Home / Archivio dei Tag: escherichia coli (pagina 7)

Archivio dei Tag: escherichia coli

E` allerta europeo per i germogli. La Francia invita a ritirare i germogli contaminati da Escherichia coli. Provenienza dei semi: Italia, Germania, Inghilterra e Egitto

La Francia ha inviato ufficialmente il 25 giugno 2011  un’allerta  al Sistema rapido di allerta europeo (Rasff n° 2011.0842) che avvisa le autorità sanitarie  sulla presenza di Escherichia coli O104:H4 nei germogli di soia, e altri tipi di semi forniti dalla ditta inglese Thompson & Morgan, per sospetta contaminazione. Nell’allerta si precisa che i semi sotto accusa provengono da quattro …

Continua »

Escherichia coli: si costituisce una task force europea per cercare le cause dell`epidemia. Proseguono i controlli in Francia

L’epidemia da Escherichia coli O104:H4 che in Germania ha provocato 40 morti forse non è  un problema circoscritto a un’azienda  tedesca, che per motivi ancora poco conosciuti ha venduto germogli contaminati a diversi ristoranti. Aver riscontrato lo stesso problema un mese dopo in un paesino della Francia situato a centinaia di km di distanza,  in una partita di  germogli crudi  …

Continua »

Escherichia coli: allerta Europeo non mangiare germogli crudi. Dopo i 12 casi in Francia, le agenzie inglese e irlandesi vietano il consumo. Si attiva il Rasff

L’arrivo in Francia di germogli di soia, di fieno  greco e di altri semi contaminati  dal batterio Escherichia coli O 104, identico a quello che ha causato l’epidemia in Germania, è un segnale preoccupante. Chi pensava che  la vicenda tedesca fosse un problema grave ma  circoscritto  a una zona del territorio si sbagliava. In Francia le persone colpite sono 12,  …

Continua »

Escherichia coli, il batterio dei germogli responsabile dell`epidemia in Germania colpisce ancora, una decina di casi in Francia

In Francia è arrivato  l’incubo dell’Escherichia coli O 104 veicolato  dei germogli  contaminati. Probabilmente si tratta dello stesso batterio che  in Germania nel mese di maggio e giugno 2011 ha provocato la più grave epidemia in Europa dopo la vicenda della  Mucca pazza. Le persone ricoverate sono una decina, ed è quasi  certo che la causa sia lo stesso batterio …

Continua »

Che cosa c’è nel piatto: il vetro, il topo, l’insetto. Verità e leggende metropolitano sul cibo. Scaricate il dossier

topi pane dolci

Che cosa c’è nel piatto: è un dossier che spiega come funziona il sistema di allerta e di sicurezza  alimentare in Italia e in Europa. L’epidemia da Escherichia coli 0 104 che ha colpito un mese fa la Germania, come pure la vicenda della mozzarella  blu sono solo alcuni dei casi che il sistema di allerta ha dovuto affrontare. Che …

Continua »

Sicurezza alimentare: dopo l`epidemia di Escherichia coli l`Inghilterra indaga su miti e leggende alimentari

In Inghilterra l’annuale settimana della sicurezza alimentare è stata l’occasione per focalizzare l’attenzione sulle regole della buona igiene, soprattutto dopo l’incidente causato dall’Escherichia Coli in Europa. Per indagare sull’opinione e sulla conoscenza in materia di igiene, la Food Standard Agency inglese (agenzia per la sicurezza alimentare inglese ), ha realizzato operazioni con imprese del settore per ridurre il rischio che …

Continua »

I germogli di legumi e di soia sono probabilmente la causa dell`epidemia da Escherichia coli in Germania. Mancano ancora le conferme analitiche del laboratorio di microbiologia

La fonte dell’epidemia di Escherichia coli é “molto probabilmente” nei germogli di legumi: lo ha detto oggi il direttore dell’Istituto Robert Koch, Reinhardt Burger. I consumatori che “hanno mangiato germogli hanno una probabilità nove volte più alta di soffrire di diarrea emorragica rispetto a coloro che non li hanno mangiati”. Questa notizia sembra delinerare una svolta nella vicenda che si …

Continua »

I germogli all’origine dell’epidemia di Escherichia Coli in Germania? L’ipotesi è ancora aperta. Nuovi test in corso a Berlino.

broccoli, radish and clover sprouts in a wooden bowl

Soia sì, soia no. Dopo la smentita delle autorità sanitarie tedesche, a cui ilfattoalimentare.it aveva dato spazio giorni fa, l’Istituto superiore di sanità (ISS) emana un comunicato, datato 7 giugno, che invece lascia pensare ai germogli (anche di soia)  come a un’ipotesi ancora percorribile nel tentativo di risolvere l’ormai intricatissimo rebus dell’origine dell’epidemia da Escherichia Coli O104:H4 che ha investito …

Continua »

Salame di cervo e turista tedesco con la dissenteria: basta con l`allarmismo dei media sul batterio killer

L’allarmismo sull’epidemia di Escherichia coli continua, favorito dalla vicenda del salame di cervo italiano  e dalla storia del turista tedesco ricoverato in ospedale a Merano per una sospetta dissenteria che poi si è rivelata completamente estranea all’epidemia tedesca. L’allarmismo è favorito dai titoli dei giornali on line e dei servizi tv dove si lascia intendere  che il batterio killer è …

Continua »

Basta allarmismi sul`Escherichia coli, l?OMS crea il panico senza validi motivi. Il problema è localizzato nel nord della Germania e non riguarda altri cittadini europei. Nessun problema per ortaggi

Il 2 giugno in Italia è scattato un allarme ingiustificato per la vicenda dell’Escherichia coli O104, il batterio che in Europa ha causato 18 morti, e 2000 persone colpite da diarrea emorragica ( 500 delle quali hanno contratto la Sindrome emolitico uremica:SEU o HUS). L’effetto scatenante è stato un comunicato dell’OMS che  descrive il batterio come un microrganismo killer, in …

Continua »

Escherichia coli l`epidemia si estende. Lontana la soluzione, incertezze sulle cause. L`ipotesi dell`acqua non è da escludere. Il ruolo fondamentale dell`ISS

In Germania l’allerta sul cetriolo, sui pomodori e sulle insalate consumate crude resta, perché le indagini epidemiologiche indicano gli ortaggi crudi come possibili veicoli del batterio. E’ vero che il cetriolo spagnolo è stato assolto, ma l’attenzione sugli ortaggi continua fino a quando non sarà individuata la causa. Il bilancio si aggrava giorno dopo giorno e ormai si è arrivati …

Continua »

Escherichia coli salgono a 15 morti in Germania ma il cetriolo spagnolo risulta innocente. La nostra ipotesi

Come  ilfattoalimentare.it ha anticipato questa mattina le ultimissime notizie sul caso Escherichia coli O 104 in Gemania scagionano i cetrioli spagnoli. L’agenzia  Reuters tedesca ha appena comunicato che i ceppi isolati da 2 dei 4 campioni di cetrioli non sono quelli isolati dalle feci dei pazienti. Di conseguenza, il veicolo dell’epidemia potrebbe non essere il cetriolo spagnolo. La situazione sul …

Continua »

Escherichia coli: il batterio colpisce in altri Paesi, forse la responsabilità non è dei cetrioli

cetriolo

In Germania secondo l’Agenzia di stampa Reuters tedesca le vittime dell’Escherichia coli O 104 sono ormai 14 e 352 i casi di HUS. L’altra novità  è  il sicuro il coinvolgimento di altri Paesi.  Secondo le schede pubblicate e aggiornate ieri dal  Sistema di allerta rapido europeo (Rasff), che resta l’unica fonte ufficiale in grado di raccogliere le segnalazioni di tutti …

Continua »

Germania: i cetrioli contaminati da Escherichia coli provocano nove vittime. Scatta l`allerta europeo anche in Danimarca. Nessuna informazione dal ministero della Salute italiano

L’Organizzazione mondiale della sanità  il 27 maggio 2011 ha diramato  un comunicato sulla vicenda della Sindrome emolitica e uricemica (abbreviata con la sigla HUS oppure SEU) scoppiata in Germania  a causa (sembra)  di una contaminazione di Escherichia coli O 104 presenti in verdure e ortofrutticoli provenienti dalla Spagna. Ilfattoalimentare.it ha già trattato ieri il caso ma ci sono delle novità …

Continua »

In Germania scatta l’allerta per i cetrioli contaminati da Escherichia coli: 4 morti e 140 persone in cura

cetriolo

Le autorità sanitarie tedesche sono in allerta. In pochi giorni  a causa di alimenti contaminati da un batterio chiamato Escherichia coli O 104 ci sono stati 4 morti e oltre 140 persone colpite da disturbi intestinali, la maggior parte residenti nel nord del paese. Le autorità di controllo pensano di avere individuato la causa in  cetrioli  provenienti dalla Spagna lavati …

Continua »