Home / Richiami e ritiri / Richiamate uova fresche dell’Avicola Peligna per la presenza di Salmonella. Aggiornamento del 10 agosto

Richiamate uova fresche dell’Avicola Peligna per la presenza di Salmonella. Aggiornamento del 10 agosto

Salmonella on Eggs

Aggiornamento del 10 agosto 2018. L’Avicola Peligna informa che al momento della comunicazione dell’esito delle analisi ha immediatamente bloccato i lotti interessati che quindi non sono stati mai messi in commercio. Le uova interessate erano destinate alla sgusciatura e non alla vendita. L’Avicola Peligna ha provveduto il 09/08 allo smaltimento di tutti gli animali interessati. L’evento ha interessato in parte solo uno dei 4 capannoni di produzione che resta comunque in gradi fornire oltre 22.000 uova controllate al giorno.

Il Ministero della salute ha diffuso l’avviso di richiamo di tre lotti di uova fresche prodotte da Avicola Peligna di Margiotta Mario per la presenza di Salmonella enteritidis. Le uova interessate sono quelle con il numero di lotto 17-18-0718 e la data di scadenza 15/08/2018, il numero di lotto 19-20-0718 e la data di scadenza 17/08/2018, il numero di lotto 21-22-0718 e la data di scadenza 19/08/2018.

Le uova richiamate sono state prodotte dall’azienda Avicola Peligna di Margiotta Mario nello stabilimento di Contrada San Martino, a Raiano, in provincia de L’Aquila (marchio di identificazione 077AQ082).

A scopo precauzionale, si raccomanda di non consumare le uova con i numeri di lotto e le scadenze segnalate.

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 88 richiami, per un totale di 156 prodotti, e una revoca. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

purea di frutta babylove aflatossine

Tracce di aflatossine: richiamata purea di frutta per bambini Babylove di dm Drogerie Markt. Quattro prodotti coinvolti

Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di diversi prodotti per bambini a base …

Un commento

  1. Avicola Peligna

    L’Avicola Peligna informa che al momento della comunicazione dell’esito delle analisi ha immediatamente bloccato i lotti interessati che quindi non sono stati mai messi in commercio.
    Le uova interessate erano destinate alla sgusciatura e non alla vendita.
    L’Avicola Peligna ha provveduto il 09/08 allo smaltimento di tutti gli animali interessati.
    L’evento ha interessato in parte solo uno dei 4 capannoni di produzione che resta comunque in gradi fornire oltre 22.000 uova controllate al giorno.