Home / Richiami e ritiri / Ossido di etilene, ancora richiami: interessati altri burger e cotolette vegetali

Ossido di etilene, ancora richiami: interessati altri burger e cotolette vegetali

Il ministero della Salute ha diffuso gli avvisi di richiamo di alcuni lotti di burger vegetali vendute con i marchio Despar Veggie e Pam Panorma Bio per la “presenza di ossido di etilene in materia prima utilizzata riscontrata a seguito di analisi di autocontrollo”. I prodotti in questione sono i seguenti:

I burger vegetali richiamati sono stati prodotti per Despar Italia Carl e Pam Panorama Spa da Kioene nello stabilimento di via Caltana 43 a Villanova di Camposampiero, in provincia di Padova.

Il richiamo di tutti i prodotti contenenti farina di semi di carrube con quantità rilevabili di ossido di etilene è stato disposto dalla Commissione europea secondo il principio di precauzione. Al momento si contano più di 30 prodotti interessati tra bevande vegetali, burger vegetali, sostituti vegetali della panna da cucina, prodotti senza glutine e integratori alimentari.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 146 richiami, per un totale di 227 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto:ministero della Salute

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Burger di tofu e verdure con fiocchi di salsa tipo maionese e erbe, appoggiati sul pane; sullo sfondo contenitore con patate dolci fritte

I richiami del giorno: medaglioni di tofu, caffè macinato, latte in polvere, prodotti ittici essiccati

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di alcuni lotti …

3 Commenti

  1. Ah aha… L’ho sempre affermato che mangiare vegetale ultraprocessato fa male!

    • In realtà a causa della presenza di ossido di etilene in semi di sesamo e farina di semi di carrube stanno richiamando una vasta gamma di prodotti, tra cui yogurt da latte, sughi pronte, gelati, fette biscottate senza glutine, panini con semi di sesamo, eccetera.
      Come vede non si tratta soltanto di prodotti vegetali ultraprocessati.

    • è più facile, statisticamente, incontrare un problema di questo tipo in un alimento ultraprocessato, anche se vegetale o biologico, che in un alimento che usato con altri per prepararsi un pranzo. Se ritrovassimo il piacere di gusti e cibi semplici, fatti con ingredienti di qualità freschi e ben conservati, la salute e l’ambiente se ne gioverebbero.