Home / Richiami e ritiri / Aggiornamento del 3/11: la Salmonella era presente nella pollina e non nelle uova. Presenza di Salmonella enteritidis: richiamate uova fresche a marchio Galantuovo e dell’Avicola Sagittario

Aggiornamento del 3/11: la Salmonella era presente nella pollina e non nelle uova. Presenza di Salmonella enteritidis: richiamate uova fresche a marchio Galantuovo e dell’Avicola Sagittario

uova galantuovo confezioneAggiornamento del 3 novembre 2018: in un comunicato a Il Fatto Alimentare, l’azienda Avicola Sagittario rende noto che “non risultano uova contaminate da Salmonella, così come dalle ultime analisi effettuate in data 9 ottobre 2018 presso il laboratorio dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo. Il problema si è verificato, invece, solo in 2 dei 5 capannoni attivi, nei quali è stata riscontrata nella sola pollina delle galline e non nelle uova.

A scopo puramente precauzionale, l’azienda ha deciso di disporre il richiamo delle uova prodotte nei capannoni dove è stata riscontrata la positività, e precisa che non è chiaro il motivo per cui “il richiamo da noi inviato al sito del Ministero della salute “Sicurezza Alimentare”, abbia subito modifiche unilaterali nei dati e nei contenuti e sia stato proposto in maniera inesatta , tanto da far apparire che la salmonella fosse presente nelle uova anziché nella pollina, determinando panico ingiustificato tra i consumatori e grave danno di immagine all’azienda”.

Il Ministero della salute ha diffuso il richiamo di diversi lotti di uova fresche da allevamento a terra a marchio Galantuovo e di quelle in batteria dell’Avicola Sagittario per la presenza di Salmonella enteritidis. Sono interessate le uova da allevamento a terra con i numeri di lotto 0811, 1211, 1511 e 1911 e quelle da allevamento in gabbia con i numeri di lotto 081118/3, 111118/3, 131118/3, 151118/3, 171118/3 e 191118/3 con le date di scadenza dallo 08/11/2018 al 19/11/2018.

Le uova da allevamento a terra Galantuovo coinvolte sono vendute in confezioni da 6 e sfuse in tris da 20 e 30 unità, mentre quelle da allevamento in gabbia Avicola Sagittario sono distribuite sfuse in tris da 30 unità. Tutte uova richiamate sono state prodotte dall’azienda Avicola Sagittario di Galante & C., nello stabilimento di contrada Stragolata, a Bugnara in provincia de L’Aquila (marchio di identificazione IT E508V CE).

A scopo precauzionale si raccomanda di non consumare le uova con le scadenze segnalate e riconsegnarle al punto vendita in cui sono state acquistate.

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 117 richiami, per un totale di 192 prodotti, e 3 revoche. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Raw sausages on the wooden board

Richiamato un lotto di salsicce a marchio FBM: presenza di Salmonella nel prodotto

Il ministero della Salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di salsicce a marchio …