Home / Archivio dei Tag: bibite zuccherate (pagina 2)

Archivio dei Tag: bibite zuccherate

Proposta di legge per tassare bibite zuccherate e olio di palma. Stop a cibo poco salutare nelle mense scolastiche

junk food

Tre senatori di Sinistra italiana – Sel hanno presentato un disegno di legge, per aumentare l’imposizione fiscale sui prodotti contenenti elevati livelli di acidi grassi saturi, zuccheri aggiunti e dolcificanti artificiali, focalizzando l’attenzione soprattutto sull’olio di palma e le bevande cosiddette di fantasia. L’intento è scoraggiare la produzione e il consumo. La proposta, che vede come firmatari Francesco Campanella, Loredana …

Continua »

Esclusiva: è arrivata in Italia Coca-Cola life (13 cucchiaini di zucchero per litro al posto dei 21 della versione classica). Resta il no dei nutrizionisti alle bevande zuccherate

Coca-Cola life, la nuova bibita verde della multinazionale americana è arrivata anche in Italia. Si trova già nei supermercati Esselunga dove viene  venduta ad un prezzo pressoché identico a quella classica.  La nuova bibita caratterizzata dal colore verde contiene meno zucchero, grazie all’apporto dell’edulcorante estratto  delle foglie di stevia. La bibita, lanciata nel 2013 in Argentina e in Cile e …

Continua »

La tassa sulle bibite zuccherate divide: è sostenuta dai parlamentari britannici, mentre il primo ministro e le industrie sono contrarie

zucchero bibite soda tax

Contro il junk food e soprattutto contro le bibite zuccherate si muove tutto il parlamento britannico, che ha elaborato un  documento favorevole all’introduzione di una tassa.  La mossa politica lascia il primo ministro David Cameron solo alle prese con un  piano contro l’obesità infantile che eviterebbe la tassa.Ne riferiscono tutti i media britannici, tra i quali la BBC, che sottolinea …

Continua »

Troppo dolce quella dieta: l’alimentazione quotidiana contiene molti zuccheri più o meno nascosti in cereali, bibite, succhi di frutta, merendine. Serve un freno

«La nostra dieta è troppo ricca di zucchero, quello semplice. Senza un’adeguata politica di contenimento, il sovrappeso, il diabete e le malattie cardiovascolari sono destinati ad aumentare». Potrebbe essere riassunta così, un’analisi pubblicata sulla rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology dai ricercatori Barry Popkin (scuola di salute pubblica, università del North Carolina) e Corinna Hawkes (centro per le politiche alimentari, …

Continua »

I finanziamenti di Coca-Cola a programmi di promozione dell’attività fisica, che non tengono conto dell’alimentazione

coca_cola_h_partb

Continua, negli Stati Uniti, la battaglia sul conflitto di interessi scatenata dalla rivelazione dei beneficiari di 120 milioni di dollari elargiti dalla Coca-Cola. Ultima in ordine di tempo a tornare sui suoi passi è l’Università del Colorado, che ha annunciato la decisione di rendere un milione di dollari, dopo aver saputo che la donazione faceva parte di un progetto per …

Continua »

Soda Politics: il ruolo di chi vende bibite zuccherate per promuoverne il consumo. L’ultimo libro di Marion Nestle

Marion Nestle, dell’università di New York, famosa in tutto il mondo per aver raccontato con rigore l’effetto nefasto dell’industria alimentare sull’alimentazione degli americani, ha appena pubblicato il suo ultimo libro: “Soda Politics”. Nell’opera viene affrontato nel dettaglio il ruolo che le multinazionali delle bibite zuccherate (soda o soft drink) hanno svolto nel corso degli anni per promuovere il consumo dei …

Continua »

Se il nutrizionista è consulente delle aziende perché non lo dichiara? Ecco cosa c’è dietro questo conflitto di interessi all’italiana…

Perché in Italia si parla poco del ruolo negativo delle merendine nell’alimentazione dei ragazzi? Perché l’eccesso di zuccheri nella dieta non viene evidenziato? Perché l’invasione dell’olio di palma è diventato un argomento di attualità solo quando abbiamo sollevato il problema? Perché il junk food è solo il trittico hamburger+patatine+bevanda zuccherata e non il cibo spazzatura venduto sugli scaffali dei supermercati da marche …

Continua »

Bibite light o a zero calorie? Da sole non servono per ridurre l’introito calorico: chi le sceglie spesso mangia cibo spazzatura

coca cola

Per ridurre l’obesità negli States sarebbe sufficiente ridurre l’introito calorico di circa 100 kcal/giorno nell’adulto, mentre nei bambini di 150 kcal/giorno: è quanto emerge da due differenti studi pubblicati su Science e Pediatrics. Se si considera che negli USA la quantità di calorie introdotte solo da bevande zuccherate (senza contare vino, birra o succhi di frutta) sarebbe di circa 150 kcal/giorno o più …

Continua »

Le bibite dolci nel mondo. Una mappa geografica e anagrafica delle tendenze in fatto di bevande

bevande zuccherate bibite senza zucchero gassate cola bevanda 181397947

Quante bevande dolci assumono ogni giorno i cittadini del mondo, e quali sono le tendenze principali? La domanda, lungi dall’essere un mero esercizio statistico, è molto importante per individuare i consumi, metterli in relazione con le politiche sanitarie e di marketing dei diversi paesi e per capire che cosa c’è da correggere, e dove. Nessuno, finora, aveva fornito una risposta …

Continua »

Bibite zuccherate: consumare ogni giorno un drink dolce fa male alla salute e fa aumentare il rischio di diabete

Mentre continua, sulle pagine del British Medical Journal, la discussione sull’efficacia della tassa del 20% sulle bevande dolci proposta dalla British Medical Association, la stessa rivista, quasi a voler invitare gli esperti a trovare una strategia condivisa a livello globale, pubblica una delle più grandi meta analisi mai effettuate, che inchioda il consumo regolare di soda alle sue responsabilità, almeno …

Continua »

Attività fisica inutile per dimagrire: quando si sceglie il fast food è la qualità del cibo a fare la differenza sull’introito calorico

In un articolo sul New York Times, Aaron E. Carroll spiega che per perdere 350 kcal è necessario correre per 30 minuti: in realtà per ottenere lo stesso risultato sarebbe sufficiente rinunciare a 2 lattine e mezza (139 cal per 33 cl) di Coca-Cola. Diversi studi indicano che l’attività fisica, che ogni persona dovrebbe praticare perché apporta molti benefici per …

Continua »

Obesità infantile: le nuove linee guida e i trucchi per combatterla evitando zuccheri, sale e grassi in eccesso

fast food

Tenere la frutta al centro della tavola e bere acqua o latte scremato per dissetarsi, evitando le sempre più diffuse bevande zuccherate: sono solo due dei consigli più significativi che l’American Academy of Pediatrics ha diffuso nelle linee guida per la prevenzione della obesità infantile. L’approfondimento punta a favorire l’adozione di stili di vita più salutari, per ridurre l’incidenza di …

Continua »

Tasse e restrizioni alle pubblicità del cibo spazzatura per combattere l’obesità infantile. La proposta dell’Oms

Un rapporto provvisorio dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), aperto ai commenti delle parti interessate, indica le azioni necessarie per combattere e prevenire l’obesità giovanile. Il documento parte dalla constatazione che, tra il 1980 e il 2013, la percentuale di persone obese è cresciuta del 27,5% tra gli adulti e del 47,1% tra bambini e adolescenti fino ai 19 anni. Il …

Continua »

Le lobby della carne e delle bibite zuccherate contro le proposte di nuove linee dietetiche per gli americani

Raw fresh meat Ribeye Steak and seasoning on dark background

Sono state pubblicate le proposte della Commissione consultiva di nutrizionisti istituita dal governo di Washington all’inizio del 2014, incaricata di fornire pareri scientifici sulle nuove linee guida per la dieta degli americani. La raccomandazione di consumare meno carne rossa e lavorata industrialmente, per una migliore salute e minori impatti ambientali, ha suscitato l’immediata reazione del North American Meat Institute, che …

Continua »

Referendum sugli Ogm e tassa sulle bibite zuccherate: i risultati delle votazioni negli Stati Uniti e gli investimenti milionari delle aziende

In contemporanea con le elezioni di medio termine per il Congresso, negli Stati Uniti si è votato anche per alcuni referendum su temi alimentari. La proposta di etichettatura obbligatoria dei prodotti contenenti Ogm è stata bocciata in Oregon con il 51% di contrari e in Colorado con il 66%. È stato invece approvato il divieto temporaneo di coltivazione di colture …

Continua »