Home / Supermercato / Snack salutari alle casse della Coop. Parte la sperimentazione tre anni dopo Unes e la nostra petizione

Snack salutari alle casse della Coop. Parte la sperimentazione tre anni dopo Unes e la nostra petizione

SnackNel 2014 Il Fatto Alimentare aveva lanciato una petizione su Change.org per chiedere la rimozione di snack poco salutari posizionati davanti alle casse dei supermercati, ispirandosi ad alcune iniziative attivate in Europa. L’acquisto dei prodotti esposti in quest’area è strettamente collegato a decisioni impulsive o guidate dai capricci dei bambini, e si tratta perlopiù di alimenti molto sbilanciati a livello nutrizionale.

Un anno dopo la petizione, la catena di supermercati U2 aveva annunciato di voler modificare l’assortimento delle avancasse, per tutti i punti vendita entro il 2016, togliendo dolciumi e caramelle per fare posto a snack salutari.

A distanza di quattro anni anche Coop sembra aver invertito la rotta. “Da metà maggio – ci spiega Claudio Mazzini per Coop Italia – partirà la sperimentazione delle prime avancasse dedicate al benessere e gli alimenti sani con i prodotti a nostro marchio. Privilegeremo gli snack monoporzione a base di noci e semi, verdura e frutta disidratata, barrette ai cereali, caramelle di frutta, cibi biologici e soprattutto con un buon profilo nutrizionale.”

L’azienda partirà con circa 900 postazioni salutiste, pari al 10/15% del totale. “Nella prima fase – continua Mazzini – vogliamo misurare il gradimento effettivo del progetto.” In particolare saranno esposti prodotti a marchio Coop delle linee Bene.sì e Viviverde. L’obbiettivo è quello di far acquistare al consumatore, anche quando si tratta di acquisti di impulso, uno snack veloce che non apporti troppi zuccheri, grassi, sale e sia privo di conservanti e coloranti.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Bottle of tomato juice and fresh tomatoes, organic healthy food concept

Eurospin, 20 milioni di bottiglie di passata di pomodoro comprate sottocosto! La denuncia di Terra! Onlus e Flai Cgil

31,5 centesimi: è il prezzo che Eurospin avrebbe pagato per ciascuna delle 20 milioni di …

Un commento

  1. La trovo una buonissima iniziativa