Home / Archivio dei Tag: diossina

Archivio dei Tag: diossina

Cozze tarantine: il problema delle diossine tra bonifiche, analisi e falsi allarmi

Dopo i recenti titoli apparsi in rete sulla vicenda delle cozze prodotte a Taranto che gridavano all’allarme sanitario è doveroso fare un po’ di chiarezza. Negli ultimi giorni abbiamo letto una notizia che è stata ripresa da molti siti, secondo cui le cozze tarantine avrebbero dei livelli esagerati di diossine e policlorobifenili (pcb) pari a 16,618 picogrammi per grammo, ben …

Continua »

Alimentazione dei bambini da zero a tre anni: rischi molto limitati, in regola oltre il 90% dei prodotti. I risultati di uno studio francese durato 6 anni

pappa bambini omogeneizzato broccoli

L’Anses, agenzia francese per la sicurezza alimentare, l’ambiente e il lavoro, ha pubblicato i risultati di un’indagine sull’alimentazione dei bambini fino a tre anni di età. Lo studio sull’alimentazione infantile (EATi) è durato sei anni e ha analizzato il 97% dei prodotti che rientrano nei regimi alimentari dei piccoli d’oltralpe. I ricercatori hanno acquistato poco meno di 5.500 referenze e eseguito 457 …

Continua »

Allerta diossina nel mais: l’allarme è rientrato. Un mese per fare 12 analisi e scoprire che la granella non era così tanto contaminata! L’inconcepibile silenzio del Ministero

A distanza di 20 giorni dall’allerta diossina nazionale, annunciata dal Ministero della salute per l’arrivo di 26 mila tonnellate di mais contaminato proveniente dall’Ucraina, il 10 luglio l’ufficio stampa ha diffuso un comunicato per dire che la situazione di crisi è rientrata.  Il Fatto Alimentare ha anticipato la notizia prendendo spunto dalla lettera che lo stesso Ministero aveva inviato a …

Continua »

Diossina nel mais ucraino: rientrato l’allerta per polli, maiali, latte e uova. Silenzio stampa del Ministero della salute e di Coldiretti

uova imballaggio

L’allerta diossina nel mais, dovuta a 26 mila tonnellate di granella contaminata arrivata il 6 marzo dall’Ucraina e utilizzata per confezionare mangimi di polli, maiali, mucche e anche animali domestici è cessata. La notizia inviata dal Ministero della salute venerdì 4 luglio a 15 associazioni di categoria non è stata diffusa alla stampa. Per essere puntigliosi anche l la notizia …

Continua »

Diossina nei mangimi di polli, maiali e bovini: silenzio del ministero sulle analisi. Secondo nostre fonti, notizie confortanti per latte e uova

Diossina nei mangimi: sono passati 12 giorni da quando il Ministero della salute ha diffuso un breve comunicato per segnalare  l’arrivo in Italia di un carico di mais contaminato proveniente dall’Ucraina. Solo dopo 24 ore, in seguito a indiscrezioni e articoli  apparsi sul nostro sito e su alcuni giornali locali, si è scoperto che si trattava di 26 mila tonnellate …

Continua »

Diossina nel mangime per polli e galline, ritirati 4 lotti contaminati. Controlli su crocchette per cani

GALLINE

Nonostante buona parte delle 26 mila tonnellate di mais contaminate da diossina siano state per la  distribuite e consumate dagli animali, le notizie sui sequestri e sui ritiri dal commercio di mangimi con  una percentuale di grano contaminato in misura superiore al 32% sono praticamente inesistenti.   L’unico riscontro riguarda quattro lotti di mangime alla diossina per galline che il …

Continua »

Mais contaminato da diossina: latte, uova, polli e carne di maiale e di bovini provenienti da allevamenti coinvolti non sono commercializzabili. Silenzio assordante del Ministro Beatrice Lorenzin

mais

L’Italia è un paese strano, pronto a mobilitarsi per un lotto di falso Parmigiano, ma indifferente quando arrivano 26 mila tonnellate di mais contaminato da diossine distribuito in centinaia di allevamenti sparsi in tutte le regioni (tranne Sicilia, Basilicata e Sardegna).  Il Ministero della salute, che ogni giorno diffonde 3-4 comunicati su svariati argomenti, ha dedicato a questa vicenda un …

Continua »

Rischio diossina: è scattata la massima allerta in 12 Regioni. Da oggi blocco per latte, uova e carne in migliaia di allevamenti. Analisi in corso

Leggi anche l’aggiornamento del 24 giugno 2014 clicca qui. Un carico di 26 mila tonnellate di mais contaminato da diossine e destinato agli allevamenti è arrivato in Italia, purtroppo più della metà del carico è stato probabilmente già dato agli animali. La questione è seria e forse ci troviamo di fronte a quello che potrebbe diventare un grande scandalo alimentare. …

Continua »

Aggiornamento sul Mais alla diossina: il Ministero blocca in via cautelativa gli alimenti provenienti da animali che hanno consumato mangime contaminato

Per aggiornamenti sulla situazione  leggi la nota del 23 giugno. Leggi anche aggiornamento del 24 giugno 2014 clicca qui. Dopo la nota pubblicata ieri in cui si dava notizia dell’arrivo in Italia dall’Ucraina di un carico di mais ad uso zootecnico contaminato dalla diossina, il Ministero della salute  ha pubblicato un comunicato  in cui conferma la notizia. Il testo dice …

Continua »

Esclusiva: arriva in Italia una grossa partita di mais alla diossina dall’Ucraina. Dopo un mese, scatta l’allerta. C’è pericolo per latte, carne e uova?

Una nave Ucraina ha scaricato in Italia una grossa partita di mais contaminato da diossina, destinata ad essere utilizzata come mangime per animali. Le analisi sono state effettuate su campioni prelevati il 15 maggio 2014, ma solo oggi è scattata l’allerta. Il  lotto di mais contaminato è arrivato anche in Grecia e in Montenegro. I valori rilevati oscillano da 2,92 a …

Continua »

Allarme “Terra dei Fuochi”: la verità sull’inquinamento del cibo. Su 642 campionamenti di latte crudo, pesce e mangime, solo 12 criticità

Con l’espressione ”Terra dei fuochi” si identifica una area situata tra le province di Napoli e Caserta, che copre l’8% della superficie del territorio campano, caratterizzata dalla presenza di roghi di rifiuti. Citata per la prima volta nel 2003 nel Rapporto Ecomafie curato da Legambiente, la zona si caratterizza per lo sversamento illegale di rifiuti, anche tossici, da parte della …

Continua »

Uova alla diossina in Lombardia: nessun allarme per i consumatori. Si tratta di allevamenti privati completamente separati dal circuito commerciale

uova

Nei giorni dello scandalo sulla “terra del fuoco” con decine di chilometri di terreni e falde acquifere nell’area di Napoli contaminate da veleni industriali, rivelata dal settimanale l’Espresso, in Lombardia spuntano titoli allarmistici per una rilevazione condotta dal  Ministero della salute in 57 siti inquinati. Molte testate e blog hanno riportato notizie formalmente corrette, ma  fuorvianti. Su alcuni si legge …

Continua »

Troppa diossina nelle anguille del lago di Garda. Il Ministero rinnova il divieto di commercializzazione

Il Ministero della Salute  ha rinnovato il divieto di consumo e  commercializzazione delle anguille provenienti dal lago di Garda, perché contaminate da diossina e PCB (policlorobifenili). Il provvedimento datato 18 maggio 2012 proroga di un anno  il provvedimento adottato l’anno scorso e invita le Regioni e le Province interessate ad informare i consumatori.   La decisione è stata assunta in …

Continua »

Diossina nel pesce: vietata la vendita di anguille nel lago di Garda. Un provvedimento necessario che non deve creare allarmismo

Il ministero della Salute il 17 maggio ha vietato la commercializzazione  delle anguille provenienti dal lago di Garda, perché sono risultate contaminate da diossina. Nel provvedimento si dice che il divieto durerà un anno e  si invitano le Regioni e le Province interessate ad informare i consumatori sui rischi per la salute. La decisione è stata assunta in seguito ad …

Continua »

Mozzarella blu e diossina non sono problemi solo tedeschi. In Italia succedono le stesse cose ma pochi ne parlano

Quando è scoppiato lo scandalo della mozzarella blu tedesca gli italiani hanno subito puntato il dito contro il latte tedesco, accusato di essere di mediocre qualità e sono arrivati addirittura ad  accusare la Germania di fare le mozzarelle italiane (ignorando che si tratta di formaggi non protetti da Dop che si possono produrre in qualsiasi paese). Nelle settimane successive però …

Continua »