Home / Archivio dei Tag: prodotti alimentari

Archivio dei Tag: prodotti alimentari

Pubblicità: diamo un voto ai prodotti alimentari degli spot attraverso l’etichetta a semaforo

In Francia, le pubblicità di prodotti alimentari trasmesse via internet, radio e tv, dal 1° gennaio 2019 dovranno riportare  l’etichetta a semaforo Nutri-Score (*). La decisione secondo quanto approvato dall’Assemblea nazionale dovrebbe aiutare i consumatori a comprendere meglio il valore nutrizionale dei prodotti e ridurre l’acquisto del cibo spazzatura. Le aziende che non si adegueranno dovranno pagare un contributo all’Agenzia …

Continua »

La Danimarca discute un’etichetta sull’impatto climatico degli alimenti. Una nuova sfida

semafori in etichetta

Il governo danese sta progettando un’etichetta che indichi l’impatto climatico dei prodotti alimentari, in collaborazione con le industrie del settore. I prodotti alimentari verrebbero contrassegnati con adesivi che mostrano il loro impatto ambientale, secondo una proposta contenuta in un nuovo pacchetto sul clima del governo, come riferisce il quotidiano danese in lingua inglese The Local. “Vogliamo dare ai consumatori i …

Continua »

Il Parlamento europeo dice basta a prodotti e consumatori di seconda classe. Approvata una risoluzione contro il doppio standard alimentare

Chocolate Cream Cookies

Con 464 voti favorevoli, 69 contrari e 17 astensioni, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che condanna come inaccettabile il doppio standard alimentare, cioè la vendita di prodotti  di qualità inferiore in alcuni Stati dell’Europa centro-orientale, nonostante la confezione e il marchio siano apparentemente identici. La risoluzione afferma che, “pur non violando i principi dell’economia di libero mercato né …

Continua »

Sostituire l’olio di palma senza modificare il gusto del cibo è possibile. Le alternative proposte dai ricercatori dell’Università di Udine

Chocolate chip cookies on stars bowl over a table

L’olio di palma è stato per lungo tempo il grasso vegetale più utilizzato dell’industria alimentare perché è solido a temperatura ambiente, economico e versatile. Ma è anche ricco di grassi saturi e ha un impatto ambientale da non trascurare. Non è sempre possibile rimpiazzare questi grassi utilizzando oli vegetali ricchi di grassi insaturi, come l’olio di girasole o di oliva. …

Continua »

“Stop alle etichette illeggibili”: firma la petizione di Foodwatch per ottenere informazioni chiare sulle confezioni. Raccolte 20 mila firme in due giorni

“Stop alle etichette illeggibili”: è il titolo della nuova campagna promossa da Foodwatch per ottenere informazioni chiare e immediate sulle confezioni dei prodotti alimentari. L’ONG francese si batte da anni per un mercato trasparente in cui il consumatore sia libero di decidere ciò che mangia, in modo consapevole e sicuro. Pochi giorni fa l’organizzazione ha lanciato una petizione contro le …

Continua »

In Italia il cibo costa l’11% in più della media Ue, le bevande analcoliche il 7% in meno. Pubblicati i dati Eurostat relativi al 2015

Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, ha pubblicato i dati sui prezzi dei prodotti alimentari e delle bevande analcoliche nell’Ue nel 2015, da cui emergono diverse differenze tra i vari paesi, con la Danimarca che risulta il più caro con prezzi pari al 145% della media Ue e la Polonia il meno caro, con il 63%. In Italia i prezzi sono …

Continua »

Workshop “La nuova etichettatura dei Prodotti Alimentari”: per sciogliere i dubbi sull’applicazione del Reg. UE 1169/11

L’11 maggio a Roma si terrà un workshop sulla corretta interpretazione della nuova normativa sull’etichettatura entrata in vigore a dicembre 2014, ma ancora difficile da decodificare. Dopo alcuni mesi dell’effettiva applicazione del Reg. UE 1169/11, molti sono ancora i dubbi interpretativi da parte di aziende, oltre agli organi di ispezioni e vigilanza.   Green Line Group, in collaborazione con G.I.F.T. …

Continua »

In Europa crescono le applicazioni telefoniche per la valutazione dei prodotti alimentari. Open Food Facts è nata in Francia, ed è disponibile anche in Italia con 172 prodotti

Dopo gli Stati Uniti, anche in Europa nascono siti e applicazioni per cellulari, che contengono database con valutazioni e confronti sui prodotti alimentari. In Italia, è disponibile l’app Open Food Facts, nata in Francia e disponibile in diverse edizioni nazionali. Le informazioni sui prodotti di tutto il mondo possono essere inserite direttamente dagli utenti registrati ed eventualmente corrette da altri …

Continua »

La sede dello stabilimento produttivo va indicato sempre sull’etichetta dei prodotti alimentari? Dal prossimo dicembre non più, dice Dario Dongo

etichette

Spettabile Redazione, vorrei gentilmente porvi un quesito. Alla luce del regolamento UE N.1169/11 lo stabilimento produttivo va indicato in etichetta? Mi spiego meglio, siccome noi facciamo produzione conto terzi vorrei sapere se lo stabilimento produttivo può essere indicato in etichetta o deve essere indicato esclusivamente l’operatore alimentare che commercializza il prodotto. Ringrazio anticipatamente per la disponibilità e porgo cordiali saluti. …

Continua »

Le calorie in alimenti confezionati e bevande di sedici grandi produttori negli Usa sono diminuite di 6.400 miliardi in cinque anni

Le calorie contenute nei prodotti alimentari e nelle bevande, vendute dai sedici maggiori produttori negli Stati Uniti tra il 2007 e il 2012,  sono calate di 6.400 miliardi, l’equivalente di 78 calorie per persona al giorno. Lo sostiene una ricerca indipendente, finanziata dalla Robert Wood Johnson Foundation, che si occupa della salute pubblica degli americani.   La riduzione delle calorie …

Continua »

Usa, fallisce l’autoregolamentazione sugli spot alimentari rivolti ai bambini che nell’84% dei casi pubblicizzano prodotti ricchi di grassi e zuccheri

Il valore nutrizionale degli alimenti e delle bevande pubblicizzate negli Stati Uniti nei programmi televisivi per bambini è peggiore rispetto a quello dei prodotti presentati negli altri programmi. Una ricerca della University of Illinois a Chicago, pubblicata dalla rivista Childhood Obesity, ha esaminato dal 2009 per la prima volta gli spot nei programmi per bambini con uno share di audience …

Continua »

Richiamare o ritirare i prodotti alimentari che non sono conformi? Ecco cosa dice la norma

Spesso su Il fatto alimentare si parla di “ritiro” o “richiamo” dei prodotti alimentari da parte delle aziende per problemi sanitari o riguardo etichettatura e confezionamento non conformi. Il significato di queste due azioni, che le imprese sono tenute per legge ad avviare ogni qual volta si rilevino problemi di tipo sanitario, non è scontato.   Ecco cosa dice al …

Continua »

"Senza OGM": quando si può scrivere questa frase sulle etichette? La risposta di Dongo

Vorrei sapere su quali riferimenti normativi si basa la seguente affermazione trovata in un vostro articolo sugli Ogm. La frase si riferisce all’obbligo di citare in etichetta la presenza di Ogm, con deroga, per i casi in cui non superi lo 0,9%: “Questo margine di tolleranza non è tuttavia applicabile – secondo l’interpretazione prevalente – nel caso in cui l’operatore …

Continua »

Sull`iPhone una nuova applicazione per scegliere i prodotti al supermercato, firmata da Fooducate e valida solo negli USA

I cittadini statunitensi  da qualche mese hanno uno strumento in più per orientarsi nella scelta degli alimenti. Il blog “Fooducate” ha creato un’applicazione per iPhone che aiuta a districarsi tra liste di ingredienti, etichette nutrizionali, avvisi salutistici e messaggi pubblicitari. L’utilizzo è semplice: dopo aver scannerizzato con la fotocamera il codice a barre stampato sull’etichetta  del prodotto che si vuole …

Continua »

Sicurezza alimentare: in Inghilterra il 70% delle informazioni sui prodotti ha un livello di attendibilità "meno che convincente o probabile"

La stampa britannica quando parla di alimentazione punta sul sensazionalismo proprio come fa quando si occupa dei reali. L’inseguimento della notizia a effetto è ciò che, secondo ricercatori del Kings College di Londra, orienta le scelte editoriali in questo ambito, almeno stando ai risultati di un’indagine compiuta su quanto viene pubblicato in una settimana scelta a caso. Benjamin Cooper e i …

Continua »