Home / Sicurezza Alimentare / Richiamare o ritirare i prodotti alimentari che non sono conformi? Ecco cosa dice la norma

Richiamare o ritirare i prodotti alimentari che non sono conformi? Ecco cosa dice la norma

Spesso su Il fatto alimentare si parla di “ritiro” o “richiamo” dei prodotti alimentari da parte delle aziende per problemi sanitari o riguardo etichettatura e confezionamento non conformi. Il significato di queste due azioni, che le imprese sono tenute per legge ad avviare ogni qual volta si rilevino problemi di tipo sanitario, non è scontato.

 

Ecco cosa dice al riguardo l’Orsa, l’Osservatorio regionale sicurezza alimentare Campania.

Se un operatore ha motivo di ritenere che un alimento da lui importato, prodotto, trasformato, lavorato o distribuito non soddisfi i requisiti di sicurezza alimnetare, e il prodotto in questione non si trova più sotto il suo controllo immediato, deve avviare immediatamente le procedure per ritirarlo dal mercato e informarne le autorità competenti.

 

Se il prodotto è già stato acquistato, è cura dell’operatore informare i consumatori, in maniera efficace sul motivo del ritiro e, se necessario, richiamare i prodotti già venduti, quando altre misure siano insufficienti a conseguire un livello elevato di tutela della salute.

 

In altre parole l’azienda deve informare i consumatori che hanno acquistato un formaggio con Listeria o un salmone affumicato con anisakis attraverso cartelli preso i punti vendita, attraverso un appello sul sito internet e se il problema è grave utilizzando anche giornali e media.

Purtroppo questo aspetto viene spesso dimenticato e le autorità sanitarie fanno davvero poco per sensibilizzare i produttori ad adottare misure di allerta adeguato nei confronti dei clienti.

 

Valeria Nardi

Foto: Photos.com

 

Guarda qui

Rischio anisakis: i pesci di allevamento sono sicuri e la maggior parte dei casi ha origine domestica

Gli allarmi sull’anisakis sono ultimamente molto presenti tra le notizie di cronaca. Il rischio è serio, …

Un commento

  1. Chiarimento opportuno. Il richiamo è una misura di tutela della salute, tecnicamente gestione del rischio, perché impedendo o riducendo il consumo di un alimento contaminato e che quindi causa malattie, protegge i consumatori che lo avessero già in casa. Al contrario, con un semplice ritiro, chi ha ancora il prodotto in casa e non l’ha consumato, può essere esposto ed ammalarsi. Nel caso dei patogeni quindi sarebbe quasi sempre necessario un richiamo. Naturalmente c’è la problematica di raggiungere i consumatori; in questo senso le carte fedeltà potrebbero essere un valido aiuto.