;
Home / Etichette & Prodotti / Nutri-Score: intervista a Mathilde Touvier sull’etichetta a semaforo

Nutri-Score: intervista a Mathilde Touvier sull’etichetta a semaforo

nutri-scoreMathilde Touvier, a capo del gruppo di ricerca sull’epidemiologia nutrizionale (Eren, Inserm / Inrae, CNAM / Università Sorbonne Paris Nord) e coordinatrice dello studio NutriNet-Santé, ha rilasciato qualche mese fa questa intervista a The Conversation sul sistema di etichettatura Nutri-Score che proponiamo ai lettori.

In Francia siamo abituati a vedere le cinque lettere colorate del punteggio Nutri-Score su alcune confezioni di prodotti alimentari. Può ricordarci a cosa serve questo sistema di etichettatura e su cosa si basa?
Il Nutri-Score consente ai consumatori di avere un’idea della qualità nutrizionale complessiva degli alimenti a colpo d’occhio. Per esempio aperitivo, tutti sanno intuitivamente che insieme all’aperitivo è meglio mangiare bastoncini di carota piuttosto che patatine… Ma il vantaggio di Nutri-Score è che permette, all’interno della vasta categoria delle patatine, di identificare facilmente quelli con la migliore qualità nutrizionale caratterizzato dalla lettera A rispetto a quelli più calorici caratterizzati dalla lettera D o E. Concretamente, il Nutri-Score è calcolato tenendo conto dei fattori nutrizionali per i quali il livello di evidenza scientifica riguardante l’impatto sulla salute è positivo o negativo. Un algoritmo (validato scientificamente, pubblico e disponibile sul sito Santé Publique France) calcola un punteggio utilizzato per assegnare una lettera dalla A alla E al prodotto in questione. I fattori positivi includono la presenza di frutta e verdura, legumi, noci nel cibo, il contenuto di proteine ​​e fibre (per 100 g). I fattori da limitare sono invece le calorie (energia fornita), la presenza di acidi grassi saturi, il sale, lo zucchero.

Ci sono consigli che si possono dare sugli alimenti che registrano il punteggio più basso?
Il Nutri-Score non ha lo scopo di vietare gli alimenti in base al punteggio ottenuto. Come si sa nell’alimentazione, nessun alimento è vietato, tutto è questione di equilibrio e moderazione. Né dovrebbe essere interpretato in termini di ‘percentuale’ di prodotti che si potrebbe consumare in base al colore dell’etichetta. Si tratta piuttosto di rendere i consumatori consapevoli di quale dovrebbe essere l’equilibrio nutrizionale complessivo. I cibi di bassa qualità nutrizionale non dovrebbero essere mangiati troppo spesso o in grandi quantità, ma non si tratta di eliminarli drasticamente. È uno strumento tra gli altri, che va ad esempio affiancato alle raccomandazioni del Programma Sanitario Nazionale di Nutrizione: che prevede di mangiare almeno cinque porzioni di frutta e verdura al giorno, legumi due volte a settimana, due latticini al giorno, limitare i grassi aggiunti, lo zucchero, sale, ecc. Fare riferimento al Nutri-Score è un buon modo per riuscire a seguire questi consigli, dal momento che gli alimenti consigliati hanno un punteggio e un colore  migliore.

Il Nutri-Score non è presente su tutte le confezioni. Come mai ?
Gli stati membri dell’Unione Europea non hanno il potere di imporre l’etichettatura nutrizionale a livello nazionale. La decisione deve essere presa a livello europeo. Sono in corso discussioni per decidere quale unico logo nutrizionale debba essere applicato in modo obbligatorio a partire dal 2022 in tutta Europa. Il Nutri-Score è ovviamente un candidato importante, perché è l’unico logo ad aver subito una validazione scientifica approfondita (più di quaranta pubblicazioni). Le trattative sono intense. Attualmente, sette stati, tra cui la Francia, hanno riconosciuto il punteggio Nutri-Score come loro logo ufficiale. Nel nostro Paese, più di 500 aziende si sono impegnate a Santé Publique France ad apporre il marchio sui prodotti entro i prossimi due anni, che rappresenta quasi 700 marchi, comprese le private label. Tuttavia, possiamo vedere che c’è un’intensa attività di lobby industriale contro il Nutri-Score. Ciò si riflette in particolare nella volontà di imporre un’etichettatura alternativa notoriamente meno efficace, addirittura dannosa, a volte con argomentazioni non scientifiche.

Nutri-Score-europa
Oltre alla Francia, altri cinque Paesi dell’Unione Europea hanno adottato il Nutri-Score

Chi c’è dietro queste iniziative?
Esiste ovviamente una forte correlazione tra il rifiuto di alcune aziende alimentari di adottare il Nutri-Score per i loro prodotti che in genere registrano un giudizio poco favorevole. È interessante notare che se inizialmente gli industriali hanno spinto queste iniziative poi purtroppo la politica ha preso il sopravvento. Anche in Italia i politici di destra sono intervenuti nel dibattito, impostando un discorso nazionalista in difesa dei prodotti regionali, locali, ecc. A volte queste posizioni sono state supportate  da argomenti fallaci, per esempio i formaggi francesi non sono classificati meglio dal Nutri-Score rispetto ai formaggi italiani! A volte è anche il contrario, con alcuni formaggi italiani più magri rispetto a quelli francesi. Il dibattito è diventato teso anche intorno alla valutazione dell’olio d’oliva specialmente in Spagna (che è uno dei paesi che ha adottato il Nutri-Score). Tuttavia, l’olio d’oliva (insieme all’olio di colza e di noci) ha un punteggio migliore rispetto ad altri oli meno salutari. Il Nutri-Score fa una grande differenza!

Stiamo già vedendo i benefici dell’adozione del Nutri-Score in termini di salute pubblica, nei paesi che lo hanno favorito?
Per quanto riguarda l’impatto diretto su malattie croniche come cancro, obesità, malattie cardiovascolari o mortalità, è ancora troppo presto per commentare. Gli effetti sulla salute sono misurati a lungo termine. Tuttavia, siamo stati in grado di misurare il beneficio indirettamente, sulla base di studi di coorte come NutriNet-Santé in Francia (più di 170.000 partecipanti) o EPIC a livello europeo, che riunisce 500.000 cittadini di 10 paesi. Sono state infatti dimostrate associazioni tra il consumo di alimenti meglio classificati nel Nutri-Score e un minor rischio di insorgenza di diverse patologie. Il nostro lavoro ha dimostrato che, rispetto ad altri sistemi di etichettatura, la comprensione del  Nutri-Score era buona, in particolare nelle categorie socio-professionali con i livelli di istruzione più bassi. Questa scoperta fa dell’etichetta semaforo  uno strumento per ridurre le disuguaglianze sociali nella salute. C’è stato anche un aumento delle vendite dei prodotti con il miglior punteggio, il che dimostra che i consumatori sono sensibili a questo problema. Un primo effetto positivo diretto potrebbe essere un incentivo per i produttori a riformulare i propri prodotti riducendo zuccheri, grassi, ecc. per sfruttare questo effetto e conquistare i consumatori critici nei confronti della qualità nutrizionale degli alimenti che acquistano.

nutri-score danone activia actimel vitasnella etichette a semaforo
L’etichetta a semaforo Nutri-Score assegna giudizi diversi a prodotti che possono sembrare molto simili

Il Nutri-Score cambierà? Perché ad esempio non viene inclusa la presenza di additivi o pesticidi?
Il Nutri-score si concentra sugli aspetti nutrizionali (zucchero, sale, fibre, ecc.) perché ad oggi sono questi i fattori per i quali il livello di evidenza scientifica è il più forte in termini di impatto sulla salute. L’idea è che questo logo incorpori nuove conoscenze scientifiche man mano che viene prodotto e convalidato, con un alto livello di evidenza. È stato costituito un gruppo di lavoro internazionale per proporre miglioramenti al Nutri-Score, a seconda dell’evoluzione delle conoscenze. Ci si interroga sulla questione delle bevande che utilizzano dolcificanti che per il momento sono valutate meglio rispetto alle bevande zuccherate (ma peggio dell’acqua), perché contengono meno zucchero. Tuttavia, ci sono dibattiti scientifici sugli effetti dei dolcificanti che potrebbero far cambiare il punteggio in futuro. Per quanto riguarda gli additivi, per ora, i livelli di evidenza sono ancora limitati. Gli studi sugli animali suggeriscono potenziali rischi associati, ad esempio, al biossido di titanio, ai nitriti o persino a determinati dolcificanti o emulsionanti. Tuttavia, mancano ancora dati sull’impatto a lungo termine sul rischio di malattie croniche nell’uomo. La ricerca è in corso nell’ambito della coorte NutriNet-Santé. Il Nutri-Score sarà completato con questi elementi non appena le conoscenze scientifiche saranno ritenute sufficientemente solide. Un’altra dimensione importante che dovrà eventualmente essere integrata è quella legata alla presenza dei pesticidi, su cui sono in corso anche le ricerche. Tuttavia, che si parli di additivi o di contaminanti ambientali come i pesticidi, questo va oltre il quadro puramente nutrizionale. L’ideale sarebbe quindi, a lungo termine, modificare l’etichettatura verso un logo composito che fornisca informazioni sulle tre dimensioni complementari che possono influenzare l’impatto sulla salute del cibo: qualità nutrizionale con il Nutri-score, ma anche additivi e contaminanti ambientali. Speriamo di raggiungere questo obiettivo negli anni a venire.

Mathilde Touvier, directrice de l’equipe de recherche en epidémiologie nutritionnelle, U1153 Inserm,Inra,Cnam, Université Sorbonne Paris Nord, Inserm

© Riproduzione riservata Foto: fotolia.com, depositphotos.com, Il Fatto Alimentare Video: Pums College

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

alimenti ultra-trasformati attenzione

Per i prodotti ultra-trasformati etichette come quelle del tabacco. L’appello degli esperti

Per decenni il marketing delle grandi multinazionali alimentari ha fatto sedimentare, nel sentire comune, l’idea …

4 Commenti

  1. Avatar

    Si tratta piuttosto di rendere i consumatori consapevoli di quale dovrebbe essere l’equilibrio nutrizionale complessivo.

    Tuttavia, che si parli di additivi o di contaminanti ambientali come i pesticidi, questo va oltre il quadro puramente nutrizionale.

    In che modo queste affermazioni possono essere inglobate nel semaforo?
    La seconda affermazione è poi censurabile per chiunque si occupi di alimentazione.

    • Avatar
      Brogioni Silvia

      Non capisco sig. Gianni quale sia la sua obiezione in merito a questa intervista che mi pare spieghi in maniera esaustiva e chiara le funzioni del Nutri Score e anche i futuri aggiustamenti che potrà subire. Per quanto riguarda I pesticidi, non sono certo di competenza di un nutrizionista, è la legge che stabilisce quali sono i parametri da accettare, così come gli additivi, e la legge che stabilisce quelli che sono ammessi e le quantità tollerabili (oltre tutto additivo non necessariamente è da intendersi come prodotto di sintesi, vitamina C ed E possono essere aggiunti a tale scopo come antiossidanti; se si strizza del succo di limone sui carciofi per non farli annerire, abbiamo aggiunto un antiossidante). Purtroppo alcune parole generano nelle persone paure immotivate.

  2. Avatar

    Non va bene così ma ho capito che non si può criticare il nascituro………
    Interessante il riferimento al succo di limone, una parola magica per le mie orecchie, ecco per capire mi piacerebbe sapere il suo parere sull’equivalenza presunta tra il succo di limone e l’acido citrico di produzione industriale che sicuramente viene considerato componente favorevole……….

    • Roberto La Pira

      Il Nutri-Score non è un’enciclopedia e non può esserlo. È un sistema semplice e utile che decodifica la tabella nutrizionale. La differenza? Un succo di limone contiene anche l’acido citrico ma non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *