Home / Richiami e ritiri / Integratori alimentari al ginkgo biloba richiamati per idrocarburi oltre i limiti. Coop ritira cozze in rete per biotossine

Integratori alimentari al ginkgo biloba richiamati per idrocarburi oltre i limiti. Coop ritira cozze in rete per biotossine

integratore alimentare ginkgo bilobaIl ministero della Salute ha diffuso il richiamo di due lotti degli integratori alimentari a base di ginkgo biloba Ginkgo Simul e Biogin per la presenza di idrocarburi policiclici aromatici (Ipa) superiore al limite consentito: nel prodotto è stata rilevata una quantità di Ipa pari a 70,9 mcg/kg, invece dei 50 mcg/kg di idrocarburi totali ammessi.

I prodotti interessati sono venduti in confezioni da 17,5 grammi pari a 40 capsule con i numeri di lotto 1827801 e 1827802, con la data di scadenza 12/2023.

Gli integratori alimentari richiamati sono stati prodotti da Natursimul di Dossi Riccardo & C. Snc, nello stabilimento di Predappio, in provincia di Forlì-Cesena.

A scopo precauzionale, si consiglia di non consumare gli integratori con i numeri di lotto segnalati e riconsegnarli al punto vendita d’acquisto.

cozze mitili Coop, invece, ha pubblicato l’avviso di richiamo di tre lotti di cozze in rete (Mytilus galloprovincialis) a marchio Agatino Mare, per la presenza di biotossine nei mitili. Il prodotto coinvolto è stato distribuito in confezioni da 1 kg, con i numeri di lotto 31/01/2019, 04/02/2019 e 07/02/2019.

Le cozze richiamate sono state prodotte da Agatino Mare Srl nello stabilimento di via La Maddalena 19, a Siracusa, e sono state distribuite da Società Lepore Mare Spa.

Coop rende noto che il richiamo interessa esclusivamente gli ipermercati della Sicilia. Si raccomanda di non consumare le cozze con i numeri di lotto segnalati e di restituirle al punto vendita d’acquisto.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare agatinomaresrl@gmail.com

Dal 1° gennaio 2019, Il Fatto Alimentare ha segnalato 20 richiami, per un totale di 48 prodotti, e 2 revoche. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo pubblicato in Italia che rivela i segreti e le criticità di un sistema che ogni anno riguarda  almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore. I lettori interessati a ricevere l’ebook, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

bio's merenderia richiamo senape

Possibile presenza di senape: richiamati sei prodotti da forno biologici a marchio Bio’s Merenderia

Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di diversi lotti di snack e prodotti …