Home / Archivio dei Tag: escherichia coli (pagina 7)

Archivio dei Tag: escherichia coli

Escherichia coli e semi di fieno: troppe incertezze sulla tesi egiziana dice Paparella

Il rapporto conclusivo della task force europea, pubblicato il 5 luglio 2011, lascia ancora molte incertezze sulle cause dell’epidemia da Escherichia coli O104:H4 e sui veicoli alimentari coinvolti. Il rapporto che accusa i semi di fieno greco egiziani è stato ampiamente ripreso dai mezzi di comunicazione, anche se il documento dice che si tratta di un’ipotesi e si conclude sottolineando …

Continua »

Escherichia coli: ritiro e distruzione immediata dei semi di fieno importati dall’Egitto dal 2009. L’Ue adotta provvedimenti drastici ma necessari

germogli

L’Unione Europea ha deciso di ritirare dal mercato e di vietare l’importazione di alcuni tipi di semi di fieno greco provenienti dall’Egitto, responsabili delle epidemie di Escherichia coli O104:H4  registrate nel nord della Germania e a Bordeaux in Francia. La decisione segue di poche ore il rapporto pubblicato oggi dall’Autorità per la sicurezza alimentare europea (di cui abbiamo già dato notizia). …

Continua »

Escherichia coli: non mangiate germogli crudi il pericolo non è superato. L`Autorità per la sicurezza alimentare europea e l`Ecdc lanciano un appello ai cittadini

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) invitano a non mangiare germogli crudi, e di non consumare anche quelli coltivati in proprio per uso personale. La raccomandazione si basa sull’ipotesi che i germogli di fieno greco possano essere ancora in commercio o in qualche cucina. Stiamo parlando …

Continua »

Escherichia coli: i semi contaminati sono Egiziani. Dopo due mesi svolta nelle indagini. Secondo l`ISS l`epidemia non è di origine vegetale

Dopo due mesi di incertezze forse è arrivata la svolta decisiva nell’inchiesta sull’epidemia da Escherichia coli O 104 H:4  che ha colpito la Francia e la Germania, provocando oltre 31morti, 888 persone con l’apparato renale compromesso e 3189 pazienti che hanno contratto la dissenteria emorragica senza conseguenze gravi. Secondo un report pubblicato il 29 giugno dall’Ecdc, le indagini condotte sulla …

Continua »

Sicurezza alimentare: Escherichia coli, il report di Epicentro sulla situazione italiana e europea

Pubblichiamo il report presentato ieri sul sito curato dall’Istituto superiore di sanità www.epicentro.it  sulla situazione relativa all’epidemia  causata dal’Escherichia coli O104 H:4. Per quanto riguarda la situazione italiana il sito riferisce che nel 2011, non sono stati segnalati casi di sindrome emolitico uremica da E. coli O104:H4 riconducibili al focolaio epidemico tedesco. La situazione in Europa A oggi nei Paesi …

Continua »

Escherichia coli nei germogli crudi: il pericolo è molto elevato. 55 contaminazioni dal 1973. Migliaia di persone coinvolte

germogli

Se in Europa la  contaminazione  dei germogli di  soia, senape, rucola e altre piante è una novità, in Canada e negli Stati Uniti le autorità sanitarie da anni segnalano i pericoli collegati al consumo di questi germogli mangiati crudi. Sul sito del ministero della Salute canadese  sono catalogati 37 casi di contaminazione dal 1973 al 2005 registrati nei germogli  a …

Continua »

E` allerta europeo per i germogli. La Francia invita a ritirare i germogli contaminati da Escherichia coli. Provenienza dei semi: Italia, Germania, Inghilterra e Egitto

La Francia ha inviato ufficialmente il 25 giugno 2011  un’allerta  al Sistema rapido di allerta europeo (Rasff n° 2011.0842) che avvisa le autorità sanitarie  sulla presenza di Escherichia coli O104:H4 nei germogli di soia, e altri tipi di semi forniti dalla ditta inglese Thompson & Morgan, per sospetta contaminazione. Nell’allerta si precisa che i semi sotto accusa provengono da quattro …

Continua »

Escherichia coli: si costituisce una task force europea per cercare le cause dell`epidemia. Proseguono i controlli in Francia

L’epidemia da Escherichia coli O104:H4 che in Germania ha provocato 40 morti forse non è  un problema circoscritto a un’azienda  tedesca, che per motivi ancora poco conosciuti ha venduto germogli contaminati a diversi ristoranti. Aver riscontrato lo stesso problema un mese dopo in un paesino della Francia situato a centinaia di km di distanza,  in una partita di  germogli crudi  …

Continua »

Escherichia coli: allerta Europeo non mangiare germogli crudi. Dopo i 12 casi in Francia, le agenzie inglese e irlandesi vietano il consumo. Si attiva il Rasff

L’arrivo in Francia di germogli di soia, di fieno  greco e di altri semi contaminati  dal batterio Escherichia coli O 104, identico a quello che ha causato l’epidemia in Germania, è un segnale preoccupante. Chi pensava che  la vicenda tedesca fosse un problema grave ma  circoscritto  a una zona del territorio si sbagliava. In Francia le persone colpite sono 12,  …

Continua »

Escherichia coli, il batterio dei germogli responsabile dell`epidemia in Germania colpisce ancora, una decina di casi in Francia

In Francia è arrivato  l’incubo dell’Escherichia coli O 104 veicolato  dei germogli  contaminati. Probabilmente si tratta dello stesso batterio che  in Germania nel mese di maggio e giugno 2011 ha provocato la più grave epidemia in Europa dopo la vicenda della  Mucca pazza. Le persone ricoverate sono una decina, ed è quasi  certo che la causa sia lo stesso batterio …

Continua »

Che cosa c’è nel piatto: il vetro, il topo, l’insetto. Verità e leggende metropolitano sul cibo. Scaricate il dossier

topi pane dolci

Che cosa c’è nel piatto: è un dossier che spiega come funziona il sistema di allerta e di sicurezza  alimentare in Italia e in Europa. L’epidemia da Escherichia coli 0 104 che ha colpito un mese fa la Germania, come pure la vicenda della mozzarella  blu sono solo alcuni dei casi che il sistema di allerta ha dovuto affrontare. Che …

Continua »

Sicurezza alimentare: dopo l`epidemia di Escherichia coli l`Inghilterra indaga su miti e leggende alimentari

In Inghilterra l’annuale settimana della sicurezza alimentare è stata l’occasione per focalizzare l’attenzione sulle regole della buona igiene, soprattutto dopo l’incidente causato dall’Escherichia Coli in Europa. Per indagare sull’opinione e sulla conoscenza in materia di igiene, la Food Standard Agency inglese (agenzia per la sicurezza alimentare inglese ), ha realizzato operazioni con imprese del settore per ridurre il rischio che …

Continua »

I germogli di legumi e di soia sono probabilmente la causa dell`epidemia da Escherichia coli in Germania. Mancano ancora le conferme analitiche del laboratorio di microbiologia

La fonte dell’epidemia di Escherichia coli é “molto probabilmente” nei germogli di legumi: lo ha detto oggi il direttore dell’Istituto Robert Koch, Reinhardt Burger. I consumatori che “hanno mangiato germogli hanno una probabilità nove volte più alta di soffrire di diarrea emorragica rispetto a coloro che non li hanno mangiati”. Questa notizia sembra delinerare una svolta nella vicenda che si …

Continua »

I germogli all’origine dell’epidemia di Escherichia Coli in Germania? L’ipotesi è ancora aperta. Nuovi test in corso a Berlino.

broccoli, radish and clover sprouts in a wooden bowl

Soia sì, soia no. Dopo la smentita delle autorità sanitarie tedesche, a cui ilfattoalimentare.it aveva dato spazio giorni fa, l’Istituto superiore di sanità (ISS) emana un comunicato, datato 7 giugno, che invece lascia pensare ai germogli (anche di soia)  come a un’ipotesi ancora percorribile nel tentativo di risolvere l’ormai intricatissimo rebus dell’origine dell’epidemia da Escherichia Coli O104:H4 che ha investito …

Continua »

Salame di cervo e turista tedesco con la dissenteria: basta con l`allarmismo dei media sul batterio killer

L’allarmismo sull’epidemia di Escherichia coli continua, favorito dalla vicenda del salame di cervo italiano  e dalla storia del turista tedesco ricoverato in ospedale a Merano per una sospetta dissenteria che poi si è rivelata completamente estranea all’epidemia tedesca. L’allarmismo è favorito dai titoli dei giornali on line e dei servizi tv dove si lascia intendere  che il batterio killer è …

Continua »