;
Home / Richiami e ritiri / Richiamate salsa al tartufo e cacio e pepe per ingrediente con allergeni non dichiarati, cracker sesamo e rosmarino per ossido di etilene. Aggiornamento 26/7: la nota del produttore dei condimenti

Richiamate salsa al tartufo e cacio e pepe per ingrediente con allergeni non dichiarati, cracker sesamo e rosmarino per ossido di etilene. Aggiornamento 26/7: la nota del produttore dei condimenti

Aggiornamento del 26 luglio 2021: con una nota a Il Fatto Alimentare in merito al richiamo dei due condimenti per pasta, l’azienda produttrice “Athenor srl tiene a precisare che la non conformità dei prodotti sopra riportati non è dovuta ad una propria responsabilità diretta, ma è data solo dall’utilizzo di un ingrediente non conforme e nello specifico del burro a marchio Zanasi acquistato in panetti da 15 kg. Nel momento in cui l’Athenor srl è venuta a conoscenza di questa non conformità, ha avviato e rispettato tutte le procedure che la normativa impone per il richiamo del prodotto e per la tutela del consumatore.

Il ministero della Salute ha pubblicato gli avvisi di richiamo di alcuni lotti di due condimenti per pasta, salsa al tartufo bianco Filotei Group e cacio e pepe Italiana Natura, perché nei prodotti è stato “utilizzato un ingrediente (burro) contenente allergeni non dichiarati”. I condimenti in questione sono i seguenti:

  • Salsa al tartufo bianco Filotei Group, in vasetti da 90 grammi con il numero di lotto V0616 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 16/06/2024
  • Cacio e pepe Italiana Natura, in vasetti da 180 grammi con il numero di lotto 21158C e il Tmc 07/12/2023, e in vasetti da 80 grammi con il numero di lotto 21159C e il Tmc 08/12/2023

Le salse richiamate sono state prodotte dall’azienda Athenor Srl nello stabilimento di località Ponte Sargano, a Cerreto di Spoleto, in provincia di Perugia (marchio di identificazione IT 9-2740/L CE).

Il ministero ha diffuso anche il richiamo di due lotti di biocracker al sesamo e rosmarino a marchio Crich per una “segnalazione del fornitore di semi di sesamo biologici per la presenza di ossido di etilene superiore ai limiti di legge”. Il prodotto interessato è venduto in confezioni da 250 grammi con i numeri di lotto 5920 e 6130 e il Tmc 30/11/2021.

I cracker richiamati sono stati prodotti da Nuova Industria Biscotti Crich Spa, nello stabilimento di via De Gasperi 11, a Zenson di Piave, in provincia di Treviso.

A scopo precauzionale, si raccomanda di non consumare i prodotti con i numeri di lotto e i termini minimi di conservazione segnalati e restituirli al punto vendita d’acquisto.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 126 richiami, per un totale di 190 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: ministero della Salute

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

È ancora allerta ossido di etilene: richiamate bevande e sostituti vegetali, integratore alimentare e cracker (aggiornamento 30/7)

Bennet ha segnalato il richiamo precauzionale di un lotto ciascuno delle bevande vegetali castagna e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *