Home / Richiami e ritiri / Richiamato misto 5 cereali C’è di Buono Pedon e In Forma Carrefour per presenza di Bacillus cereus

Richiamato misto 5 cereali C’è di Buono Pedon e In Forma Carrefour per presenza di Bacillus cereus

misto cereali pedon carrefourIl Ministero della salute ha diffuso l’avviso di richiamo di alcuni lotti del misto 5 cereali C’è di Buono Pedon e del mix 5 cereali precotti In Forma Carrefour per la presenza di Bacillus cereus. Anche Esselunga e Tigros hanno pubblicato il richiamo del prodotto a marchio Pedon.

Entrambi i prodotti coinvolti dal provvedimento sono venduti in confezione da 500 g con le date di scadenza 31/07/2020 e 01/08/2020 (Pedon) e 29/02/2020 (Carrefour). I mix di cereali richiamati sono stati prodotti da Pedon Spa, nello stabilimento di via del Progresso 32, a Molvena, in provincia di Vicenza.

Si raccomanda di non consumare le confezioni con le date di scadenza segnalate e di restituirle al punto vendita d’acquisto. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare Pedon al numero verde 800 034437

I batteri del gruppo Bacillus cereus sono naturalmente presenti nell’ambiente. Se ingeriti con alimenti contaminati, possono causare malattie a trasmissione alimentare, con sintomi come vomito e diarrea. Dal 2007 al 2014 in Europa sono stati segnalati 413 focolai di infezioni da B. cereus di origine alimentare, che hanno colpito oltre 6.500 persone e più di 300 ricoveri (Fonte: Efsa).

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 114 richiami, per un totale di 187 prodotti, e 3 revoche. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Richiamati budino al cioccolato bio Söbbeke per frammenti di vetro e salame campagnolo Salumi Pasini per Salmonella

Il ministero della Salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di budino al cioccolato …