;
Home / Richiami e ritiri / Lidl richiama croccante di sesamo Crownfield, NaturaSì l’olio Bene Bio e Fior di Loto: ancora ossido di etilene

Lidl richiama croccante di sesamo Crownfield, NaturaSì l’olio Bene Bio e Fior di Loto: ancora ossido di etilene

croccante sesamo crownfield lidlProseguono i richiami di prodotti causati dai semi di sesamo contaminati con ossido di etilene oltre i limiti. Questa volta tocca a Lidl, che ha pubblicato il richiamo del croccante con sesamo Crownfield Limited Edition, in confezioni da 50 grammi con i numeri di lotto L201019 e L201021 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 12/2021 (EAN 20969967).

Il croccante interessato è stato prodotto per Lidl Italia Srl dall’azienda Industria Dolciaria Quaranta Srl nello stabilimento di via L. Da Vinci 247 a Caravaggio, in provincia di Bergamo.

Per precauzione, si raccomanda di non consumare il croccante di sesamo con i numeri di lotto segnalati e di riportarlo al punto vendita per il rimborso, anche senza presentare lo scontrino. Per ulteriori informazioni è possibile contattare Lidl Italia al numero verde 800 480048.

Per lo stesso motivo, NaturaSì ha diffuso i richiami dell’olio di semi di sesamo bio con i marchi Bene Bio e Fior di Loto. I prodotti interessati hanno le seguenti caratteristiche:

olio di semi di sesamo bene bio fior di loto

  • Olio di semi di sesamo Bene Bio, in bottiglie da 250 ml, con il numero di lotto L30160007 e il Tmc 07/07/2021.
  • Olio di semi di sesamo Fior di Loto, in bottiglie da 500 ml, con i numeri di lotto L34449008 e Tmc 08/07/2021 e L34449325 e Tmc 21/05/2021.

In via cautelativa, si raccomanda di non consumare l’olio di sesamo con i marchi e i numeri di lotto segnalati e restituirli al punto vendita d’acquisto, dove sarà rimborsato o sostituito.

Sono più di 50 i prodotti richiamati per la presenza di semi di sesamo, convenzionali e biologici, provenienti dall’India contaminati da ossido di etilene, una sostanza non autorizzata in Europa. Dal 23 ottobre sono stati richiamati e ritirati semi di sesamo, mix di semi, cereali e legumi, olio, piatti pronti, prodotti da forno, snack dolci e salati, anche destinati a catering e ristorazione.

Dal 1° gennaio 2020, Il Fatto Alimentare ha segnalato 158 richiami, per un totale di 188 prodotti, e 5 revoche. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo pubblicato in Italia che rivela i segreti e le criticità di un sistema che ogni anno riguarda  almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore. I lettori interessati a ricevere l’ebook, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Plse Salsiccia Salchicha Wurst Sausage Saucisse Kiebasa salsicce

Possibili corpi estranei, richiamo precauzionale per un lotto di salsiccia di suino

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo precauzionale da parte del produttore di un …