Home / Richiami e ritiri / Mondelez richiama le patatine Cipster per glutine non dichiarato in etichetta. Rischio per i consumatori celiaci

Mondelez richiama le patatine Cipster per glutine non dichiarato in etichetta. Rischio per i consumatori celiaci

cipsterIl Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di alcune confezioni di sfogliatine di patate fritte Cipster per la presenza di glutine di frumento non dichiarato in etichetta, che al contrario riporta la dicitura “senza glutine” (vedi foto sotto). Il richiamo è stato diffuso anche da Basko, Bennet, Cadoro, Carrefour, Decò, Coop, Sogegross, Gros Cidac e dalle catene Auchan e Simply, di cui sono interessati gli ipermercati, i supermercati e i punti vendita affiliati di tutta Italia.

Il prodotto interessato è venduto in scatole di cartone da 85 grammi con le date di scadenza 31/10/2018, 20/11/2018, 31/12/2018 e 31/01/2019. Le patatine Cipster richiamate sono state prodotte da Mondelez Italia nello stabilimento di Località Pedaggera 22, a Capriata d’Orba, in provincia di Alessandria.

cipster lista ingredienti

Mondelez Italia in un comunicato fa sapere di “aver riscontrato in alcuni lotti del prodotto la presenza di glutine da frumento contrariamente a quanto indicato in etichetta (SENZA GLUTINE). Poiché per i consumatori intolleranti al glutine o allergici al frumento il consumo del prodotto può generare reazioni allergiche, non appena siamo venuti a conoscenza di questa situazione siamo entrati in contatto con le autorità italiane competenti per informarle e procedere al richiamo volontario del prodotto.

Mondelez raccomanda ai consumatori celiaci e allergici al frumento di non consumare le confezioni di Cipster con le caratteristiche e le scadenze segnalate e di contattare il numero verde 800 055200 per avere informazioni aggiuntive. Per tutti gli altri consumatori, il prodotto è sicuro.

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 62 richiami, per un totale di 120 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

richiamo misto funghi porcini girasole primia tigros

Richiamo n°119 del 2018. Misto funghi con porcini Primia richiamato dai supermercati Tigros per possibile presenza di frammenti di vetro

I supermercati Tigros hanno diffuso il richiamo di un lotto di misto funghi con porcini …

6 Commenti

  1. Ma una persona affetta da celiachia va a comprarsi le Cipster? E poi senza leggere l’etichetta? E senza capire che se non c’è scritto esplicitamente “senza glutine” vuol dire che probabilmente c’è?
    Ma per favore… quand’è che le persone cominceranno ad essere responsabili di se stesse senza dover continuamente dare la colpa agli altri?

  2. Piacerebbe sapere da dove è arrivato il glutine in quelle Cipster!

  3. Ecco perchè le diete senza glutine fanno male 😀
    Spesso e volentieri per comodità i celiaci sostituiscono i cereali con prodotti industriali preconfezionati come le patatine fritte in busta e simili. Fenomeno tipico da osservare ai buffet o alle feste.
    Non ti avveleni con il glutine, compensi con i grassi idrogenati.

  4. il glutine non scende dal cielo !!!
    la produzione degli alimenti dichiarati ‘senza glutine’ deve essere effettuata in ambiente sterile !!!!!!!!!!!!!!!! Nessuna contaminazione altrimenti sono guai per i celiaci !!