Home / Allerta / Frullatore Kenwood pericoloso: le lame potrebbero rompersi. Ritiro e segnalazione ai consumatori. Mancano i requisiti di sicurezza

Frullatore Kenwood pericoloso: le lame potrebbero rompersi. Ritiro e segnalazione ai consumatori. Mancano i requisiti di sicurezza

frullatore Blend-X Pro BLM80 kenwood
Il frullatore Kenwood Blend-X Pro modello BLM80

Kenwood ha avviato un piano di richiamo volontario per il frullatore Blend-X Pro (esclusivamente il modello BLM80). L’azienda ha stabilito che esiste la possibilità di rottura della lama inferiore, il che potrebbe causare lacerazioni o rischio di ingestione per il consumatore.

I prodotti coinvolti riportano un codice data compreso tra 14×01 a 15×22 (“x” è una lettera, ad es. 14T01). Sulla pagina internet dedicata al richiamo ci sono le istruzioni per capire come verificare se il proprio frullatore è di quelli a rischio rottura delle lame. Due sono i passaggi fondamentali: verificare e annotare il codice data (compreso tra 14×01 e 15×22) riportato sulla targhetta apposta sul lato inferiore dell’apparecchio e controllare se le lame del frullatore riportano un’identificazione incisa a laser (vedi immagini sotto).

Dopo aver preso visione di queste caratteristiche basta trasmetterle alla Kenwood tramite l’apposito modulo sul sito e attendere conferma dall’azienda. I consumatori che possiedono l’apparecchio difettoso riceveranno gratuitamente a casa un nuovo set di lame.

 

frullatore Blend-X Pro BLM80 kenwood codice

frullatore Blend-X Pro BLM80 kenwood lame ex

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Migrazione di melammina da stoviglie per bambini e frammenti di piombo in salame di cervo… Ritirati dal mercato europeo 114 prodotti

Nelle settimane n°32 e 33 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta …