Home / Richiami e ritiri / Preservativi: Durex ritira lotti difettosi. La notizia rilanciata nelle pagine dei supermercati finora riservate ai richiami alimentari

Preservativi: Durex ritira lotti difettosi. La notizia rilanciata nelle pagine dei supermercati finora riservate ai richiami alimentari

Durex preservativi Coop all’inizio di agosto, sulla pagina che ospita l’elenco  degli alimenti ritirati dagli scaffali, ha inserito il richiamo di due lotti di preservativi Durex difettosi per cui potrebbe verificarsi un aumento nel numero di casi di rottura durante l’applicazione o l’uso.  La novità è rilevante perché finora Ikea era l’unica catena che, a fianco della lista degli alimenti ritirati dal mercato, pubblicava anche quella dei beni di consumo difettosi. Le insegne di iper e supermercati, pur avendo in assortimento migliaia di prodotti non alimentari, raramente davano queste notizie. Per capire meglio l’importanza della novità, va ricordato che la storia delle campagne di richiamo inizia nel 2013, con l’avvio di una petizione promossa da Il Fatto Alimentare. Il testo chiedeva alle catene di pubblicare la lista dei prodotti alimentari ritirati dagli scaffali – come prevedeva una legge del 2002. L’invito era valido anche per il Ministero della salute che, al pari dei supermercati, aveva dimenticato di applicare la normativa europea. L’appello è stato raccolto, e adesso 25 catene propongono sui loro siti una pagina dedicata ai richiami che ora sembra estendersi anche ai prodotti non alimentari. Anche il Ministero della salute si è adeguato e, nel gennaio 2016 dopo numerose sollecitazioni, ha inaugurato questo servizio.

preservativi durex
Tipologia e numero di lotto dei preservativi Durex ritirati perché difettosi

La novità è che nelle ultime settimane nelle pagine dei ritiri dei supermercati non c’è solo il richiamo dei preservativi Durex, Auchan e Simply  hanno ritirato un asciugacapelli Aldi segnala  il gancio difettoso di un modello di amache,  Lidl un set per cablaggio …. Insomma le pagine dei richiami e dei ritiri dei prodotti alimentari stanno diventando un elenco con i nomi di tutti i prodotti  difettosi o pericolosi ritirati dal mercato dalle aziende.

Si tratta di una bella notizia, perché la decisione è stata presa autonomamente dalle insegne, senza un obbligo specifico. È auspicabile che l’iniziativa venga presto adottata anche dalle altre catene. L’altro aspetto da sottolineare è che in Italia l’avviso dell’esistenza di prodotti difettosi veniva dato  in modo saltuario da poche aziende attraverso annunci sui quotidiani e un avviso sul sito aziendale. Anche il Ministero della salute  pubblica la lista prodotti non alimentari insicuri, ritirati dalle autorità sanitarie. Si tratta però quasi sempre  di piccoli giocattoli, gadget, cineserie, oppure di  tinture per tatuaggi, thermos…  ritenuti pericolosi per la salute. Analogo comportamento è stato adottato per i  preservativi Durex trattandosi di un presidio medico chirurgico venduto in  farmacia.

Alla luce di queste scelte aziendali è facile prevedere che aumenterà in modo considerevole il numero di consumatori informati sui prodotti difettosi che potranno essere sostituiti gratuitamente come avviene negli altri Paesi europei.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

richiamo naturasi latte di cocco ecomil baule volante cioccobi fondente

NaturaSì richiama latte di cocco Ecomil per allergeni non dichiarati e Cioccobì fondente Baule Volante per frammenti di plastica

NaturaSì ha diffuso il richiamo di un lotto di bevanda a base di latte di …