggio degli industriali delle conserve campani. Anche per il grano canadese, che farebbe concorrenza a quello italiano, va solo detto che senza quelle navi il nostro Paese non esporterebbe un solo spaghetto all’estero.

Coldiretti contro il Nutri-Score

Il terzo cavallo di battaglia dell’intervista è la crociata contro il Nutri-Score. Questa etichetta si caratterizza per l’uso di una scala di cinque colori (dal verde scuro al rosso) e cinque lettere (dalla A alla E), attribuiti a ogni prodotto in base alle sue caratteristiche nutrizionali. La E rossa è il giudizio più penalizzante. Tutto è molto semplice, ma non per Prandini che confonde i colori in modo grossolano. Se il presidente non ha problemi di vista, forse ha una scarsa conoscenza della materia, oppure cerca di denigrare con delle falsità il miglior strumento europeo di etichettatura nutrizionale.

Intervista a Ettore Prandini (Coldiretti) su Nutri-Score - Il Giornale giugno 2024

Prandini, nell’intervista, sostiene che l’etichetta a semaforo attribuisce al Grana Padano e al Parmigiano Reggiano il colore rosso (non è vero: è arancione). Anche la marmellata biologica di mirtilli sarebbe rossa (non è vero: le confetture di mirtilli bio vanno dalla C gialla alla D arancione). Sostiene che una bibita gassata senza zucchero ha l’etichetta verde (non è vero: è gialla). Dice che le patatine surgelate sono verdi (è vero, ma solo perché devono essere ancora fritte in padella).

Insomma, pur di sostenere la critica al Nutri-Score inventa i colori proprio come ha fatto il ministro Lollobrigida (ne abbiamo parlato qui) , che poco più di un anno fa ha addirittura diffuso un manifesto con queste scempiaggini, facendo una figura ridicola agli occhi dei Paesi che usano l’etichetta e del mondo scientifico. Che dire, l’unica cosa intelligente è suggerire a Prandini di fare un ripasso veloce prima della prossima intervista (bastano due minuti per controllare i colori del Nutri-Score), ma forse a questo punto non saprebbe cosa dire.

© Riproduzione riservata

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Non accettiamo pubblicità di junk food, acqua minerale, bibite zuccherate, integratori, diete. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

3 24 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

12 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
luigiR
luigiR
3 Giugno 2024 14:31

il periodo che stiamo vivendo è purtroppo guidato da obnubilati oscurantisti.

Pinuccio
Pinuccio
3 Giugno 2024 16:17

Dai su, ridicoli per ridicoli, non è che anche voi ci facciate una bella figura. Dire che il Nutri Score si basa su aspetti scientifici è una boutade… Gli articoli scientifici sul Nutri Score li scrivono quelli che lo usano, nessuno o pochi di terze parti (mancano molti “bias” come dicono i più tecnici).

Mirco Arniani
Mirco Arniani
3 Giugno 2024 23:01

Penso che il nutri-score sia un passo in avanti nell’informazione alimentare e serva ad educare per un alimentazione sana .

Marrino
Marrino
4 Giugno 2024 07:13

….ho letto l’articolo, dove si parla del colore attribuito alle patate surgelate. di solito le stesse vanno fritte, non ho visto nessuno mangiarle crude, quindi Prandini ha ragione. Voi non mi convincere ….❗

Federico
Federico
Reply to  Roberto La Pira
4 Giugno 2024 10:45

Egregio Direttore, ricordi invece ai suoi lettori scettici quanti lavori scientifici sono stati fatti sul Nutri Inform…

Valeria Nardi
Reply to  Federico
4 Giugno 2024 11:39

Sul Nutrinform sono stati fatti un totale di 4 studi (!) di cui almeno 2 finanziati da Federalimentare. E si tratta sempre di indagini di mercato e non studi epidemiologici, di salute pubblica o studi di validazione del modello.

Anna
Anna
Reply to  Roberto La Pira
4 Giugno 2024 11:32

Quindi voi vi basate sulle dichiarazioni del produttore.

Valeria Nardi
Reply to  Anna
4 Giugno 2024 11:42

Noi e chiunque altro. Anche per il NutrInform ci si basa sulle dichiarazioni nutrizionali fornite dalle aziende.

Valerio
Valerio
Reply to  Anna
4 Giugno 2024 13:47

Invece come è noto il signor Prandini e il signor Lollobrigida verificano personalmente ogni singola etichetta che viene apposta da ogni singolo operatore alimentare italiano ogni singolo giorno, le valutano e le approvano una ad una, dall’alto della loro (in)competenza…

Christine
Christine
Reply to  Marrino
9 Giugno 2024 15:00

Questa precisazione x dire che l’analisi è fatta sulle patate surgelate crude e che ovviamente l’analisi cambierebbe se fosse rifatta dopo cottura! E sarebbe anche molto variegata secondo il tipo di cottura usata,quantità e qualità di grassi usati e di sale aggiunto!!!
Non vedo cosa c’è di poco chiaro o poco attendibile!!!

12
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x