Home / Pianeta / Salute delle api, operativa una nuova centrale dati promossa dall’Efsa per tutta l’Europa

Salute delle api, operativa una nuova centrale dati promossa dall’Efsa per tutta l’Europa

api Il partenariato UE per le api (EUBP) ha inaugurato una nuova piattaforma dati online che ricoprirà un ruolo cruciale nelle misure per proteggere la salute di api e insetti impollinatori. Il prototipo di piattaforma è uno strumento innovativo che centralizzerà, elaborerà e metterà a disposizione in forma visuale i dati relativi ad api e insetti impollinatori. La raccolta di dati armonizzati su api e impollinatori prelevati da tutta Europa sarà fondamentale per il successo del nuovo protocollo EFSA per la valutazione del rischio ambientale derivante da fattori multipli di stress per le api, detto Must-B.

L’Efsa presterà assistenza per la trasformazione del prototipo della piattaforma in strumento operativo con l’erogazione di un finanziamento per la successiva fase di sviluppo. Verrà presto indetto un bando di gara d’appalto per realizzare il progetto. Fine ultimo è riuscire a far diventare la piattaforma una vera centrale che riunisca tutte le informazioni di rilievo, le conoscenze e i dati cumulati da e scambiati tra le parti interessate in tema di salute delle api e apicoltura, rendendo i dati pertinenti accessibili a utenti finali come apicoltori, associazioni di apicoltori o di agricoltori, ricercatori, agenzie e politici. A tal proposito l’Efsa ha appena ricevuto i dati raccolti sul campo da alveari sentinella di api mellifere in Danimarca e Portogallo. Tali raccolte sperimentali aiuteranno in futuro a calibrare il modello di simulazione ApisRAM, che è il fulcro del protocollo Must-B.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Tutelare la biodiversità animale e vegetale è una priorità per l’ambiente, ma anche per l’economia

Secondo una stima del World Economic Forum, oltre il 50% del prodotto interno lordo mondiale …