Home / Lettere / Prodotti biologici: è possibile risalire all’azienda produttrice e al paese di origine? La risposta di Roberto Pinton di AssoBio

Prodotti biologici: è possibile risalire all’azienda produttrice e al paese di origine? La risposta di Roberto Pinton di AssoBio

Gli italiani sono sempre stati attenti all’origine dei prodotti alimentari e con la vicenda della quarantena lo sono diventati ancora di più. Un po’ per i timori legati a una filiera troppo lunga ma, soprattutto, per poter selezionare cibo “Made in Italy ” per contribuire a sostenere l’economia del paese. Pubblichiamo la domanda di una lettrice sulle aziende agricole biologiche e a seguire la risposta di Roberto Pinton, segretario di AssoBio.

Vorrei chiedervi se noi consumatori possiamo risalire facilmente, magari con una ricerca in internet, alla provenienza/luogo della coltivazione dei prodotti biologici con la relativa etichetta in cui viene indicato il numero dell’operatore controllato nel marchio della coltivazione biologica (l’etichetta verde per intenderci). Ho notato una grande differenza di prezzo nelle confezioni di ceci biologici italiani già cotti. Le marche prese in esame sono Alce Nero (in vetro) e Coop Vivi verde (in lattina) e mi piacerebbe conoscere dove vengono coltivati questi prodotti.
Shana

La risposta di Roberto Pinton, segretario di AssoBio.

Il consumatore può risalire agevolmente:
a) all’azienda che ha curato la trasformazione del prodotto. Al di là del marchio commerciale (mettiamo Vivi verde) in etichetta si trova il codice dell’azienda che ha effettuato l’ultima operazione sul prodotto. Basta visitare il sito del Sistema informativo agricolo nazionale, che riporta l’elenco degli operatori biologici italiani e con una veloce ricerca si ottiene ragione sociale e indirizzo (l’indirizzo dello stabilimento, peraltro, è generalmente riportato in etichetta);

b) all’origine della produzione agricola, che è obbligatoriamente indicata in etichetta in prossimità del logo europeo. L’indicazione è espressa come “Agricoltura UE” quando la materia prima agricola è stata coltivata o allevata nell’UE, “Agricoltura non UE” quando è stata coltivata o allevata in paesi terzi, “Agricoltura UE/non UE” quando parte della materia prima agricola è stata coltivata o allevata nella Comunità e parte in un paese terzo.
L’indicazione “UE” o “non UE” può essere sostituita dall’indicazione di un paese nel caso in cui tutte le materie prime agricole di cui il prodotto è composto siano state coltivate o allevate in quel paese.

Prodotti biologici
È possibile risalire all’azienda e al paese di origine dei prodotti biologici?

Si potrà quindi trovare “Agricoltura Italia” nel caso che almeno il 98% degli ingredienti agricoli sia stato ottenuto in Italia (va da sé che lo stesso criterio vale anche per gli altri Paesi: l’etichetta di un Camembert biologico indicherà “agricoltura Francia”) o “Agricoltura Svizzera”
Perché il 98% e non il 100%?
Perché molte ricette prevedono l’uso di un pizzico di spezie o erbe aromatiche: la presenza dello 0,2% di pepe non modifica la romanità di una cacio e pepe, così come quella di un pizzico di vaniglia del Madagascar non modifica l’italianità di un biscotto.
Purtroppo le indicazioni vanno riportate nel formato tassativo previsto dal regolamento europeo (articolo 24 del reg.834/2007). In una confettura realizzata con fragole biologiche italiane e zucchero di canna biologico cubano non è possibile indicare «Agricoltura Italia/Cuba», ci si deve proprio limitare a indicare «Agricoltura UE/non UE».
Vero è che l’azienda potrebbe specificarlo altrove in etichetta, ma in genere evita di farlo: un’etichetta con la frase   obbligatoria «Agricoltura UE/non UE» e a fianco anatra dicitura facoltativa del tipo “Fragole italiane, zucchero di canna da Cuba” creerebbe un po’ di confusione.

Ovviamente l’organismo di controllo e le autorità di vigilanza sono in grado di conoscere in qualsiasi momento l’origine di ogni ingrediente di un prodotto, stanti gli obblighi di tracciabilità che impongono di documentare il dettaglio del lotto di provenienza di ciascuno di essi.
Roberto Pinton

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Il Fatto Alimentare: 10 anni di notizie su sicurezza e qualità dei prodotti, realizzate da una redazione di giornalisti indipendenti

A maggio di dieci anni fa vedeva la luce la prima pagina de Ilfattoalimentare.it con …

3 Commenti

  1. Avatar
    Tonino Riccardi

    Gli ingredienti specificati creerebbero confusione ??? Già. Fragole italiane zucchero Cuba in effetti è difficilissimo da capire!

  2. Avatar
    Manuela Sdrulla

    L’esempio riportato è molto interessante. Se invece le Fragole sono dal Marocco, e lo zucchero dalla Spagna la dicitura è sempre «Agricoltura UE/non UE» oppure «Agricoltura non UE/UE»?
    grazie

  3. Avatar
    rpberto pinton

    Quando siano presenti (in qualsiasi proporzione) ingredienti UE e non UE la dicitura obbligatoria rimane “agricoltura UE/non UE”.
    Gli operatori sin dal 2007avevano espresso la loro contrarietà a questa definizione (indicare “UE/non UE” equivale a indicare “pianeta Terra”, dicitura del tutto inutile, dato che non sono note coltivazioni al di fuori del pianeta), ma non c’è stato verso.
    Anche se con questa sintesi (a seconda dei casi Italia, UE, non UE, UE/non UE), i prodotti biologici forniscono comunque questa informazione già da 13 anni (reg.834/2007), i prodotti non biologici lo fanno, e solo in piccola parte, da meno di due mesi (reg.775/2018, che si applica dal 1 aprile 2020), con lo stesso meccanismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *