Home / Richiami e ritiri / Semi di chia richiamati per possibile presenza di soia non dichiarata. Coinvolti due marchi

Semi di chia richiamati per possibile presenza di soia non dichiarata. Coinvolti due marchi

Semi di chia Dalla Buona Terra PedonIl ministero della Salute ha segnalato il richiamo precauzionale da parte del produttore di alcuni lotti di semi di chia (Salvia hispanica) venduti con i marchi Dalla Buona Terra Pedon e Cucina e Sapori (di MD) per la “possibile presenza dell’allergene soia non dichiarato in etichetta”. I prodotti interessati sono i seguenti:

  • Semi di chia Dalla Buona Terra Pedon, in sacchetti da 150 grammi, con il termine minimo di conservazione (Tmc) 18/06/2023, corrispondente al lotto di produzione;
  • Semi di chia Dalla Buona Terra Pedon, in sacchetti da 250 grammi, con il Tmc 19/06/2023; il richiamo è stato segnalato anche da Esselunga (aggiornamento del 6 giugno 2022);
  • Semi di chia Cucina e Sapori di MD Spa, in sacchetti da 250 grammi, con il Tmc 11/06/2023.

Semi di chia Cucina e Sapori MDI semi di chia richiamati sono stati prodotti dall’azienda Pedon Spa, nello stabilimento di via del Progresso 32 a Colceresa, in provincia di Vicenza.

In via cautelativa, si raccomanda alle persone allergiche alla soia di non consumare il prodotto con i marchi e i termini minimi di conservazione indicati e restituire le confezioni al punto vendita d’acquisto. Non ci sono rischi per i consumatori che non sono allergici alla soia.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il produttore Pedon Spa al numero 800 593276, oppure, per quanto riguarda i semi di chia a marchio Cucina e Sapori, il servizio clienti MD 800 555000.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 63 richiami, per un totale di 130 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos (copertina), ministero della Salute

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Burger di tofu e verdure con fiocchi di salsa tipo maionese e erbe, appoggiati sul pane; sullo sfondo contenitore con patate dolci fritte

I richiami del giorno: medaglioni di tofu, caffè macinato, latte in polvere, prodotti ittici essiccati

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di alcuni lotti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *