Home / Pianeta / La petizione: basta giocattoli di plastica nei menù per bambini di McDonald’s e Burger King. Lo chiedono due bambine

La petizione: basta giocattoli di plastica nei menù per bambini di McDonald’s e Burger King. Lo chiedono due bambine

giocattoliMaria Montessori sosteneva che “il gioco è il lavoro dei bambini”, quindi, diremmo noi, i giocattoli sono i loro utensili. Attraverso il gioco il bambino sviluppa nuove capacità, incrementa la curiosità, conosce sé stesso e ciò che lo circonda, insomma impara e cresce. Forse anche McDonald’s e Burger King hanno studiato gli insegnamenti Montessori, e per questo offrono i giocattoli all’interno dei loro menù per bambini. O forse è solo marketing.

Il gadget all’interno degli alimenti per bambini è un tema che abbiamo già affrontato. In questo caso il problema è che “i bambini giocano solo per alcuni minuti con i giocattoli di plastica prima che vengano gettati via, danneggiando gli animali e inquinando il mare”. Queste sono le parole di due sorelle di Southampton, Ella e Caitlin, di 9 e 7 anni, che hanno aperto una petizione proprio per chiedere alle due aziende di smettere di introdurre i gadget nei menù per bambini.

Le due sorelline hanno imparato a scuola le problematiche legate alla plastica e “intristite nel vedere come la plastica danneggia la fauna selvatica e l’oceano”, hanno deciso di fare qualcosa di più. “Non è sufficiente – continuano – produrre giocattoli di plastica riciclabili: le grandi aziende non dovrebbero creare giocattoli con la plastica”. L’appello, al momento, è stato accolto con più di 320mila firme. E chissà se la Montessori l’avrebbe mai firmato.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Simone Finotello

Avatar

Guarda qui

verdura biologica biologico

Biologico: da nicchia di mercato a fenomeno di massa. Prospettive di un settore in continua crescita

I numeri del Sinab (Sistema d’informazione nazionale sull’agricoltura biologica),  presentati al Sana di Bologna (Salone …

Un commento

  1. Avatar

    Sono contenta che le coscienze giovanili come quelle di queste due bambine di soli 7 e 9 anni cerchino di smuovere quelle degli adulti che si occupano solamente di incassare soldi a scapito del fututo delle nuove generazioni e della Terra nostra madre e luogo vitale. Petizione firmata e condivisa con tutti i conoscenti!!!
    Da educatrice montessoriana però mi viene da fare una osservazione per quanto riguarda l’articolo. Montessori discutendo sull’nfanzia afferma: “Gli adulti la chiamano la beata età del gioco, e la società ha creato una quantità di balocchi per venire incontro a questo bisogno di attività. Ma invece di dargli i mezzi per sviluppare la sua intelligenza, non gli offre che inutili giocattoli. […] Il balocco è diventato così importante che la gente lo crede un aiuto per lintelligenza: é certamente meglio di niente, ma é significativo il fatto che il bambino ben presto si stanca di un giocattolo e ne vuole altri”(Educazione per un mondo nuovo,2010, pp.108-109) Attraverso le sue costanti osservazioni la Dottoressa comprende che i giocattoli non interesano per molto tempo i bambini, “non assorbono la concentrazione” di questi ultimi come fanno invece gli oggetti di vita reale. Il gioco viene considerato da Montessori come lavoro utile allo sviluppo della mente e degli schemi motori che il bambini,futuro adulto, riproporrà nella vita quotidiana.
    Concludendo e riagganciandomi al motivo per il quale ho commentato l’articolo mi viene da affermare che il gioco è essenziale per i bambini ma è importante che sia un “gioco di qualità “, fatto di fantasia, semplicità e con strumenti selezionati altrimenti può essere considerato un frivolo passatempo. I giocattoli proposti dalle multinazionali in questione mi azzardo a dire che Montessori li definirebbe inutili balocchi. Ad ogni adulto lascio quindi la scelta se comprare e finanziare un sistema che promuove i balocchi e il loro “usa e getta a brevissimo termine” o non farlo.