; Latte per la colazione: quale scegliere? Il video dell'IzsVe
Home / Video News / Quale latte per la colazione? Il video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie che spiega le differenze

Quale latte per la colazione? Il video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie che spiega le differenze

Intero o scremato? Fresco o a lunga conservazione? Ad alta digeribilità o vitaminizzato? Di asina o di capra? Ormai lo scaffale del latte è diventato una vera e propria giungla di varietà diverse. Per questo l’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie in un video di pochi minuti spiega le diverse tipologie di latte in commercio, evidenziandone le caratteristiche e le differenze. Il latte che troviamo in commercio, infatti, si differenzia in base a tre diverse caratteristiche: l’origine, gli aspetti nutrizionali e il trattamento termico a cui è stato sottoposto per garantirne la sicurezza igienico-sanitaria.

Per quanto riguarda l’origine, non si intende la provenienza geografica del prodotto, ma se si tratta di latte vaccino, di capra o di asina. Quando su una bottiglia compare il termine generico “latte” è quello vaccino, mentre in tutti gli altri casi deve essere indicata la specie.

Per quanto riguarda le caratteristiche nutrizionali, a seconda della percentuale di grassi contenuti, il latte può essere intero, parzialmente scremato o scremato. Se si interviene su altri aspetti nutrizionali, per esempio aggiungendo vitamine o rimuovendo il lattosio, il prodotto è detto modificato.

Il latte, infine, si può distinguere sulla base del trattamento termici effettuato. Ci sono il latte crudo, che non viene sottoposto a temperature superiori a 40°C e deve essere fatto bollire prima del consumo, quello pastorizzato a 72°C e quello a lunga conservazione (Uht) trattato a 135°C. Il latte pastorizzato, inoltre, può essere ulteriormente distinto in fresco, quando subisce il trattamento entro 48 ore, fresco alta qualità, quando ha elevate caratteristiche igienico-sanitarie che consentono l’uso di temperature più basse, e microfiltrato.

Ecco il video dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie:

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

benessere animale pesci acquacoltura video

Benessere animale, pesci e acquacoltura: il video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

Con consumatori sempre più esigenti e consapevoli e una produzione in continuo aumento, il tema …

3 Commenti

  1. Avatar

    Non capisco la classificazione riportata tra circa 30° e 57° secondo del video: viene definito intero con grasso maggiore del 3.5% e sucessivamente si dice (e scrive) che il parzialmente scremato è con grasso “compreso” tra il 1.5-1.8%, infine sotto lo 0.5% è scremato o magro.
    Qualcuno mi può dare l’indicazione di come sono classificabili il latte di fascia intermedia non compresi nelle precedenti, ovvero tra 1.8 e 3.5% oppure tra 0.5-1.5%? non rientrano nelle categorie sopra citate, la cosa mi incuriosice, può essere che non siano prodotti presenti sul mercato o magari finiscono nei trasformati?
    grazie

  2. Avatar
    Fernando Blasioli

    ma come si fa a non citare il latte fieno!? probabilemnte quello con le caratteristiche migliori.