Home / Richiami e ritiri / Richiamata torta di Natale senza glutine e lattosio Belli Freschi: possibile presenza di proteine del latte

Richiamata torta di Natale senza glutine e lattosio Belli Freschi: possibile presenza di proteine del latte

torta di natale senza glutine lattosio richiamoIl ministero della Salute ha diffuso il richiamo di un lotto della torta di Natale senza glutine e senza lattosio Facciamo Festa a marchio Belli Freschi per la possibile presenza di proteine del latte non dichiarate in etichetta per una contaminazione crociata. Il dolce interessato è venduto in confezioni da 350 grammi con il numero di lotto TNSL150320 e il termine minimo di conservazione 15/03/2020.

La torta di Natale richiamata è stata prodotta da Belli Freschi Srl nello stabilimento di via Savio 41/43 a Valbiano di Sarsina, in provincia di Forlì-Cesena.

A scopo precauzionale, si raccomanda alle persone allergiche alle proteine del latte o intolleranti al lattosio di non consumare il dolce di Natale richiamato e restituirlo al punto vendita d’acquisto. Il prodotto è sicuro per i consumatori che non sono allergici o intolleranti.

Dal 1° gennaio 2020, Il Fatto Alimentare ha segnalato 6 richiami, per un totale di 6 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo pubblicato in Italia che rivela i segreti e le criticità di un sistema che ogni anno riguarda  almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore. I lettori interessati a ricevere l’ebook, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

organic goji berries in a glass jar on wooden background bacche di goji

Ancora un richiamo di bacche di goji per pesticidi oltre i limiti: l’avviso del ministero della Salute

Il ministero della Salute ha pubblicato l’ennesimo richiamo di bacche di goji, questa volta dell’azienda …

2 Commenti

  1. Avatar

    Notare che il primo ingrediente è lo zucchero, un ingrediente a costo bassissimo, e chissà a quanto viene venduto questo prodotto al pubblico.

  2. Avatar

    Dall’etichetta:’ confezionato con alcool’. Investo sulla qualità del dolce e risparmio sullo spumante. Battuta a parte, proprio i prodotti ‘speciali’ (senza x , senza y, ecc…) vanno attenzionati ancor di più sia nell’etichetta ingredienti che in quella nutrizionale.