;
Home / Pianeta / Salviamo le api e gli agricoltori: estesa la raccolta delle firme per l’iniziativa dei cittadini europei

Salviamo le api e gli agricoltori: estesa la raccolta delle firme per l’iniziativa dei cittadini europei

apiContinua la raccolta firme per l’iniziativa dei cittadini europei (Ice) per salvare le api e, insieme ad esse, anche gli agricoltori. Iniziata alla fine di settembre 2019, la petizione ha ricevuto un’estensione dalle istituzioni comunitarie di sei mesi a causa del Covid-19, che impedisce le attività di informazione e raccolta firme sul territorio.

Gli insetti impollinatori, infatti, svolgono un ruolo essenziale nella produzione agricola e nel sistema alimentare. Secondo la Fao, spiega SlowFood, una delle organizzazioni promotrici dell’iniziativa, sette colture su 10 (tra quelle che forniscono il 90% del cibo alla popolazione mondiale) dipendono direttamente dall’attività di impollinazione delle api.

api alveari miele apicoltura
Estesa la raccolta delle firme per l’iniziativa dei cittadini europei per salvare le api e gli agricoltori

L’iniziativa dei cittadini europei “Salviamo api e agricoltori!” è guidata da Pan Europe ed è sostenuta da numerose associazioni di tutta Europa come Compassioni in World Farming, Slow Food, Greenpeace, Legambiente, Federbio e Wwf. La petizione  chiede alla Commissione europea:

  • L’eliminazione graduale dei pesticidi sintetici entro il 2035: l’obiettivo è quello di eliminare l’80% dei pesticidi sintetici dall’agricoltura europea entro il 2030, a partire da quelli più pericolosi, raggiungendo poi il 100% entro il 2035.
  • Misure per la biodiversità: l’Ice punta a ripristinare gli ecosistemi naturali nelle aree agricole in modo che l’agricoltura stessa diventi un mezzo per salvaguardare e recuperare la biodiversità.
  • Un sostegno agli agricoltori nella transizione: durante il passaggio verso pratiche agroecolopiche e biologiche gli agricoltori devono essere sostenuti, favorendo le aziende piccole, diversificate e sostenibili e sostenendo la ricerca sulle produzioni senza uso di pesticidi e Ogm.

Per essere presentata alla Commissione europea, l’iniziativa dei cittadini europei deve raccogliere un milione di firme, raggiungendo un numero minimo in sette Paesi membri. Attualmente la petizione “Salviamo api e agricoltori!” ha raccolto più di 410 mila firme. Per sostenere l’iniziativa clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Carne: le prime 20 grandi aziende emettono più gas serra di Paesi come Francia e Germania

“Le prime venti aziende zootecniche a livello mondiale liberano in atmosfera una quantità di gas serra …

Un commento

  1. Avatar

    mi sono informato sul tema e sono del parere che il tutto non si riduca solo all’uso dei pesticidi sintetici, ma fa rientrare nella problematica anche l’uso dei pesticidi ammessi in agricoltura biologica. la questione richiede quindi una visione più ampia e profonda per essere trattata e risolta in favore della salvaguardia del patrimonio ambientale e della biodiversità in generale, api in particolare.