Home / Richiami e ritiri / Conad richiama dessert gelato alla vaniglia senza glutine per imballaggio errato: la confezione contiene un prodotto diverso

Conad richiama dessert gelato alla vaniglia senza glutine per imballaggio errato: la confezione contiene un prodotto diverso

Conad dessert vaniglia surgelatoIl Ministero della salute ha pubblicato l’avviso di richiamo di un lotto di dessert gelato alla vaniglia a marchio Conad perché è stato utilizzato l’imballaggio errato: all’interno delle confezioni di “Dessert – gelato alla vaniglia con sfoglie di cacao magro” (vedi foto sopra), che riporta in etichetta la dicitura “senza glutine”, si trova il prodotto “Dessert – gelato alla crema e cioccolato con cereali” (vedi foto sotto), che invece contiene glutine.

Il prodotto interessato dal richiamo è venduto in confezioni da 320 grammi, che fanno parte del lotto numero K8222 con data di scadenza 10/02/2020. Il dessert alla vaniglia è stato prodotto per Conad da Eskigel Srl, nello stabilimento di via Vanzetti 11, a Terni.

conad dessert crema cioccolato richiamoA scopo precauzionale, si raccomanda ai consumatori affetti da celiachia, di non consumare il dessert con il numero di lotto segnalato e di riportarlo presso il punto vendita Conad d’acquisto.

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 134 richiami, per un totale di 251 prodotti, e 5 revoche. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Bombardino Psenner richiamato per presenza di latte non dichiarato in etichetta: rischio per gli allergici

Il ministero della Salute ha diffuso l’avviso di richiamo di un lotto del liquore all’uovo …

Un commento

  1. Questo è grave. Comunque chi non è celiaco se lo può mangiare tranquillamente.