Home / Sicurezza Alimentare / Richiamare o ritirare i prodotti alimentari che non sono conformi? Ecco cosa dice la norma

Richiamare o ritirare i prodotti alimentari che non sono conformi? Ecco cosa dice la norma

Spesso su Il fatto alimentare si parla di “ritiro” o “richiamo” dei prodotti alimentari da parte delle aziende per problemi sanitari o riguardo etichettatura e confezionamento non conformi. Il significato di queste due azioni, che le imprese sono tenute per legge ad avviare ogni qual volta si rilevino problemi di tipo sanitario, non è scontato.

 

Ecco cosa dice al riguardo l’Orsa, l’Osservatorio regionale sicurezza alimentare Campania.

Se un operatore ha motivo di ritenere che un alimento da lui importato, prodotto, trasformato, lavorato o distribuito non soddisfi i requisiti di sicurezza alimnetare, e il prodotto in questione non si trova più sotto il suo controllo immediato, deve avviare immediatamente le procedure per ritirarlo dal mercato e informarne le autorità competenti.

 

Se il prodotto è già stato acquistato, è cura dell’operatore informare i consumatori, in maniera efficace sul motivo del ritiro e, se necessario, richiamare i prodotti già venduti, quando altre misure siano insufficienti a conseguire un livello elevato di tutela della salute.

 

In altre parole l’azienda deve informare i consumatori che hanno acquistato un formaggio con Listeria o un salmone affumicato con anisakis attraverso cartelli preso i punti vendita, attraverso un appello sul sito internet e se il problema è grave utilizzando anche giornali e media.

Purtroppo questo aspetto viene spesso dimenticato e le autorità sanitarie fanno davvero poco per sensibilizzare i produttori ad adottare misure di allerta adeguato nei confronti dei clienti.

 

Valeria Nardi

Foto: Photos.com

 

Guarda qui

Vaiolo delle scimmie, per l’Anses non si può escludere la trasmissione per via alimentare

Non si può escludere che il vaiolo delle scimmie possa trasmettersi anche attraverso alimenti contaminati. …

Un commento

  1. Chiarimento opportuno. Il richiamo è una misura di tutela della salute, tecnicamente gestione del rischio, perché impedendo o riducendo il consumo di un alimento contaminato e che quindi causa malattie, protegge i consumatori che lo avessero già in casa. Al contrario, con un semplice ritiro, chi ha ancora il prodotto in casa e non l’ha consumato, può essere esposto ed ammalarsi. Nel caso dei patogeni quindi sarebbe quasi sempre necessario un richiamo. Naturalmente c’è la problematica di raggiungere i consumatori; in questo senso le carte fedeltà potrebbero essere un valido aiuto.