Home / Nutrizione / Bambini e junk food: in UK spariranno gli snack alle casse, gli spot in tv prima delle 21 e le offerte 2×1 di alimenti poco sani

Bambini e junk food: in UK spariranno gli snack alle casse, gli spot in tv prima delle 21 e le offerte 2×1 di alimenti poco sani

junk foodIl Regno Unito ha scelto la linea dura contro il cibo spazzatura e gli spot in televisione diretti ai bambini. Il segretario alla salute, Jeremy Hunt, sta pianificando nuove leggi, per contrastare il dilagante problema dell’obesità e del sovrappeso infantile. Secondo quanto riferisce il Telegraph, la strategia da portare avanti su vari fronti prevede: il divieto delle offerte 2×1 di cibo spazzatura e anche la vendita di dolci, caramelle e cioccolatini nella zona delle casse, per limitare gli acquisti di impulso. Secondo il governo infatti i supermercati influenzano le scelte dei consumatori quando decidono come posizionare alcune categorie di alimenti all’interno dei punti vendita o se propongono prodotti a prezzi stracciati.

Si tratta di un piano importante, ma che potrebbe arrivare in ritardo rispetto all’analoga iniziativa decisa da numerose catene di supermercati che da tempo hanno rivoluzionato le avancasse offrendo cibi con un profilo nutrizionale più bilanciato. In Italia la catena di supermercati U2 è stata la prima a modificare l’assortimento delle avancasse, per tutti i punti vendita dal 2016, mentre dal 2018 anche Coop ha preso una decisione simile che riguarda però solo alcune casse dei punti vendita.

obesità infanzia bambini junk food
La televisione che non dovrà proporre pubblicità di junk food prima delle 21:00

Nel Regno Unito le altre restrizioni riguarderanno la televisione che non dovrà proporre pubblicità di junk food prima delle 21:00, un divieto analogo a quello applicato alle scene di sesso e di violenza. Il nuovo piano del governo potrebbe bandire i personaggi dei cartoni, i super eroi e altre celebrità dagli spot e dalla pubblicità di cibi spazzatura.

Anche le bevande energetiche passeranno sotto la scure dei ministri che dovranno decidere se renderne illegale la vendita ai minori di 16 anni.
Infine potrebbe essere introdotta una “sugar tax” su alcune categorie di alimenti come biscotti, torte, budini, cereali… analoga a quella applicata sulle bevande entrata definitivamente in vigore da poche settimane. In un primo momento il governo britannico aveva chiesto alle aziende una riduzione volontaria del 20% dello zucchero presente in alcuni cibi, da raggiungere gradualmente entro il 2020. L’industria alimentare però è lontana dall’obbiettivo, e il governo probabilmente passerà a misure più forti per contrastare quella che è una vera e propria emergenza sanitaria, visti anche i dati allarmanti del Public Health England, agenzia del Dipartimento della salute del Regno Unito. Stando alle ultime statistiche all’inizio della scuola primaria il 22,5% dei bambini inglesi è obeso o in sovrappeso, alla fine la percentuale sale al 34,5%.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

alcol birra alcolici sovrappeso obesità

Non diminuisce il consumo di alcol in Italia: sono più di 8 milioni i bevitori a rischio. Sempre più preoccupante l’impatto su salute e società

Sono 8,6 milioni e non accennano a diminuire i bevitori a rischio in Italia, tra …

Un commento

  1. Dobbiamo essere pro-attivi ed agire prima di raggiungere percentuali critiche di obesità/sovrappeso infantile.

    Mi auguro che l’attuale ministro della sanità-salute si adoperi in tal senso.