Home / Richiami e ritiri / Ossido di etilene oltre i limiti: richiamato peperoncino macinato

Ossido di etilene oltre i limiti: richiamato peperoncino macinato

peperoncino macinato shapurIl ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di due lotti di peperoncino macinato a marchio Shapur per la rilevazione di un “valore di ossido di etilene non conforme, superiore al limite”. Il prodotto in questione è venduto in vari formati – vasetti da 25 e 30 grammi, buste da 500 e 1.000 grammi, barattoli da 400 grammi e sacchi da 25 kg – con i numeri di lotto S21005-20/N e S21005-41/N e i termini minimi di conservazione 02/0223 e 02/2023.

Il peperoncino richiamato è stato prodotto dall’azienda Compagnia Italiana Shapur Snc nello stabilimento di via Rossaro 2, a Treviglio, in provincia di Bergamo.

In via cautelativa, l’azienda raccomanda alle persone eventualmente in possesso delle confezioni con i numeri di lotto segnalati di non consumare il prodotto e restituirlo al punto vendita d’acquisto.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 4 richiami, per un totale di 10 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com (copertina), ministero della Salute

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Rischio microbiologico: richiamati würstel e formaggio. Allerta per un caso di botulino collegato a un pesto di broccoli e mandorle

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo precauzionale da parte del produttore di un …