Home / Archivio dei Tag: rischio

Archivio dei Tag: rischio

Che rischio chimico c’è nel piatto? Al di sotto del limite, nessuno. Lo spiega l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

Attribuire alla parola “chimica” un significato dispregiativo o di danno è un’abitudine comune ma non corretta. Tutto è chimica. Noi stessi siamo chimica: siamo fatti di atomi e molecole, più o meno complessi. Così come lo sono i cibi che mangiamo. Esistono sostanze buone e salutari, o addirittura indispensabili, e altre potenzialmente tossiche. L’ossigeno che respiriamo è necessario per la …

Continua »

Batteri resistenti agli antibiotici nelle insalate pronte. Uno studio tedesco ne segnala la presenza

imballaggi plastica insalata packging

Il mercato propone una grande varietà di insalate tagliate, pronte per l’uso e confezionate in contenitori sigillati da film di plastica. È noto che questo tipo di prodotti a base di insalata e altre verdure crude possa essere contaminato da batteri potenzialmente  pericolosi per la salute umana. Uno studio appena pubblicato su mBio, rivista della Società americana di microbiologia, ha …

Continua »

Pollame: la Commissione Ue vuole cambiare i controlli sulla macellazione. Maggiori rischi per il consumatore

pollame

La Commissione Ue vuole modificare entro l’anno le modalità di controllo del pollame  in fase di macellazione. Attualmente, ogni carcassa viene ispezionata visivamente dopo la macellazione, prima di essere autorizzata per il consumo. Si tratta di un metodo, come ha osservato l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel 2012, utile per verificare le condizioni di salute e benessere degli …

Continua »

Abuso di alcol, a rischio più di 8,6 milioni di italiani, di cui 1,7 milioni giovani. I dati diffusi dall’Istituto superiore di sanità

Drinking competition at rooftop party

In Europa, il consumo di alcol rappresenta il terzo fattore di rischio di malattia e morte prematura, dopo il fumo e l’ipertensione arteriosa.L’Italia, inizialmente collocata tra i Paesi con il consumo medio pro-capite più elevato, è stata tra i primi a ridurre significativamente i consumi, tanto che nel 2010 era il Paese con il valore più basso tra tutti i …

Continua »

Cosa è successo l’anno scorso nel campo dei rischi per la salute pubblica dovuti ad alimenti,mangimi o materiali. Rapporto annuale 2016 sul Rasff

avviso-allerta-ritiro-attenzione-rischio-Fotolia_74898699_Subscription_Monthly_M-1024x683

La Commissione Europea ha pubblicato il Rapporto annuale 2016 sul Rasff (Rapid Alert System for Food and Feed), il Sistema di allerta rapido europeo per la notificazione di un rischio diretto o indiretto per la salute pubblica dovuto ad alimenti, mangimi o materiali che si utilizzano a contatto con i cibi (MOCA). Complessivamente, nel 2016 si sono avute 2.993 notifiche …

Continua »

Uova al fipronil: i Paesi coinvolti sono 48 e centinaia i prodotti ritirati (30 in Italia ma le analisi continuano). Fallimentare la gestione della crisi da parte del Ministero della salute

uova fipronil

Aggiornamento del 19 settembre  2017 Gli addetti al sistema di allerta italiano hanno inviato a Bruxelles 46  notifiche su prodotti e uova per fipronil (erano 30 all’inizio di settembre). Le notifiche e gli aggiornamenti rilevate dal Rasff  sono 623 (erano 430 alla fine di agosto). I paesi coinvolti sono 55 (erano 48 due settimane fa). Aggiornamento del 12 settembre  2017 …

Continua »

Perché il Ministero della salute non dà notizia dei 70 casi di allerta alimentare segnalati ogni anno dai supermercati?

L’anno scorso Il Fatto Alimentare ha pubblicato 70 segnalazioni di allerta alimentare relativi a prodotti richiamati e ritirati dal mercato per difetti di produzione, contaminazioni batteriche, presenza di corpi estranei, eccessiva concentrazione di pesticidi, errori in etichetta, mancanza di avvertenze sulla presenza di allergeni, errori nella data di scadenza ecc. Ci sono poi i lotti di pesce spada contaminato da …

Continua »

Pesticidi: Efsa comincia a fare la valutazione tossicologica cumulativa. Un grande passo in avanti

pesticidi agricoltura iStock_000012529103_Small

L’Efsa ha messo a punto uno strumento informatico per effettuare valutazioni sull’esposizione dell’organismo a più pesticidi insieme. Attualmente, uno studio pilota sta eseguendo prove di esposizione su gruppi di pesticidi che possono compromettere la funzionalità della tiroide e del sistema nervoso. I risultati saranno pubblicati entro la fine del 2016 e saranno oggetto di due relazioni scientifiche che dovrebbero uscire …

Continua »

Frullatore Kenwood pericoloso: le lame potrebbero rompersi. Ritiro e segnalazione ai consumatori. Mancano i requisiti di sicurezza

Kenwood ha avviato un piano di richiamo volontario per il frullatore Blend-X Pro (esclusivamente il modello BLM80). L’azienda ha stabilito che esiste la possibilità di rottura della lama inferiore, il che potrebbe causare lacerazioni o rischio di ingestione per il consumatore. I prodotti coinvolti riportano un codice data compreso tra 14×01 a 15×22 (“x” è una lettera, ad es. 14T01). Sulla pagina internet dedicata …

Continua »

Comunicazione del rischio: l’Efsa ricorda zoonosi, clonazione e pescato alla diossina s. Il caso emblematico del pesce del Mar Baltico contaminato

Risk management flow chart on a blackboard

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato l’aggiornamento delle linee guida sulla comunicazione del rischio, con il resoconto di casi specifici molto interessanti. Le zoonosi di origine alimentare, cioè infezioni o malattie che possono essere trasmesse direttamente o indirettamente tra animali ed esseri umani, sono una minaccia seria e diffusa per la salute pubblica. Nonostante ciò il pericolo …

Continua »

Contaminazioni crociate: la dicitura in etichetta è obbligatoria o facoltativa? Risponde Dario Dongo

Scrivo in merito al libro “L’etichetta” scritto da Dario Dongo e scaricabile dal vostro sito. Al paragrafo 2.3 scrive che la dicitura delle contaminazioni crociate è obbligatoria mentre da più parti i miei clienti mi segnalano che tale dicitura è facoltativa. Secondo me è più corretto scriverli ma vorrei un riferimento preciso dell’avvocato Dongo sulla parte del reg. Ce 1169/11 che …

Continua »

Il latte crudo peggiora le condizioni di salute di chi lo consuma senza bollirlo: una ricerca rischio-beneficio dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

mucche allevamento latte mungere

Latte crudo o latte trattato termicamente? Gli schieramenti a favore dell’uno e dell’altro portano le loro motivazioni, ma chi ha ragione? C’è chi dice che il latte crudo ha delle proprietà salutari che vengono eliminate con il calore, e chi invece sottolinea la possibile presenza di batteri patogeni.   Una delle possibili risposte al dilemma arriva dall’Istituto Zooprofilattico delle Venezie. …

Continua »

Il mistero dei frigoriferi senza termometro. Le temperature sono sempre elevate. L`imbarazzante silenzio dei produttori

Come capire se il frigorifero di casa raggiunge le temperature necessarie a conservare adeguatamente gli alimenti deperibili? L’impresa risulta difficile, visto che la maggior parte degli apparecchi in commercio non dispone di un termometro. Il termostato interno serve per aumentare o diminuire la temperatura, ma non esiste un sistema per capire quanti gradi ci sono nella portiera o nei cassetti …

Continua »

Allarme di Greenpeace: a rischio il pesce azzurro del Mediterraneo. Stop ai nuovi sistemi di cattura

Il pesce azzurro oltre ad essere gustoso e nutriente è anche la tipologia più economica presente sui banchi delle pescherie. Ma secondo Greenpeace la pesca indiscriminata rischia di privare i mari italiani di questa riscorsa. L’allarme è stato lanciato dall’associazione ambientalista che ha diffuso un rapporto dedicato al “Blue gold”, l’oro azzurro che popola i nostri mari.   L’indagine ha …

Continua »

Allarme tonno: secondo uno studio condotto a livello internazionale in 50 anni la diminuzione è arrivata al 60%

I tonni e gli sgombri stanno sparendo. Da più di 50 anni li si pesca senza limiti, in modo più o meno legale, al punto che, rispetto a mezzo secolo fa, le loro popolazioni sono diminuite, in media, del 60%.   Sono drammatici i numeri contenuti in uno studio internazionale pubblicato su PNAS da un gruppo di biologi canadesi ed …

Continua »