;
Home / Pianeta / Api e insetti impollinatori: l’impatto tossico dei pesticidi è raddoppiato negli ultimi 10 anni

Api e insetti impollinatori: l’impatto tossico dei pesticidi è raddoppiato negli ultimi 10 anni

Uno studio condotto negli Usa nel periodo compreso tra il 1992 e il 2016 dimostra che l’impatto tossico dei pesticidi sulle api e sugli altri insetti impollinatori è raddoppiato in dieci anni, nonostante siano diminuite le quantità delle sostanze chimiche impiegate nei campi. I moderni pesticidi hanno una minore tossicità per le persone, per i mammiferi e gli uccelli perché vengono irrorati in quantità minore. Questa scelta è sicuramente interessante ma c’è un problema che riguarda gli insetti impollinatori e gli invertebrati acquatici, visto che per loro i nuovi composti chimici (per lo più piretroidi e neonicotinoidi) risultano ancora più tossici.

Il danno correlato al maggior grado di tossicità supera i benefici ottenuti grazie al ridotto volume di pesticidi utilizzati. Sono queste le conclusioni della ricerca “Applied pesticide toxicity shifts toward plants and invertebrates, even in GM” pubblicata sulla rivista Science. “I composti particolarmente tossici per i vertebrati sono stati sostituiti da composti con una minore tossicità per i vertebrati e questo è davvero un successo”. È quanto ha dichiarato, al Guardian, Ralf Schulz, dell’Università di Coblenza e Landau in Germania, che ha coordinato la ricerca. “Ma allo stesso tempo, i pesticidi sono diventati più specifici (per lo più piretroidi e neonicotinoidi) e quindi, sfortunatamente, anche più tossici per gli organismi non bersaglio, come le api, gli impollinatori e gli invertebrati acquatici”.

© Riproduzione riservata Foto:Stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

tazza di tè

Tè: in Kenia la crisi climatica mette in pericolo le coltivazioni delle preziose foglie

La tazza di tè mattutina potrebbe non avere più lo stesso sapore se il riscaldamento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *