;
Home / Supermercato / Supermercati, 900 euro di risparmio a Torino scegliendo il punto vendita giusto con i consigli di Altroconsumo

Supermercati, 900 euro di risparmio a Torino scegliendo il punto vendita giusto con i consigli di Altroconsumo

supermercato sconti comprare spesaCome ogni anno Altroconsumo ha pubblicato la sua famosa inchiesta sui supermercati, con la classifica dei punti vendita più convenienti d’Italia, dominata quest’anno dalla catena Famila, seguita da Conad. L’indagine è stata realizzata visitando 1.148 supermercati, ipermercati e discount di 70 città italiane, rilevando 1,6 milioni di prezzi in 125 categorie di prodotti, 10 in più rispetto alle 115 del 2020. Il carrello preso in considerazione per la spesa in supermercati e ipermercati  comprende varie tipologie di prodotti (marche famose, marchi del supermercato e anche marchi meno conosciuti scelti perché sono i più economici sugli scaffali).

Dopo Milano e Roma, vediamo com’è la situazione a Torino e dintorni. Nel capoluogo sabaudo la classifica è dominata dal Carrefour di corso Montecucco 108, che ha ottenuto un indice 109: ciò significa che una spesa in questo punto vendita è il 9% più costosa rispetto a quello più economico d’Italia, un Super Rossetto in provincia di Rovigo. In seconda posizione troviamo un altro Carrefour, quello del centro commerciale Le Gru di via Crea 10, a Grugliasco, con un indice di 110. Segue il punto vendita Bennet di via Verolengo 17/19, con un indice di 111.

supermercati torino 2021Ai piedi del podio si piazzano a pari punteggio (112) l’Ipercoop Parco Dora di via Livorno 51 e il supermercato Mercatò di via Leini 42/A. Troviamo un pareggio anche scendendo in quinta posizione, dove si piazza un altro punto vendita Mercatò, quello di via Carso 10, e l’Esselunga di corso Traiano 131, con un indice di 113.

Osservando l’estremità opposta della classifica, troviamo un certo affollamento nelle ultime tre posizioni. All’ultimo posto troviamo due punti vendita Pam, quelli via San Paolo 36 e via Salbetrand 67, con un indice di 125, a 14 punti di differenza dal supermercato più economico di Torino. Salendo in penultima posizione troviamo altri tre punti vendita Pam, quelli di corso Sebastopoli 227/A, corso Racconigi 236/A e corso Bramante 93, con un punteggio di 123. Al terzultimo posto, invece, troviamo ben sei punti vendita con un indice di 123: due Basko (corso Brescia 51 e piazza Pietro Francesco Guala 147), due Conad (corso Bernardino Telesio e via Cesana 78) e due U2 Supermercato (via Fossata, ang. via Sospello 123 e via Giacinto Pacchiotti 49).

Scegliendo di fare la spesa nel punto vendita più economico di Torino invece che in uno dei due più costosi è possibile risparmiare 923 euro l’anno. Un bel risparmio, ma inferiore a quello che si poteva raggiungere nel 2020, pari a 1.323 euro: esattamente 400 euro in più. Il posizionamento degli altri supermercati della città è consultabile sul sito di Altroconsumo (solo per abbonati).

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Supermercati, a Roma si possono risparmiare più di 1.000 euro sulla spesa secondo Altroconsumo

Come ogni anno Altroconsumo ha pubblicato la sua famosa inchiesta sui supermercati, che questa volta incorona la catena …

2 Commenti

  1. Avatar

    Buon giorno perché non un chiarimento sui supermercati tipo
    Eurospin
    Lidl
    Md
    Ime’
    Mi si racconta che i prodotti sono più scadenti rispetto alle Marche pubblicizzate in tv e conosciute dalla grande distribuzione ,da consumatore trovo molti prodotti di qualità nel reparto frutta e verdura e quelli provenienti dall Italia, c’è una macelleria con prodotti freschi di in azienda del nostro paese ! Chi determina la qualità di un prodotto perché è meglio o peggio la merendina di eurospin rispetto a quella del grande rinomato supermercato ?
    Grazie per la vostra attenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *