Home / Video News / Nutri-Score, un video riassume i risultati degli studi scientifici sull’etichetta a semaforo francese

Nutri-Score, un video riassume i risultati degli studi scientifici sull’etichetta a semaforo francese

Nutri-score video studi scientificiSecondo i detrattori italiani del Nutri-Score, l’etichetta a semaforo francese è stata creata con l’unico scopo di penalizzare sul mercato i nostri prodotti agroalimentari tradizionali. In realtà, il Nutri-Score è uno strumento costruito su solide basi scientifiche per orientare i consumatori verso prodotti più salutari. Lo ricorda un breve video realizzato del Gruppo di ricerca in epidemiologia nutrizionale (Eren), che ha sviluppato il sistema di etichettatura.

Studi realizzati nel corso degli anni su centinaia di migliaia di cittadini di 10 Paesi europei hanno analizzato la relazione tra l’etichetta a semaforo e la salute, scoprendo che il consumo di alimenti classificati con la lettera ‘D’ arancione e la ‘E’ rossa è associato a un rischio più elevato di andare incontro a obesità e malattie croniche come cancro, patologie cardio-vascolari, sindrome metabolica e asma. Il consumo di questi prodotti è anche associato a una mortalità più alta per cancro, malattie cardiovascolari, respiratorie e del tratto gastrointestinale. Secondo una stima, se l’etichetta a semaforo fosse presente su tutti i prodotti permetterebbe una diminuzione del 3% annuo delle malattie croniche.

Il Nutri-Score, inoltre, aumenta la qualità nutrizionale del carrello riducendo la quantità di calorie, grassi, grassi saturi e sale presenti, favorisce l’acquisto di alimenti grezzi, in particolare frutta e carne fresche, e incoraggia il consumo di porzioni  più piccole dei prodotti classificati con i bollini rossi e arancioni.

Qui sotto il video (in francese con sottotitoli in inglese; per aggiungere i sottotitoli automatici in italiano cliccare sulla rotella in basso a destra la voce ‘impostazioni’,  selezionare ‘sottotitoli’, attivare i sottotitoli francesi generati automaticamente, poi ‘traduzione automatica’ e selezionare ‘italiano’)

© Riproduzione riservata Foto e video: Eren

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

L’invasione del cibo spazzatura: l’inchiesta imperdibile di Arte TV sugli alimenti ultra-trasformati

Carne di pollo, una fetta di prosciutto, formaggio, uovo e pangrattato: sono i cinque ingredienti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *