Home / Archivio dei Tag: Plasmon

Archivio dei Tag: Plasmon

Latte in polvere per neonati: ancora troppi contaminanti. Superati i limiti di sicurezza. Il test di Altroconsumo boccia 10 prodotti su 13. Coop il migliore

latte in polvere formula biberon

Altroconsumo ha realizzato una nuova inchiesta sulla contaminazione da 3-MCPD (3-monocloropropandiolo) e GE (glicidil-esteri) nel latte in polvere e anche questa volta i risultati non sono molto incoraggianti.  I risultati del test di Altroconsumo di luglio avevano rilevato livelli di contaminanti 3-MCPD 10 volte superiori al limite tollerabile stabilito da Efsa (0,8 microgrammi/kg di peso corporeo). Dopo le contestazioni sul …

Continua »

Latte in polvere per neonati senza olio di palma. La lista completa dei prodotti venduti sia al supermercato sia in farmacia

latte polvere formula

Sono oltre 13 mila le persone che nelle prime 24 ore dalla pubblicazione, hanno firmato la petizione su Change.org in cui chiediamo a 12 aziende produttrici di latte in polvere di sostituire olio di palma accusato dall’Autorità per la sicurezza alimentare europea (Efsa) di contenere  sostanze cancerogene. Premesso che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda l’allattamento al seno in maniera esclusiva …

Continua »

Via l’olio di palma contaminato dal latte in polvere per neonati. Raccolte 25 mila firme nella petizione su Change.org

Aggiornamento dell’11 ottobre 2016 Raccolte 25 mila firme dopo 1 mese dal lancio della petizione. Firma anche tu. Clicca qui Togliere subito l’olio di palma contaminato con sostanze cancerogene dal latte in polvere per i neonati. Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade rivolgono questo invito alle aziende produttrici, ritenendola una scelta dettata da ragioni di tipo economico. Non …

Continua »

Plasmon NutriMune: censurato per pubblicità ingannevole. Non si può dire che il prodotto è “rivoluzionario”

Il Comitato di  Controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (IAP) ha sanzionato Heinz per la pubblicità della linea di prodotti per la prima infanzia Plasmon NutriMune a base di latte fermentato. Il Comitato di controllo ha ritenuto ingannevoli i messaggi proposti negli spot televisivi e ha ordinato l’immediata sospensione. Nella pubblicità viene detto che “Oggi in Plasmon dopo una lunga preparazione nasce …

Continua »

Plasmon dice addio all’olio di palma per tutti i prodotti. La posizione dell’azienda in un comunicato. In arrivo i biscotti per tutta la famiglia

Un lettore ci ha segnalato le presenza di olio di palma “sostenibile” tra gli ingredienti del biscottino granulato Plasmon, un preparato al gusto di biscotto in forma granulare perfettamente solubile nel latte, adatto per  bambini dal quarto mese. La notizia è poco in sintonia con la scelta presa qualche mese fa da Plasmon, annunciando la sostituzione dell’olio di palma con olio …

Continua »

Olio di palma addio: gli italiani non lo vogliono e le aziende cambiano le ricette. Plasmon dice addio. Mulino Bianco continua la sostituzione. Silenzio dalle istituzioni

In Italia non c’è futuro per l’olio di palma. Questo concetto, ormai chiaro anche agli studenti di economia dopo il primo esame di marketing, non piace all’industria alimentare che cerca disperatamente di arginare la fuga delle aziende dall’olio tropicale. L’operazione viene portata avanti con argomentazioni inconsistenti e prive di fondamento scientifico. Il lavoro della lobby è cominciato un anno fa …

Continua »

No all’olio di palma nel latte per neonati: la rivista Test il Salvagente lo trova in 25 marche e chiede che venga sostituito

La rivista mensile Test – Il Salvagente ha misurato la concentrazione del 3-Mcpd – classificata come una sostanza altamente tossica – nell’olio di palma,  impiegato anche come ingrediente nel latte in polvere dei lattanti. I risultati sono incredibili: in seguito alla raffinazione, il contenuto di 3-monocloropropandiolo (3-Mcpd) nell’olio di tropicale passa da 31 mcg/kg (microgrammi per kg) a 2.920 mcg/kg. …

Continua »

La falsa verità delle aziende sull’olio di palma. Investimento pubblicitario milionario. Ma l’ISS precisa: ridurre subito il consumo per i bambini

La campagna pubblicitaria dell’olio di palma va avanti. Dopo gli spot sulle reti televisive e i filmati in rete di cui abbiamo parlato adesso è la volta delle pagine su quotidiani come il Corriere della sera, La Repubblica… Come è accaduto per gli spot si tratta di messaggi ambigui, calibrati al millimetro per non risultare ingannevoli. Anche questa volta la …

Continua »

Plasmon toglie l’olio di palma dai biscotti per bambini. Un risultato importante che dimostra l’efficacia della pressione dei consumatori

Dopo decine di lettere inviate da mamme e papà indignati per la presenza di olio di palma nei biscotti Plasmon, una petizione online su Change.org e il nostro racconto di una mamma arrabbiata perché non ha mai avuto risposte dall’azienda sul tipo di olio vegetale usato nei biscotti, oggi Plasmon ha deciso di dire stop all’olio tropicale, creando addirittura un …

Continua »

Allattamento al seno: enormi vantaggi per la salute della madre, del figlio e del portafoglio

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene che le donne dovrebbero allattare i propri figli al seno in maniera esclusiva per i primi sei mesi, per poi passare all’integrazione con alimenti complementari. La “convivenza” dovrebbe andare avanti almeno fino al compimento del primo anno di vita ed eventualmente oltre, secondo quelle che sono le esigenze manifestate dalla mamma e dal proprio figlio. Oggi …

Continua »

Perché nel latte artificiale per neonati si aggiunge olio di palma? Si tratta di un ingrediente estraneo alla dieta dei piccoli. Cosa si usava prima? Esistono alternative

Tre anni fa ci interrogavamo sulla presenza degli oli vegetali nel latte  per neonati, oggi, dopo avere scoperto che dietro questa generica dicitura si nasconde l’olio di palma, vale la pena chiedersi quanto sia utile e necessario utilizzare un grasso tropicale per un alimento destinato ai lattanti. Anche se le aziende non lo dicono molto probabilmente si tratta di una …

Continua »

Biscotti Plasmon: l’incredibile storia di una mamma che voleva sapere se contenevano olio di palma. Il silenzio della società. Il nutrizionista: non dare ai bambini il grasso tropicale

Questa è la storia di Pina Boccia, laureata in Scienze e tecnologie alimentari all’Università di Napoli Portici, che quattro anni fa chiede alla Plasmon quale ingrediente si nasconda dietro la dicitura “olio vegetale”, presente sull’etichetta. L’azienda non risponde e accampa scuse improbabili per non rivelare la presenza massiccia dell’olio di palma che da anni ha sostituito il grasso ottenuto dal …

Continua »

Il latte di crescita dopo i 12 mesi non è migliore di quello vaccino. Secondo l’Efsa i bambini assumono troppe calorie, serve una dieta equilibrata

Il latte crescita destinato ai bambini di età compresa tra 1 e 3 anni non ha una marcia in più, e non è più efficace nell’apportare sostanze nutritive rispetto agli altri alimenti che costituiscono la dieta normale dei bambini. È questo il parere dell’Autorità per la sicurezza alimentare europea (Efsa) che pochi giorni fa ha espresso un giudizio negativo sulla funzione …

Continua »

Baby food: troppi alimenti sembrano adatti alla prima infanzia ma non lo sono. Colori e pupazzetti sulle confezioni possono ingannare

Barilla ha deciso di indicare sulle confezioni della pasta “I Piccolini” che il prodotto è adatto “Per adulti e bambini al di sopra dei 36 mesi”. Così sarà chiaro a tutti che, benché si tratti di un alimento validissimo e sicuro, per le sue caratteristiche non corrisponde alla severa normativa che disciplina la produzione dei cosiddetti “baby food”, i cibi …

Continua »

Pasta Barilla Piccolini: finalmente arrivano le nuove etichette per dire che non è adatta alla prima infanzia

Ilfattoalimentare.it ha dedicato diversi articoli alla pubblicità comparativa promossa da Plasmon sul Corriere della sera e su la Repubblica, per segnalare che la pasta Piccolini della Barilla e i biscotti le Macine Mulino Bianco, vengono utilizzati impropriamente come alimenti per la prima infanzia (bambini da 0 a 3 anni).   Il messaggio ha provocato una reazione violenta da parte della …

Continua »