Home / Richiami e ritiri / Croccanti con sesamo richiamati per presenza di ossido di etilene oltre i limiti

Croccanti con sesamo richiamati per presenza di ossido di etilene oltre i limiti

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo di numerosi lotti di croccanti Sesacrock e Cerealcrock sesamo a marchio iSiciliami, per la presenza di semi di sesamo con “un contenuto di ossido di etilene superiore ai limiti di legge”. I prodotti interessati sono:

  • Croccante di sesamo Sesacrock, in confezioni da 125 grammi con i numeri di lotto 275K81, 290K81, 322K81, 329K81, 338K81, 007K91, 029K91, 050K91, 075K91 e 099K91, e i termini minimi di conservazione (Tmc) 31/03/2021, 15/04/2021, 16/05/2021, 23/05/2021, 02/06/2021, 06/07/2021, 28/07/2021, 18/08/2021, 15/09/2021 e 08/10/2021.
  • Croccante Cerealcrock sesamo, in confezioni da 40 grammi con i numeri di lotto 308N81, 323N81, 338N81, 342N81, 014N91, 033N91, 050N91, 083N91 e 099N91, e i Tmc 02/05/2021, 17/05/2021, 02/06/2021, 06/06/2021, 13/07/2021, 01/08/2021, 18/08/2021, 23/09/2021 e 31/12/2021.

I croccanti richiamati sono stati prodotti dall’azienda Il Gusto della Tradizione di G. Arnone & C. Snc, nello stabilimento di Via Francia 6A a Favara nel libero consorzio comunale di Agrigento.

Per precauzione, si raccomanda di non consumare i prodotti con i numeri di lotto e i termini minimi di conservazione segnalati e restituirli al punto vendita d’acquisto. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il produttore al numero 0922 415275 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00, oppure all’indirizzo e-mail info@isiciliami.com

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 83 richiami, per un totale di 119 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: ministero della Salute

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Carrefour richiama barrette di farro bio: presenza di solfiti non dichiarati in etichetta

I supermercati Carrefour hanno richiamato un lotto di barrette di fiocchi di farro e farro …

Un commento

  1. Buongiorno,
    Prima che scattasse l’allerta sul sesamo contaminato da ossido di etilene acquistai una confezione di Tahina el Amier prodotta in Grecia ma come essere sicuri che il sesamo usato sia di origine greca e non indiana? Dopo quanto letto al riguardo dei controlli effettuati solo dopo il rinvenimento fortuito dell’ossido di etilene ho eliminato anche la confezione di semi pur non presente tra i lotti in allerta ma comunque di origine indiana.
    Mi scuso di aver espresso alla fine di questo articolo le mie domande ma non ho trovato la possibilità di farlo nella sezione commenti dell’articolo del 21 gennaio 2021 su Tahin e gomasio sono sicuri?
    Grazie.