Home / Sicurezza Alimentare (pagina 65)

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Mozzarella blu: le cause della colorazione non sono tutte chiare. Ma i batteri non provocano mal di pancia

Il  27 maggio  dell’anno scorso una signora torinese consegna ai Nas una mozzarella con il marchio italiano prodotta in Germania diventata blu. Undici mesi dopo l’8 aprile a Torino si ripete la stessa scena. Questa volta si tratta di mozzarelle italiane comprate in un mercato rionale della città. La vicenda non attira più l’attenzione dei giornali, perchè nell’ultimo anno sono …

Continua »
cetriolo

In Germania scatta l’allerta per i cetrioli contaminati da Escherichia coli: 4 morti e 140 persone in cura

Le autorità sanitarie tedesche sono in allerta. In pochi giorni  a causa di alimenti contaminati da un batterio chiamato Escherichia coli O 104 ci sono stati 4 morti e oltre 140 persone colpite da disturbi intestinali, la maggior parte residenti nel nord del paese. Le autorità di controllo pensano di avere individuato la causa in  cetrioli  provenienti dalla Spagna lavati …

Continua »

Cina: dopo lo scandalo del latte alla melammina, le contaminazioni alimentari in aumento e l`opinione pubblica in allarme costringono il governo ad allentare la censura

Ci sono buoni elementi per pensare che in  Cina  la comunicazione sul rischio alimentare sta superando  l’impenetrabile muraglia della censura. Forse tutto ciò sta accadendo perché il governo da solo non ce la fa. O perché i casi di allerta alimentare sono in continuo aumento. O, ancora, perché si temono le reazioni di un’opinione pubblica allarmata che cerca  sempre di …

Continua »

In Cina le angurie esplodono per un errore nel dosaggio di sostanze chimiche usate anche in italia nei kiwi.

  L’articolo pubblicato sul Corriere della sera on line  il 17 maggio racconta la storia delle angurie cinesi che giunte a maturazione scoppiano a causa di una sostanza chiamata  forchlorfenuron utilizzata per fare crescere velocemente i frutti. Nell’articolo si dice che questo fitoregolatore  si usa in Cina ma anche negli Stati Uniti per i kiwi, e si lascia intendere che …

Continua »

Mestoli e stoviglie in melammina non vanno usati per friggere o cuocere, né nel microonde: possono rilasciare particelle tossiche

 Piatti, stoviglie e altri utensili da cucina a base di resina melamminica possono rilasciare melammina e formaldeide quando vengono riscaldati, e una quantità di queste sostanze nocive può migrare negli alimenti. Gli studi condotti dall’Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) – l’ente nazionale che in Germania si occupa di sicurezza alimentare –  e dalle autorità di controllo degli …

Continua »

Diossina nel pesce: vietata la vendita di anguille nel lago di Garda. Un provvedimento necessario che non deve creare allarmismo

Il ministero della Salute il 17 maggio ha vietato la commercializzazione  delle anguille provenienti dal lago di Garda, perché sono risultate contaminate da diossina. Nel provvedimento si dice che il divieto durerà un anno e  si invitano le Regioni e le Province interessate ad informare i consumatori sui rischi per la salute. La decisione è stata assunta in seguito ad …

Continua »

Conservare? le conserve: le informazioni in etichetta sono solo indicative. Attenzione a odori, sapori e aspetto e a fare buon uso del frigo

Quando si parla di rischi alimentari l’impressione è che dipendano dalla materia prima o dai trattamenti di trasformazione, conservazione, mantenimento della catena del freddo…, e che il consumatore possa farci ben poco. In realtà le cose non stanno affatto così. Solo l’esercizio vigile e costante del nostro giudizio critico, al momento dell’acquisto del prodotto, durante la sua conservazione e al …

Continua »

Bisfenolo (BpA): anche la Cina lo vieta nei biberon, seguendo l`Europa. Alcuni prodottori e venditori si sono già adeguati

In Europa la produzione e l’importazione di contenitori di alimenti per neonati contenenti bisfenolo A (BpA) sono vietate, rispettaivamente, dal 1 maggio e dal 1 luglio. Anche la Cina, secondo un progetto comunicato dal ministero della Sanità, sta cercando di allinearsi agli standard europei e ne vieterà la vendita dal 1° settembre 2011. Il progetto di veto per il BpA …

Continua »

FoodRisC: il piano europeo per comunicare il rischio alimentare senza allarmismi, attraverso media e social-network

Si chiama FoodRisC (Food Risk Communication – perception and communication of food risk/benefits across Europe), e nasce con l’obiettivo di migliorare la comunicazione sul rischio inerente la sicurezza alimentare, esplorando le potenzialità di social network come Facebok e Twitter. L’iniziativa, patrocinata da otto tra le principali autorità sanitarie mondiali quali European Food Information Council (EUFIC, www.eufic.org/),  European Food Safety Agency …

Continua »

Latte cinese tossico: adulterato con melammina da un produttore di gelati. Nessun rischio per l`Italia

Continuano le frodi sul latte in Cina: l’ultima notizia è il sequestro di oltre 26 tonnellate di latte in polvere adulterato da un produttore di gelati a Chongqing, metropoli della regione meridionale del Guangxi. Il veleno è sempre la melammina, lo stesso che nel 2008 ha ucciso almeno sei bambini e ne ha mandati all’ospedale migliaia. Questa sostanza viene aggiunta …

Continua »

Nanoparticelle: i consumatori inglesi le ammettono solo per scopi salutistici e nel packaging. Una ricerca della Foods Standards Agency

Il dibattito sull’uso alimentare delle nanoparticelle è sempre vivissimo. E’ di questi giorni la pubblicazione, da parte dell’inglese Food Standards Agency (FSA) di una ricerca sull’opinione dei consumatori riguardante l’uso delle nanotecnologie nel packaging alimentare e nei cibi, condotta tra la fine del 2010 e l’inizio dell 2011. I risultati sono chiari: i consumatori dichiarano un atteggiamento positivo verso l’uso …

Continua »
patatine fritte

Nuovo rapporto Efsa sull’acrilammide. Non è diminuita nei prodotti industriali, il fai da te delle aziende non funziona

Acrilammide, chi era costei? Anche i meno informati hanno ormai imparato che si tratta di una sostanza tossica che si forma durante la cottura ad alta temperatura (frittura in primis, ma anche forno e griglia) di cibi contenenti amido. Da quando, nel 2002, un gruppo di ricercatori svedesi mise in guardia per la prima volta dal pericolo di mangiare le …

Continua »

Usa: circa la metà delle carni vendute al supermercato è contaminata da Stafiloccocchi aurei resistenti agli antibiotici

La metà circa delle carni presenti nei supermercati statunitensi è contaminata da Stafilococchi aurei, quasi sempre resistenti agli antibiotici. Lo hanno scoperto i ricercatori del Traslational Genomics Research Institute dell’Arizona, che hanno analizzato 136 campioni di carni bovine, suine, di tacchino e di pollo scelti tra gli 80 marchi commerciali più diffusi, prelevati in 36 punti vendita di Los Angeles, …

Continua »

Sicurezza alimentare: a Fukushima scatta il 7° livello di gravità, ma non è come Cherbobyl. Nessun pericolo in Italia

Dopo essere stati rassicurati da autorità, media ed esperti ( intervenuti anche su ilfattoalimentare.it) che l’incidente di Fukushima non poteva essere paragonato a quello di Chernobyl, arriva  la notizia che l’incidente giapponese è stato classificato al settimo grado della scala Ines ,  esattamente come Chernobyl. Ma allora come stanno veramente le cose? Lo abbiamo chiesto a Giuseppe Sgorbati, coordinatore dei dipartimenti …

Continua »

Nanosilver: troppi interrogativi aperti. L`Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi raccomanda prudenza

Le nanotecnolgie – che permettono ridurre la materia conosciuta a dimensioni infintesimali per modificarne le caratteristiche usuali e renderla adatta a nuovi scopi e funzioni – sono senza dubbio affascinanti e Ilfattoalimentare.it se ne è occupato più volte (vedi sotto l’articolo). Ma le conoscenze attuali sono ancora incomplete per poter escludere con assoluta sicurezza i rischi per la salute. Questa …

Continua »