Home / Pubblicità & Bufale / Vitamina D e diabete di tipo 2: gli integratori non riducono il rischio. Ne parla “Dottore, ma è vero che…?”

Vitamina D e diabete di tipo 2: gli integratori non riducono il rischio. Ne parla “Dottore, ma è vero che…?”

vitamina DMa davvero prendere integratori di vitamina D previene il diabete? Magari fosse così semplice. Come spiega un articolo a cura di Pensiero Scientifico Editore pubblicato dal portale anti-bufala della FNOMCeO, “Dottore, ma è vero che…?”, uno studio aveva veramente suggerito questa possibilità, ma, come spesso accade, ricerche successive hanno raffreddato l’entusiasmo generale. Peccato che intanto la teoria della vitamina D anti-diabete si sia fatta strada nel web. Ma andiamo con ordine.

Tutto parte da una considerazione di base: la carenza di vitamina D (o meglio di 25-idrossi-vitamina D) è associata a due fenomeni implicati nella patogenesi del diabete di tipo 2: cattivo funzionamento delle cellule beta del pancreas (quelle che producono l’insulina) e insulino-resistenza. Questa associazione è stata rilevata da diversi studi nel corso degli anni, ma nessuno è stato in grado di dimostrare un rapporto di causa-effetto tra integratori di vitamina D e riduzione del rischio di sviluppare il diabete.

Per questo alcuni gruppi ricercatori hanno condotto studi su persone ad alto rischio di diabete, in cui metà dei partecipanti ha ricevuto vitamina D e metà un placebo, facendo così da controllo. In tutti i casi, i risultati hanno mostrato che gli integratori di vitamina D potrebbero ridurre di poco il rischio di diabete, ma che questo effetto non è statisticamente significativo.

Piuttosto che riporre le proprie speranze in un integratore, è bene ricordare che per ridurre in maniera efficace il rischio di diabete è sufficiente adottare uno stile di vita sano e una dieta con un contenuto calorico ridotto, oltre a fare almeno 150 minuti di attività fisica moderata o intensa alla settimana. È importante anche smettere di fumare: c’è una stretta relazione tra fumo e rischio di sviluppare il diabete. Gli integratori di vitamina D, invece, dovrebbero essere assunti solo da persone con carenze documentate e necessità mediche diagnosticate.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

close up of friends with beer bottles outdoors

La pubblicità della birra fa presa sui ragazzi: più le aziende spendono in marketing, più salgono le vendite tra gli adolescenti

A guardare i numeri, la strategia risulta molto evidente: le aziende di alcolici e, nello …