Home / Archivio dei Tag: catena del freddo

Archivio dei Tag: catena del freddo

I frigoriferi non raffreddano abbastanza (la temperatura media è di 7,2°C). Ma i produttori non forniscono il termometro

frigorifero solidale

In estate è importante conoscere e rispettare le corrette regole di conservazione dei cibi, poiché col caldo deperiscono più in fretta. Spesso si pensa che un alimento in frigorifero sia conservato in modo ottimale  dimenticando che occorre collocare in modo corretto i cibi nei vari comparti (pesce, carni e pollame nella parte più fresca), mentre frutta e verdura,vanno conservate dentro …

Continua »

Ragù Barilla con carne di maiale arriva in Arabia Saudita. L’Italia bacchettata dalle autorità locali

ragu barilla retro 2018

Il Ministero della Salute italiano è stato richiamato dalle Autorità Saudite per alcune irregolarità riscontrate durante le ispezioni frontaliere arabe su alcuni alimenti provenienti dall’Italia. Uno dei marchi coinvolti che ha sollevato il problema più imbarazzante e stato il Ragù alla bolognese Barilla, che aveva tra gli ingredienti la carne di maiale, alimento vietato dalla Sharia. La legge religiosa islamica, pienamente …

Continua »

Yogurt fuori dal frigo per otto ore: è possibile? Nessun rischio per la salute e proprietà inalterate

colesterolo yogurt latte fermentato 179229729

Lo yogurt si può tenere davvero fuori dal frigorifero per quattro o addirittura otto ore come dichiarano alcuni produttori? È una domanda lecita perché, anche se non c’è alcun pericolo per la salute, visto che si sta parlando di qualche ora a temperatura ambiente, rimane comunque il dubbio che il numero di fermenti lattici contenuti nello yogurt possa diminuire notevolmente …

Continua »

Istamina nel tonno dovuta a problemi di temperatura nella catena di approvvigionamento. Il rapporto Efsa su 30 segnalazioni del Rasff

L’autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato un rapporto sulle centinaia di casi di intossicazione alimentare causati dall’eccesso di istamina nel tonno proveniente da fornitori spagnoli e messicani, che negli ultimi anni hanno colpito consumatori europei, in particolare in Spagna, Italia, Francia, Croazia e Danimarca. L’assistenza scientifica dell’Efsa nell’indagine sulle cause di queste contaminazioni era stata richiesta dalla …

Continua »

Insalata in busta: come scegliere la confezione migliore. Attenzione al frigorifero e alla scadenza

insalata donna

Tra i prodotti di punta del settore ortofrutticolo, uno straordinario successo è stato raggiunto dagli alimenti di quarta gamma come le insalate in busta. Si tratta – lo ricordiamo – di frutta e verdura mondata, tagliata, lavata e imbustata pronta all’uso. In questo caso il prezzo lievita perché si paga un servizio che altrimenti dovremmo fare noi a casa impiegando …

Continua »

Boom di casi di sindrome sgombroide a Milano dopo avere mangiato pesce conservato male al ristorante. Come ci si difende dal “mal di sushi”

sushi tonno

“Mal di sushi”. Con questo nome esotico a Milano è balzata agli onori della cronaca la sindrome sgombroide, un’intossicazione alimentare dovuta alla cattiva conservazione di alcuni tipi di pesce. L’allarme è scattato nel capoluogo lombardo dove i casi sono in costante aumento. Nel 2015, un anno da record, ne erano state colpite 47 persone, ma il primato è destinato a cadere …

Continua »

Etichette intelligenti: cambiano colore se il prodotto resta fuori dal frigo o se l’alimento è scaduto. Come funzionano e perché evitano lo spreco

Capire immediatamente, dalla confezione, se un prodotto che deve restare lungo tutta la filiera dal confezionamento al produttore a 4°C, è stato esposto a temperature più elevate, e per quanto tempo, e se può quindi rappresentare un pericolo per la sicurezza. Questo promette di fare l’etichetta cromo-termica messa a punto dai ricercatori del Dipartimento di scienza dei materiali dell’Università Milano-Bicocca …

Continua »

Insalate pronte in busta: regole precise su etichette, temperature e soprattutto modalità di lavaggio. In arrivo decreto

Finalmente sono arrivate le norme per le insalate pronte in busta classificate dagli addetti ai lavori come prodotti di  IV gamma. È infatti stato  emanato il decreto attuativo della Legge  del 13 maggio 2011 numero 77 che stabilisce regole precise alle quali tutti i produttori e distributori devono uniformarsi per garantire la sicurezza degli alimenti  tagliati e lavati pronti da …

Continua »

Insalata appassita e mozzarella molliccia? Per far rispettare la catena del freddo è arrivata un’etichetta che controlla la filiera

Un’insalata un po’ smorta, lo yogurt che si separa tra componente liquida e solida, il pesce fresco refrigerato che acquista un colore strano: cos’hanno in comune questi prodotti? Per nessuno di loro è stata rispettata la catena del freddo. Stabilire dove è avvenuta questa interuzione è difficile. In tempi brevi però potremmo trovare sui prodotti  freschi in vendita nei supermercati, un’etichetta …

Continua »

Melone e anguria: i consigli degli esperti per conservarli e consumarli in sicurezza

Da solo, in macedonia o come accompagnamento di salumi in popolari antipasti, il melone è spesso protagonista delle tavole estive e autunnali, ma attenzione: si tratta di un frutto ad alto rischio di contaminazione da parte di batteri e virus. Quindi, per conservarlo e consumarlo in sicurezza occorre seguire qualche semplice regola igienica, come ricorda una nota pubblicata di recente …

Continua »

Il mistero dei frigoriferi senza termometro. Le temperature sono sempre elevate. L`imbarazzante silenzio dei produttori

Come capire se il frigorifero di casa raggiunge le temperature necessarie a conservare adeguatamente gli alimenti deperibili? L’impresa risulta difficile, visto che la maggior parte degli apparecchi in commercio non dispone di un termometro. Il termostato interno serve per aumentare o diminuire la temperatura, ma non esiste un sistema per capire quanti gradi ci sono nella portiera o nei cassetti …

Continua »

Surgelati: perchè non introdurre gli indicatori tempo/temperatura per garantire la conservazione?

Ho letto il vostro articolo sugli imballaggi intelligenti, dove accennate agli indicatori tempo/temperatura (TTI) per i prodotti surgelati. Perché non applicare un TTI sulle singole confezioni di alimenti in modo da evidenziare il superamento dei -18°C e  consentire al consumatore di non acquistare (o di non consumare) il prodotto? Come faccio a sapere se la catena del freddo è stata …

Continua »

D`estate occorre più attenzione alla freschezza

L’estate richiede una maggiore attenzione e cautela nella conservazione degli alimenti. Perché, insieme con la temperatura. aumenta anche il rischio di intossicazioni alimentari. Dopo le raccomandazioni sull’insalata e gli ortaggi da consumare crudi della commissione Codex ecco i suggerimenti dell’Anses, l’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione, dell’ambiente e del lavoro. Le basse temperature, oltre a preservare le qualità organolettiche degli …

Continua »