Home / Supermercato / Snack salutari alle casse della Coop. Parte la sperimentazione tre anni dopo Unes e la nostra petizione

Snack salutari alle casse della Coop. Parte la sperimentazione tre anni dopo Unes e la nostra petizione

SnackNel 2014 Il Fatto Alimentare aveva lanciato una petizione su Change.org per chiedere la rimozione di snack poco salutari posizionati davanti alle casse dei supermercati, ispirandosi ad alcune iniziative attivate in Europa. L’acquisto dei prodotti esposti in quest’area è strettamente collegato a decisioni impulsive o guidate dai capricci dei bambini, e si tratta perlopiù di alimenti molto sbilanciati a livello nutrizionale.

Un anno dopo la petizione, la catena di supermercati U2 aveva annunciato di voler modificare l’assortimento delle avancasse, per tutti i punti vendita entro il 2016, togliendo dolciumi e caramelle per fare posto a snack salutari.

A distanza di quattro anni anche Coop sembra aver invertito la rotta. “Da metà maggio – ci spiega Claudio Mazzini per Coop Italia – partirà la sperimentazione delle prime avancasse dedicate al benessere e gli alimenti sani con i prodotti a nostro marchio. Privilegeremo gli snack monoporzione a base di noci e semi, verdura e frutta disidratata, barrette ai cereali, caramelle di frutta, cibi biologici e soprattutto con un buon profilo nutrizionale.”

L’azienda partirà con circa 900 postazioni salutiste, pari al 10/15% del totale. “Nella prima fase – continua Mazzini – vogliamo misurare il gradimento effettivo del progetto.” In particolare saranno esposti prodotti a marchio Coop delle linee Bene.sì e Viviverde. L’obbiettivo è quello di far acquistare al consumatore, anche quando si tratta di acquisti di impulso, uno snack veloce che non apporti troppi zuccheri, grassi, sale e sia privo di conservanti e coloranti.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Conad compra i supermercati Auchan e Simply e passa da 3200 a 4800 punti vendita in Italia

Conad, che in Italia rappresenta la più ampia organizzazione di imprenditori indipendenti del commercio al …

Un commento

  1. La trovo una buonissima iniziativa