Home / Archivio dei Tag: api (pagina 2)

Archivio dei Tag: api

Api e Terra dei Fuochi: le silenziose paladine protagoniste di un progetto di biomonitoraggio sui metalli pesanti

Il vento sfiora le foglie di nocciolo e solleva i vapori che fuoriescono dall’affumicatore davanti alle arnie. Le api cominciano a danzare nella brezza. Sullo sfondo, imperiose vette fanno da confine a distese di campi coltivati, dai colori vividi. È in una campagna di Vairano Patenora (CE), nell’Alto Casertano, a circa 20 km dall’area ex Pozzi di Calvi Risorta, dove …

Continua »

Api: quando non uccidono, i pesticidi neonicotinoidi danneggiano l’olfatto. I risultati di uno studio dell’Università di Trento pubblicato su Scientific Reports

api

Uno studio dell’Università di Trento, pubblicato su Scientific Reports, ha rilevato le concentrazioni di pesticidi neonicotinoidi nel cervello delle api e ha scoperto i danni che provocano anche a dosi inferiori rispetto a quelle letali. I ricercatori del laboratorio di neurofisica hanno identificato una perdita dell’olfatto, oltre che della memoria e dell’orientamento negli insetti esposte al pesticida. L’alterazione dell’olfatto delle …

Continua »

Api: negli Stati Uniti 7 tipi di insetti nell’elenco delle specie a rischio di estinzione: sono originarie delle Hawaii

Negli Stati Uniti, per la prima volta, sette tipi di api sono state inserite dal governo federale nell’elenco delle specie a rischio di estinzione. Si tratta di sette varietà di Hylaeus, note come api dalla “faccia gialla”, originarie delle Hawaii, ma presenti anche in altre zone degli Usa: Hylaeus anthracinus, H. assimulans, H. facilis, H. hilaris, H. kuakea, H. longiceps …

Continua »

Fertilità delle api ridotta del 39% a causa dei pesticidi neonicotinoidi

Alcuni pesticidi riducono la fertilità dei maschi delle api di quasi il 40% e ne accorciano la vita, diminuendo così le possibilità di accoppiamento. È quanto appurato da uno studio condotto nell’Università di Berna e pubblicato dalla rivista Proceedings of the Royal Society B. I ricercatori hanno preso in esame l’impatto sui fuchi di due pesticidi neonicotinoidi, il thiamethoxam e …

Continua »

Inquinamento: il 64% delle acque superficiali è contaminato da pesticidi e nel 21,3% dei casi si superano i limiti, con forte presenza del glifosato

inquinamento acqua

Il 63,9% delle acque superficiali del nostro paese è contaminato da pesticidi (nel 2012 la percentuale era del 56,9%)  e, come se non bastasse, nel 21,3% dei casi le concentrazioni rosultano superiori ai limiti ammessi. Nelle acque sotterranee, risulta contaminato il 31,7% dei punti di prelievo (la percentuale era del 31% nel 2012) e il superamento dei limiti è stato …

Continua »

Moria delle api: la Francia vota per il divieto di utilizzo dei pesticidi neonicotinoidi e si oppone all’innalzamento del limite massimo nel miele

L’Assemblea nazionale francese ha approvato un emendamento alla legge sulla biodiversità, che dal 1° settembre 2018 vieta l’utilizzo di tutti i pesticidi appartenenti alla famiglia dei neonicotinoidi, ritenuti responsabili della moria di api. La nuova disposizione passa all’esame del Senato e vieta anche le sementi trattate con questi pesticidi. All’interno del governo vi è stato uno scontro tra il ministro …

Continua »

Api e impollinatori a rischio: la crisi minaccia la sicurezza alimentare. Primo rapporto pubblicato dall’organismo dell’Onu per la biodiversità

api fiore-

Api e altri impollinatori sono in forte difficoltà, tanto che molti di loro sono a rischio di estinzione, secondo il primo rapporto pubblicato dall’organismo dell’Onu per la biodiversità, l’Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services (IPBES), che fornisce un quadro completo dei rischi che stanno correndo gli impollinatori vertebrati, come uccelli e pipistrelli, e invertebrati, come api, farfalle e altri insetti. Quasi il …

Continua »

Pesticidi neonicotinoidi: la Francia chiede una maggior protezione per le api. Pubblicato un nuovo rapporto

api_153076235

Secondo l’Agenzia nazionale francese per la sicurezza alimentare (Anses), le restrizioni all’uso dei pesticidi neonicotinoidi, decise dall’Unione europea nel 2013 e scadute in dicembre, vanno mantenute e rafforzate, estendendole anche agli usi che attualmente sono ancora consentiti. In un parere scientifico, richiesto dai ministri dell’ecologia, dell’agricoltura e della salute, sui rischi a cui sono esposte le api e gli altri …

Continua »

Insetticidi e morìa di api: nuovi studi chiariscono la situazione e individuano le vere sostanze tossiche per gli insetti

Si va chiarendo il complesso rapporto tra l’impiego degli insetticidi e la morìa di api registrata in tutto il mondo. Due studi usciti nei giorni scorsi confermano che una parte di responsabilità va attribuita ai neonicotinoidi (almeno a gran parte di essi), e scagionano invece il glifosato ( il composto recentemente al centro di una vera e propria guerra scientifica …

Continua »

Miele: in arrivo la nuova legge su OGM, origine e ingredienti. Coldiretti non è d’accordo con gli apicoltori

Il Consiglio dei ministri il 12 ottobre 2015 ha esaminato preliminarmente la direttiva europea 2014/63/UE sul miele, in attesa dell’approvazione definitiva delle Commissioni competenti di Camera e Senato. In etichetta i consumatori non noteranno grandi cambiamenti perché rimane l’obbligo di indicare il Paese di origine in cui il miele è stato raccolto e, nel caso si tratti di miscela di …

Continua »

Pesticidi neonicotinoidi: l’Efsa conferma i rischi per le api. La nuova valutazione scientifica a due anni dalle limitazioni dell’Unione europea

pesticidi

I pesticidi neonicotinoidi applicati sotto forma di spray fogliari rappresentano un rischio per le api. Lo conferma una nuova valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) sui rischi per le api da thiamethoxam (prodotto da Syngenta), clothianidin e imidacloprid (prodotti da Bayer), per tutti gli usi che non siano la concia delle sementi e il trattamento in forma granulare. …

Continua »

Api europee: la perdita di colonie è meno grave del previsto. Peste americana ed europea sono presenti in basse percentuali. Diffusa la varroa

Buone notizie per le api europee: la perdita delle colonie è meno grave del previsto. Lo ha stabilito il più grande studio mai realizzato in materia, l’indagine EPILOBEE, finanziata dall’Unione Europea con 3,3 milioni di euro, condotta su quasi 32.000 colonie di 17 paesi europei e relativa al periodo compreso tra la fine del 2012 e l’estate del 2013. In …

Continua »

Obama lancia una strategia nazionale in difesa delle api. Proposte restrizioni all’uso dei pesticidi altamente tossici

Dopo aver istituito un anno fa un’apposita task force, il presidente Usa, Barack Obama, è tornato a sottolineare l’importanza di combattere la moria delle api e i conseguenti danni all’agricoltura, adottando nuovi provvedimenti nell’ambito di una strategia nazionale, la Federal Strategy to Promote the Health of Honey Bees and Other Pollinators. L’Agenzia Usa per la protezione ambientale (Epa) ha proposto nuove restrizioni …

Continua »

Per salvare le api italiane dal parassita Aethina tumida serve proprio bruciare gli alverari come dice la Regione Calabria. Secondo qualcuno è inutile

Leggendo l’articolo di Margherita Fronte (Apicoltori in allarme: il parassita degli alveari Aethina tumida è arrivato in Italia. Decine di infestazioni tra Calabria e Sicilia) ho pensato di mettervi a conoscenza di una iniziativa intrapresa dalla gran parte degli apicoltori calabresi.   Sono già oltre 3000 le famiglie di api in Calabria che sono state sottoposte al rogo, in seguito …

Continua »

Apicoltori in allarme: il parassita degli alveari Aethina tumida è arrivato in Italia. Decine di infestazioni tra Calabria e Sicilia

api_153076235

Gli apicoltori del Sud Italia sono in allarme per l’arrivo di un parassita degli alveari che rischia di compromettere ulteriormente la produzione di miele, in un settore già pesantemente colpito dalle morìe di api degli anni scorsi. Il parassita è l’Aethina tumida (Murray o piccolo coleottero degli alveari) importato dall’Africa e individuato per la prima volta il 12 settembre, in …

Continua »