Home / Sicurezza Alimentare / I frigoriferi non raffreddano abbastanza (la temperatura media è di 7,2°C). Ma i produttori non forniscono il termometro

I frigoriferi non raffreddano abbastanza (la temperatura media è di 7,2°C). Ma i produttori non forniscono il termometro

frigorifero verdure formaggiIn estate è importante conoscere e rispettare le corrette regole di conservazione dei cibi, poiché col caldo deperiscono più in fretta. Spesso si pensa che un alimento in frigorifero sia conservato in modo ottimale  dimenticando che occorre collocare in modo corretto i cibi nei vari comparti (pesce, carni e pollame nella parte più fresca), mentre frutta e verdura,vanno conservate dentro ai cassetti.

Ma anche rispettate queste semplici regole non basta  perché molti frigoriferi presenti nelle case italiane hanno una temperatura interna troppo elevata, tale da non consentire di conservare correttamente gli alimenti e rispettare la catena del freddo. Questo è il quadro offerto da un’indagine del 2011 condotta dall’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie sui frigoriferi di 116 famiglie scelti tra quelli situati nelle case dei dipendenti. La temperatura media rilevata all’interno degli elettrodomestici era di +7,2°C. Più precisamente,  il valore medio media registrata è stata di +6,9°C nella parte alta, e di +6,6°C in quella bassa. Il record negativo si raggiunge nello sportello, il comparto in cui di solito si tiene il latte fresco, dove il valore trovato era +8,0°C.

La ricerca dell’IZSV è la più recente realizzata in Italia, e conferma l’esistenza di un problema relativo ai frigoriferi. Un’indagine condotta nel 2017,  ha preso in considerazione studi sulle temperature dei frigoriferi in alcuni stati europei e ha rivelato valori medi superiori ai +4,0°C nei vari Paesi, con indici che vanno dai +5,9°C di Francia, Irlanda e Svezia ai +7,9°C della Spagna.

Il Regolamento 1060/2010 della Commissione Europea indica per i frigoriferi domestici una temperatura di conservazione media all’interno minore o al massimo pari a +4°C”. Il  valore medio di +7,2°C come quello rilevato dall’indagine supera di gran lunga il limite.

Il termometro dovrebbe essere nella dotazione di tutti i frigoriferi

Sarebbe opportuno poter controllare la temperatura del proprio frigorifero, specialmente d’estate, quando  si superano anche i 30°C e l’elettrodomestico dovrebbe mantenere una temperatura idonea alla conservazione dei cibi. Eppure, a parte pochi modelli di grandi dimensioni e alta gamma molto costosi, i frigoriferi sono venduti senza termometro. All’interno c’è solo  un termostato  per regolare l’intensità del freddo, che può essere aumentata o diminuita, senza però alcun riferimento alla temperatura. Il Fatto Alimentare ha più volte chiesto ai produttori  perché nella dotazione del frigorifero non viene fornito un termometro, ma le risposte non sono arrivate. Chiediamo nuovamente a: Bosch, Siemens, Candy, Indesit, Zoppas, Ignis, Whirpool, Hotpoint-Ariston, Samsung, di mettere a disposizione nel kit dei frigoriferi nuovi un termometro, convinti che una spesa di circa 2 euro possa rientrare nel prezzo. È vero che la legge non lo prevede, ma a volte ci vuole un pizzico di buonsenso e non è sufficiente appellarsi ad una norma tecnica.

Per sopperire a questa mancanza dei produttori, una buona idea è procurarsi un termometro da frigo, acquistabile in molti negozi o su internet, ad un prezzo variabile  da 2 € ai 15 € per i più tecnologici. In questo modo, si può  identificare la zona più fredda del frigo destinata gli alimenti deperibili e contribuire al mantenimento della catena del freddo, che deve essere rispettata in tutta la filiera fino a quando si cucina.

Per essere certi di conservare correttamente gli alimenti bisogna considerare la collocazione in cucina, il fatto che sia o meno incassato, le modalità di utilizzo ( non tenere la portiera aperta a lungo e non inserire cibi caldi). Per orientarsi in modo completo, può essere utile questo decalogo pubblicato dal Ministero della Salute.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

bambini natura estate ciliegie frutta

Quando il cibo soffoca i bambini. In Italia 1.000 ospedalizzazioni l’anno. Cosa fare prima e dopo un’ingestione accidentale

In estate per i bambini mangiare in spiaggia, mentre si gioca o si corre è …

4 Commenti

  1. con 8 euro prendere il termometro Ikea e potete controllare la temperatura

  2. Il primo ripiano in basso, costituito da griglia o cristallo sopra i cassetti della frutta é quello più freddo dove mettere la carne. La frutta e la verdura vanno collocati nei cassetti perché la temperatura é più bassa ma ottimale per la loro conservazione. Sui ripiani intermedi relativamente meno freschi perché di temperatura superiore, vanno messi uova e formaggi.
    S. S.

  3. Anche evitare di riempire eccessivamente il frigo è una buona pratica: se troppo carico infatti, l’elettrodomestico fa fatica a raggiungere le temperature ottimali per la conservazione dei cibi, consumando anche più energia elettrica.

  4. Non capisco perché con il caldo stagionale la temperatura interna al frigorifero aumenta. Non dico se non ce la facesse a raggiungere i 4 gradi, ma girando il regolatore verso i gradi più bassi ce la fa benissimo. Ora: se ho trovato, in inverno, l’impostazione che tiene i 4 gradi ad un certo punto del regolatore, perché il termostato non tiene quella temperatura indipendentemente da quella esterna? Per lo meno fino a che il sistema refrigerante ce la fa. Invece no; è come se il sensore risentisse della temperatura dell’ambiente, invece che mantenere una temperatura costante all’interno.
    Diversi frigoriferi che ho posseduto si sono tutti comportati così. Veramente strano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *