Home / Pianeta / Pasta: origine del grano duro in etichetta. Il Ministero prepara il decreto a favore, ma le aziende sono contrarie. E l’Europa? Il parere dell’avvocato Dario Dongo

Pasta: origine del grano duro in etichetta. Il Ministero prepara il decreto a favore, ma le aziende sono contrarie. E l’Europa? Il parere dell’avvocato Dario Dongo

pasta-confezioni
La pasta: simbolo del made in Italy. Sarebbe corretto indicare in etichetta l’origine della materia prima

Il vessillo per antonomasia del Made in Italy, la pasta, viene preso da anni come esempio di alimento realizzato in Italia a partire da grano duro in parte  italiano e in parte importato da altri paesi. La questione crea una crea una certa polemica con la filiera agricola che denuncia il massiccio impiego di frumento estero che però si rende necessario visto che il prodotto made in italy non basta. Alla resa dei conti ecco comparire il nuovo progetto normativo del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali.

Il disegno ministeriale mira a introdurre l’obbligo di indicare l’origine sia della semola, sia del grano duro da cui deriva, sulle etichette della pasta alimentare di cui al DPR n. 187/2001. All’atto pratico, l’operatore responsabile dell’informazione al consumatore (1) dovrebbe precisare:

  • il Paese di origine dell’ingrediente primario della pasta, la semola, che di fatto coincide con il Paese di ultima trasformazione;
  • il Paese di provenienza dell’ingrediente primario della semola, vale a dire l’origine del grano duro. Ad esempio: “pasta italiana prodotta con semola italiana da grano canadese”.
Homemade Cooked Spaghetti Squash Pasta
Origine della semola e del grano possono divergere o coincidere: la dicitura in etichetta fa chiarezza

Se l’origine della semola e la provenienza del grano coincidono, si potrà scrivere sulla confezione “grano duro e semola 100%: nome del paese”. Nel caso di miscele di varie origini e provenienze, si potranno completare le informazioni  con la scritta riferita a  “paesi UE” e “paesi non UE” come si fa attualmente con altri prodotti. L’iniziativa del Mi.P.A.A.F. costituisce una risposta alla battaglia del grano dei mesi scorsi e segue il solco già tracciato con il progetto di decreto atto a imporre l’origine del latte sulle etichette dei prodotti lattiero-caseari preimballati.

Lo schema di decreto verrà ora sottoposto alla consultazione interministeriale e il  testo dovrà venire notificato alla Commissione europea, la quale a sua volta lo sottoporrà agli altri Stati membri per eventuali osservazioni. In ogni caso, le norme non potranno venire applicate né alla pasta realizzata in altri paesi UE, né agli alimenti destinati all’esportazione (poiché le norme di etichettatura da rispettare sono quelle vigenti nel mercato di destinazione).

Gli ostacoli da superare non sono pochi, tenuto conto sia delle posizioni avverse finora espresse dai produttori di pasta, sia delle probabili obiezioni di altri paesi europei sull’estensione dell’obbligo di dichiarazione d’origine della materia prima (grano duro). Ciò detto, sorge un dubbio che può quasi sembrare una battuta: perché la pasta e non il pane?
Per approfondimenti leggi  Origine, quale grano nella pasta?

Dario Dongo

logo-faregift dario dongo

  Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

Three plastic bottles with one bottle crushed

Ma le biobottiglie producono microplastiche? I dubbi di un lettore e la risposta di Assobioplastiche

Un lettore ci scrive per cercare di risolvere i suoi dubbi sulle cosiddette biobottiglie e …

13 Commenti

  1. giustamente! non consumiamo mica solo grandi quantità di pasta…

  2. Baggianata, nel senso che ormai tutti sanno che il grano duro italiano è in quantità insufficiente per produrre la nostra pasta.
    Preferirei che mi dicessero che grano è come è stato coltivato e che trattamenti ha avuto.
    E poi riguarda solo la semola di grano duro? il grano tenero?

    • Anche se il grano italiano non fosse sufficiente a coprire le esigenze nazionali c’è comunque chi preferisce la pasta totalmente italiana e chi, come lei, da meno importanza alla provenienza di quello che mette nel piatto, ma da qui a definirla una baggianata c’è una bella differenza.

      Per quanto riguarda i trattamenti basta acquistare un prodotto biologico e leggersi ciò che è previsto dal relativo regolamento.

  3. A me il pane piace molto e mi piacerebbe sapere se il mio pane al Kamut (khoresan) è fatto tutto in USA o anche da altre (Italia?) parti del mondo.

    • Se la semola è Kamut allora proviene dal mercato americano, se è di khorasan potrebbe anche essere di grano italiano o comunque europeo.

    • fabrizio_caiofabricius

      Il Kamut è un marchio non una specie e la ditta che lo ha registrato lo coltiva solo in America . Il grano Khorasan è comunque un precursore semi-antico del moderno duro che nei secoli si è conservato anche in Italia ed è oggi facilmente reperibile grazie ad alcuni pastifici meridionali.

    • x Fabrizio:
      Il khorasan andrebbe scritto in minuscolo in quanto non è un marchio registrato ma solo una varietà di cereale. Mentre Kamut è corretto scriverlo in maiuscolo.

  4. L’etichettatura d’origine è solo una propaganda….. politica. Non è, e non sarà mai, la manna che potrà risolvere i problemi dell’agricoltura italiana (per da qui nasce la bozza di Decreto).

    Piuttosto, per noi consumatori e per il nostro diritto ad essere informati, esistono già paste di filiera 100% italiana tracciate e certificate. Volendo c’è già la possibilità di scegliere o discriminare !!!

    Le altre paste in commercio (con dichiarazione d’origine NON dichiarata) – posto il deficit strutturale della produzione di grano nostrano – è OVVIO che siano state ottenute con semole derivanti da grani italiani ed esteri !!

    Se poi, ripeto, vale la propaganda ……. che PROPAGANDA SIA !!!

    • Valeria Nardi

      Qui abbiamo pubblicato l’elenco aggiornato delle marche di pasta ottenute esclusivamente con grano 100% italiano: http://www.ilfattoalimentare.it/pasta-italiana-voiello-granoro-semola.html

    • X Gino:
      identificare il grano come Italiano o Non Italiano è un po’ troppo semplicistico, il mondo è grande e ci sono moltissimi produttori, alcuni meritano la nostra fiducia e altri no.
      Ci sono stati molti scandali in passato sul grano, anche molto recenti purtroppo, ci sono sicuramente consumatori attenti che si informano e ricercano prodotti che ritengono sicuri, gridare alla propaganda per questo non mi sembra opportuno.

  5. fabrizio_caiofabricius

    Certamente non risolve il problema dei bassi ricavi in agricoltura e conseguenti abbandoni e rischio decadimento delle filiere agroalimentari italiane, ma è sicuramente un chiaro e apprezzabile indirizzo.

    La qualità è importantissima nell’alimentazione e nel caso del cibo e della pasta in particolare è facilmente ottenibile CON POCHI CENTESIMI IN PIU’ .

    E’ questo il messaggio forte e chiaro che deve essere recepito dai consumatori occidentali e italiani in particolare: RISPIARMIARE sul cibo comporta risparmi irrisori, gravi rischi salutistici e un decadimento dell’agricoltura nazionale e relativi dissesti idrogeologici e nefandezze paesaggistiche.

    Con 1° in meno d’inverno e 1° in più d’estate si risparmia tanto da avere la scorta di pasta per tutto l’anno per tutta la famiglia compresi nonni e nipoti…

    (E sarebbero altri MILLE gli esempi virtuosi e le cattive abitudini da contrastare)

  6. un primo passo importante, speriamo la estendano anche ad altri prodotti..

  7. Sappiamo benissimo che il grano non è tutto uguale e non è nemmeno sempre vero che quello italiano sia il migliore in assoluto. Dipende dai gusti! Quindi è sempre bene sapere da quale “stato” viene e non genericamente se Italiano o UE. Meglio ancora sarebbe se si potesse conoscere la “zona”di provenienza e l’annata del raccolto.