Home / Video News / Evitare il rischio botulino nelle conserve fatte in casa. Tutte le regole nel video dell’IZSVe

Evitare il rischio botulino nelle conserve fatte in casa. Tutte le regole nel video dell’IZSVe

conserve sottolio sottaceti passata albicocche olive pomodoro verduraLe conserve fatte in casa, a base di verdura, frutta, carne o pesce, possono costituire un rischio per la salute a causa della possibile presenza di un batterio, il Clostridium botulinum, meglio conosciuto come botulino. Se ingerita, la tossina botulinica prodotta dal batterio causa tutti i sintomi tipici di una paralisi: vista annebbiata, bocca secca, affaticamento e debolezza, seguiti dalla paralisi vera e propria, che nei casi più gravi porta ad un arresto respiratorio. Ecco come la tossina arriva nelle nostre tavole e le regole da seguire per non correre rischi, tutto questo in un video della serie “100 secondi” realizzata dagli esperti dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie.

Il botulino è presente in forma vegetativa come spora che, se entrata in contatto con l’alimento, rilascia la tossina nell’alimento stesso. Questo processo può avvenire proprio nelle conserve poiché lo sviluppo del botulino avviene in ambienti privi di ossigeno. Perciò quali sono le regole da adottare nelle mura domestiche per evitare rischi alimentari in passate di pomodoro, sottaceti e prodotti sott’olio?

Lavare bene mani, attrezzature e materie prime; utilizzare aceto con valori di acido acetico non inferiori al 5%; usare pentole capienti (almeno 5 centimetri d’acqua sopra il tappo dei contenitori); sostituire guarnizioni e tappi ad ogni utilizzo; non riempire i contenitori fino all’orlo; durante il trattamento termico avere sempre i vasetti immersi nell’acqua; dopo il raffreddamento assicurarsi che i tappi siano incurvati verso l’interno; prima del consumo controllare che i contenitori non abbiano subito sversamenti di liquido o perdita del vuoto; il prodotto non deve presentare bollicine e colori o odori innaturali; conservare in frigorifero dopo l’apertura cercando di consumare l’alimento il prima possibile.

Di seguito il video dell’IZSVe:

©Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

aglio patate cipolle conservare geo Paparella

Patate, cipolle e aglio: come conservarli senza sorprese? I consigli del professor Antonello Paparella

Patate, cipolle e aglio sono alimenti presenti nelle cucine di tutti gli italiani, ma sappiamo …

3 Commenti

  1. Avatar
    Mario GL Botturi

    Ottima iniziativa.

  2. Avatar

    Buongiorno e grazie. Un ottimo promemoria, ma sarebbe utile un altro dato: per quanti minuti vanno fatti bollire i vasi sigillati, secondo la categoria degli ortaggi contenuti.
    E magari anche riguardo le conserve di frutta. Grazie.

    • Valeria Nardi

      Come si legge anche all’interno delle Linee guida dell’ISS: “Il tempo necessario affinché la pastorizzazione sia efficace dipende dal tipo di conserva, dal tipo di contenitore e dalla sua grandezza. Tale tempo va misurato partendo dal momento in cui l’acqua raggiunge una vigorosa ebollizione. Nel caso in cui l’ebollizione sia interrotta, la misura del tempo di trattamento va interrotta e ripresa dall’inizio quando l’acqua bollirà nuovamente. Nei contenitori di metallo gli scambi termici sono più veloci ed il tempo di pastorizzazione è minore rispetto ai contenitori di vetro, al contrario contenitori più grandi necessitano di tempi di pastorizzazione maggiori.”