Home / Tecnologia e Test / In Europa crescono le applicazioni telefoniche per la valutazione dei prodotti alimentari. Open Food Facts è nata in Francia, ed è disponibile anche in Italia con 172 prodotti

In Europa crescono le applicazioni telefoniche per la valutazione dei prodotti alimentari. Open Food Facts è nata in Francia, ed è disponibile anche in Italia con 172 prodotti

woman chef with tablet over dark background
Il sito Open Food Facts indica per ogni prodotto alimentare l la lista degli ingredienti e degli additivi

Dopo gli Stati Uniti, anche in Europa nascono siti e applicazioni per cellulari, che contengono database con valutazioni e confronti sui prodotti alimentari. In Italia, è disponibile l’app Open Food Facts, nata in Francia e disponibile in diverse edizioni nazionali. Le informazioni sui prodotti di tutto il mondo possono essere inserite direttamente dagli utenti registrati ed eventualmente corrette da altri utenti. Per quanto riguarda l’Italia, al momento il database contiene informazioni su 172 prodotti. In Gran Bretagna sono 900 e in tutto il mondo 27.346. Per ogni articolo, vengono indicati ingredienti e additivi. Per i grassi, gli acidi grassi saturi, gli zuccheri e il sale, accanto ai dati numerici vengono utilizzati i colori del semaforo, per indicare se si tratta di una quantità bassa, media o alta.

 

 

Counting calories in smartphone. Concept of app for healthcare
Le App dedicate al cibo sono sempre più diffuse, molte collegano il prodotto agli aspetti  salutistici

La decisione di dar vita a Open Food Facts nasce dal fatto che quasi tutti gli altri siti di questo tipo proibiscono la riproduzione e il riutilizzo dei dati e delle immagini, mentre Open Food Facts mette le informazioni a disposizione di tutti incoraggiando la condivisione. Un’altra app francese, questa volta senza versione per altri paesi, è Noteo. Il sito valuta i prodotti esaminando soprattutto i rischi e i benefici per la salute, valutando la presenza di sostanze cancerogene, l’apporto nutrizionale ,l’impatto sull’ambiente, le condizioni di lavoro nella catena di produzione, i risvolti sociali e anche il prezzo.

 

Per ognuno dei quattro settori, la valutazione di Noteo è espressa con un punteggio da uno a dieci, sulla base del parere di un comitato scientifico indipendente. Inoltre, vengono segnalati al consumatore prodotti alternativi, con un punteggio più alto. Quando un prodotto ottiene 10/10 vuol dire che è il migliore della categoria. Le valutazioni numeriche sono accompagnate dai colori del semaforo: verde per le migliori, rosso per quelle meno buone, arancione per quelle intermedie. Anche in questo caso, oltre a visitare il sito, si possono ottenere le informazioni semplicemente avvicinando il cellulare al codice a barre del prodotto. Il rating di Noteo viene applicato sia agli alimenti che ad altri beni di consumo come quelli dell’igiene personale e della bellezza per un totale di circa 60.000 articoli.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

lavastoviglie piatti stoviglie elettrodomestici cucina

Lavastoviglie: Samsung con il nuovo sistema Waterwall la migliore del test di Que Choisir, ma che prezzo! Bosch prima tra i prodotti a incasso

Le lavastoviglie sono presenti nella maggior parte delle cucine dei consumatori, ma da anni ormai …