Home / Richiami e ritiri / Presenza di arachidi non dichiarate: richiamati due lotti di pestato di friarielli e di carciofi

Presenza di arachidi non dichiarate: richiamati due lotti di pestato di friarielli e di carciofi

pestato di friarielli pestato di carciofi a' luna suttileIl ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di un lotto ciascuno di pestato di friarielli e di carciofi a marchio A’ Luna Suttile per la “presenza non dichiarata in etichetta di proteina di arachide nella lecitina di soia utilizzata come emulsionante”. Il provvedimento è datato 06/06/2022, ma è stato pubblicato dal ministero della Salute solo in data 24/06/2022. I prodotti interessati sono i seguenti:

  • Pestato di friarielli con olio extravergine di oliva, in vasi singoli da 580 grammi (peso netto), con il numero di lotto 313/19A22 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 31/05/2025.
  • Pestato di carciofi con olio extravergine di oliva, in vasi singoli da 570 grammi (peso netto), con il numero di lotto 318/20A22 e il Tmc 31/05/2025.

I pestati richiamati sono stati prodotti dall’azienda Sole e Terra del Vesuvio Srl, nello stabilimento di via Santa Maria a Castello 98, a Somma Vesuviana, nella città metropolitana di Napoli (n° REA NA 912830 esente da marcatura CEE).

A scopo precauzionale, l’azienda raccomanda alle persone allergiche alle arachidi di non consumare i due pestati con i numeri di lotto e i termini minimi di conservazione segnalati e restituirli al punto vendita. Il consumo dei prodotti in questione non è rischioso per le persone che non sono allergiche alle arachidi.

Per ulteriori informazioni e segnalazioni, è possibile contattare l’azienda all’indirizzo e-mail m.nocerino@soleeterradelvesuvio.it

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 76 richiami, per un totale di 156 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos (copertina)

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Donna mangia nachos o tortillas

Possibile presenza di alcaloidi tropanici: richiamo per un altro marchio di tortilla chips bio

Eataly e NaturaSì hanno pubblicato il richiamo precauzionale da parte del produttore di un diversi …